Dodici rose a settembre

dodici rose a settembre

  • Titolo: Dodici rose a settembre
  • Autore: Maurizio de Giovanni
  • Casa Editrice: Sellerio
  • Data di pubblicazione: 29 Agosto 2019

Ogni nuova uscita di Maurizio de Giovanni è accompagnata da una sorta di rito che faccio insieme al mio gruppo che ormai avete imparato anche voi a conoscere, i mitici #deGiovanners. Lo aspettiamo insieme e ci diamo appuntamento a lettura terminata per poterne parlare liberamente. Dopo la fine del ciclo dedicato a Ricciardi ho notato che questo Dodici rose a settembre (Sellerio) era meno atteso rispetto al solito, come se tutte le energie le avessimo dirottate sull’altro personaggio che tanto ci ha fatto soffrire e gioire e soprattutto devo ammettere che mi sono avvicinata a questo nuovo libro con molto sospetto e soprattutto timore: ma questa Mina Settembre mi piacerà?

Ai Bastardi ci arrivai perché in piena febbre Ricciardi e avendo letto tutti i libri a lui dedicati avevo bisogno di colmare il vuoto con qualcosa e al più presto possibile e mi dirottai sui primi libri incentrati sul nucleo di Pizzofalcone. Con Sara (il personaggio sviluppato per Rizzoli) le cose non sono andate bene: empatia zero e abbandonata al primo libro. I Guardiani (sempre made in Rizzoli) sono un capitolo che ho preferito dimenticare più in fretta possibile. Capite bene che non era scontato che questa Gelsomina detta Mina facesse breccia nel mio cuore di lettrice, perché anche gli autori del cuore sbagliano e dire il contrario significa solo mentire.

Basta chiacchiere e arriviamo a parlare del libro. Gelsomina Settembre era già apparsa in due racconti contenute in due antologie Sellerio: Un giorno di Settembre a Natale, in Regalo di Natale Un telegramma da Settembre in La scuola in giallo. Con Dodici rose a settembre si è guadagnata un romanzo tutto per sé.

Mina è una donna che ha superato i quaranta con una vita dai tanti sogni infranti. Un matrimonio con un magistrato che è terminato con un divorzio e che l’ha costretta a tornare a vivere nella cameretta in cui è cresciuta a casa da mammà, una donna costretta sulla sedia a rotelle, con un lingua affilata ed un parlato colorito. Lo sport preferito della mamma di Mina è ricordare alla figlia che fallimento totale è la sua vita, senza uno straccio d’uomo e con un impiego che tutto si può definire tranne che lavoro. Mina infatti è un’assistente sociale in un consultorio di Napoli situato in un palazzo fatiscente dei Quartieri Spagnoli, dove ogni giorno è costretta a misurarsi con i pochi mezzi a disposizione e la ristrettezza mentale delle persone che vanno da lei per ogni tipo di consulto.

Con lei il dottore Domenico Gammardella «chiamami Mimmo», un nuovo ginecologo somigliante a Robert Redford che fa impazzire le donne di mezza Napoli le quali passano ore in fila da lui pur di farsi visitare e «Rudy» Trapanese il portiere dello stabile che alle forme di Mina, una bella quinta abbondante, proprio non sa resistere.

«Mi chiamo Flor, ho undici anni, e sono qui perché penso che mio padre ammazzerà mia madre».

È proprio Flor un giorno a chiedere l’aiuto di Mina e «chiamami Mimmo», stanca di vedere il padre massacrare di botte la madre, convinta che prima o poi la poverina possa rimetterci la vita.

«La legge è un recinto, dentro il quale e fuori dal quale si muovono gli esseri umani. E se qualcuno si trova nei guai, la legge non dovrebbe essere un impedimento a dargli una mano, ma un supporto. Hai capito?».

Parallelamente una specie di serial killer sta seminando paura in città, firmando i suoi omicidi con un mazzo di dodici rose che fa recapitare alla vittima una alla volta.

Il doppio binario è una delle idee vincenti del romanzo. Mentre seguiamo le sventure di Mina, della sua vita e del suo lavoro, seguiamo non senza apprensione e giusta suspense la storia del serial killer che, senza svelare troppo della trama, andranno per forza di cose ad intrecciarsi. Maurizio de Giovanni con questo nuovo personaggio fa centro. Divertente, spiritoso, con la cazzimma giusta e tante cose ancora da dirci, Mina è il personaggio nuovo che aspettavamo e a cui volevamo affezionarci: una buonissima ventata fresca di cui avevamo bisogno. Fondendo commedia e noir Maurizio mette su un romanzo niente male: gran colpo Maestro, qui già aspettiamo il prossimo.

Buenos Aires, espérame.

file-1 (1)

Uno dei tanti pregi dei libri è la possibilità di poter viaggiare stando comodamente sdraiati sul divano di casa propria. La Barcellona di Zàfon, la Delft raccontata da Tracy Chevalier e tante altre città che ho conosciuto grazie alle pagine dei libri letti, con la speranza un giorno di vederle con i miei occhi.

Mi sono innamorata di Buenos Aires dopo aver letto Dio si è fermato a Buenos Aires scritto a quattro mani da Marco Marsullo e Paolo Piccirillo, uscito per Laterza nell’ottobre del 2014. Prima l’Argentina e la sua capitale erano per me mete come tante, di cui sapevo poco e ignoravo molto. Quando il loro libro mi è capitato tra le mani e ho iniziato a leggerlo ne sono stata completamente rapita e in un attimo con la testa ero tra i barrios di Buenos Aires, magari seduta a un tavolo a bere un mate e a gustare les empanadas.

Buenos Aires me la immagino come una città in costante fermento, ricca di storia e cultura, di artisti e scrittori. Le strade di Buenos Aires ormai sono le mie viscere, scriveva Jorge Luis Borges (probabilmente lo scrittore porteños più conosciuto) ne “Le strade“, uno dei suoi componimenti più belli, una vera e propria dichiarazione d’amore per la sua città (ad essa ha dedicato anche Fervore di Buenos Aires, edito Adelphi).

Buenos Aires e la letteratura, Buenos Aires e i libri, binomi inscindibili. Come scrive Piccirillo, a Buenos Aires c’è la avenida Santa Fè che unisce l’avenida 9 de Julio, il Cerrito e la avenida del Libertador a quello che è il quartiere più grande ed importante della città: Palermo.

Nei pressi del giardino botanico a pochi passi da Plaza Italia, c’è una specie di mercatino permanente che occupa un centinaio di metri del marciapiede al centro della strada […] All’ingresso c’è scritto Feria Del Libro e sull’ala aperta di una bancarella c’è la faccia di Julio Cortazar.

Dopo la prima tappa al mercatino di libri che noi fervidi lettori non possiamo lasciarci sfuggire, proseguiamo verso Plaza de Mayo, luogo rappresentativo della città e simbolo dell’indipendenza dalla Spagna e dove si riuniscono le madri dei desaparecidòs per ricordare i figli uccisi o scomparsi durante la dittatura dal 1976 al 1983. Presente en la plaza la Casa Rosada (sede degli uffici della Presidenza della Repubblica) dove un tempo si affacciava Evita Peron per parlare al suo popolo.

Particolarità negativa di questa piazza è, come scrive Marsullo:

Grate nere alte un paio di metri, sono fissate sull’asfalto a mo’ di gabbia. Alcuni varchi al centro della piazza sono aperti per lasciar passare le persone, ma è chiaro che, in un attimo, la polizia può scegliere di recintare il perimetro per non lasciar passare nessuno e proteggere la Casa Rosada e, più avanti ancora altri edifici del Governo argentino. Spaventoso, a osservarlo. Ancora più terrificante a pensarlo. Pensare che da queste parti la gente venga chiusa in gabbia, tenuta a bada come bestie feroci, addomesticata con la forza e mai con la parola. Spaventoso pensare che il Governo argentino abbia talmente tanto timore delle rappresaglie furiose che l’unico modo per salvarsi la vita, prima che il potere, sia questo. Gabbie. Ferro.

Tornando ad Evita Peron, prossima tappa è il Cimitero della Recoleta, definito tra i più belli al mondo dove Maria Eva Duarte de Peron riposa (vi invito a leggere Santa Evita edito SUR di Tomàs Eloy Martinez, il romanzo più tradotto della storia della letteratura argentina).

Il rapporto politica-Stato è stato un rapporto complicato e sofferente, vista la travagliata storia civile dell’Argentina. L’emblema di tutto ciò è l’ESMA, la Escuela Superior de Mecànica de la Armada, scuola militare argentina, teatro per lungo tempo delle torture di chi veniva imprigionato.

Una volta dentro non si esisteva più, non si era né vivi né morti, si diventava desaparecidòs […] Oggi la ESMA non è più la scuola che era, è un museo della memoria.

E dire che il Presidente della Repubblica Carlos Menem voleva distruggerlo e far erigere un monumento dedicato al popolo argentino che però si oppose fermamente. Non era distruggendo la storia che si mostrava rispetto, anzi, il ricordo di quella parte orribile di passato doveva restare, magari per evitare di ripeterlo (se volete approfondire, vi consiglio il libro di Rodolfo Walsh, Operazione Massacro edito La Nuova Frontiera; Walsh dopo questo libro è entrato nel lungo elenco dei desaparecidòs).

Autori che nei propri libri provarono ad accennare alle torture vennero censurati e di conseguenza costretti a lasciare il proprio Paese. Uno degli esempi è quello di Manuel Puig. Il suo The Buenos Aires Affair del 1973 nonostante la ristampa immediata che significava ottimo apprezzamento da parte dei lettori, venne prima redatto togliendo le parti censurate, poi ritirato e mandato direttamente al macero. Dopo varie minacce Puig decise di lasciare l’Argentina e per anni fu un autore vietato che decise di non rimettere piede in terra natia neanche dopo la fine del regime. Di Manuel Puig consiglio vivamente il suo bellissimo e struggente Scende la notte tropicale, Sellerio.

Per alleggerire un po’ il nostro percorso, altra tappa, per amanti del calcio e non, è lo stadio de La Bombonera.

La Bombonera è un’esperienza di odori e immaginazione. In questo stadio, Diego Armando Maradona, è stato contemporaneamente tifoso e calciatore. Condottiero e falange oplitica. Padrone e schiavo di se stesso. Perché l’anno in cui Maradona giocò con Boca Juniors da queste parti se lo ricordano bene, e mentre cammini tra gli spalti, negli spogliatoi, nei cunicoli dell’impianto, lo senti, l’odore.

Libri citati:

PS: su GoodBook troverete un bel po’ di post di amiche blogger che vi faranno girare il mondo, non perdeteli.

(Questo post è in collaborazione con GoodBook)