Il 2020 in libri | Classifica dei migliori dell’anno

Siamo arrivati a quella parte dell’anno che grida da ogni angolo: CLASSIFICA.

Non c’è niente di più bello per me che compilare la lista dei migliori libri che mi hanno accompagnato in questo pazzo, folle, assurdo e drammatico 2020 che vorrei cancellare per sempre da ogni ricordo. Dirò una cosa molto banale (per me no, per gli altri boh), ma quest’anno i libri mi hanno aiutato tantissimo. Nella prima parte dell’anno caratterizzata dall’incertezza e dalla paura del lockdown, per quanto la mia mente non fosse libera dall’ansia e dalle mille preoccupazioni, i libri sono stati i miei fedeli compagni, gli unici momenti di evasione che mi erano permessi. Non avevo la concentrazione che ho di solito e di questo mi sono lamentata molto, così come non sempre c’erano giornate in cui riuscivo a leggere, ma quando questo capitava, il solo sapere di avere una storia che mi stata aspettando mi faceva stare meglio. Quando mi chiedono «come fai a leggere tanto?» vorrei rispondere «come fai a non leggere affatto?», perché non c’è niente di più salvifico di un libro, non c’è niente di più bello di una storia, non c’è niente di più potente della lettura.

Il momento chiacchiericcio è terminato, tranquilli, andiamo subito avanti.

Il 2020 è stato ottimo da punto di vista della lettura (solo per quello a dire il vero), ho letto di più, ho avuto modo di recuperare alcuni autori, di portare a termine il mio programmino di scoperta della letteratura sud americana (SUR, grazie), di leggere qualche altro pilastro della letteratura russa (ciao, Delitto e Castigo, anche quest’anno non sto parlando di te) e ovviamente di stare quanto più possibile al passo con le novità.

Classifica? È ora.

  • Tutto chiede salvezza di Daniele Mencarelli (Mondadori) & La città dei vivi di Nicola Lagioia (Einaudi)
  • Malinverno di Domenico Dara (Feltrinelli)
  • Mai stati così felici di Claire Lombardo (Bompiani)
  • La casa sull’argine di Daniela Raimondi (Nord)
  • Il ritratto di Ilaria Berdardini (Mondadori)
  • Bordo sud di Donatella Di Pietrantonio (Einaudi)
  • La strada di casa di Kent Haruf (NN Editore)
  • Gli anni invisibili di Rodrigo Hasbun (SUR)
  • Aria di novità di Carmen Korn (Fazi Editore)

Il primo posto è giustamente occupato da non uno, ma due libri e il motivo è presto detto. Quando ho letto Tutto chiede salvezza di Daniele Mencarelli ho subito pensato di trovarmi di fronte a un libro eccezionale come pochi. Per mesi e mesi ho detto che per me la classifica si poteva già chiudere e che quello era il miglior libro del 2020. Quando poi ho letto il libro di Nicola Lagioia La città dei vivi mi sono dovuta ricredere, perché nessuno mi aveva preso in quel modo, nessuno mi aveva ossessionato così: il primo posto ha abbastanza spazio da poter accogliere entrambi.

Malinverno di Domenico Dara è il libro che tutti i lettori ameranno, perché parla il linguaggio di noi dipendenti dalle storie. Per la serie saghe famigliari che tanto amo Mai stati così felici, La casa sull’argine e Aria di novità (che giunge al termine) sono quelle che ho maggiormente amato. Il ritorno inatteso di Donatella Di Pietrantonio con Borgo Sud non poteva non figurare tra le migliori letture di quest’anno mentre Il ritratto di Ilaria Bernardini è stata una vera e propria piacevole scoperta.

Arriviamo al capitolo Kent Haruf. Qualche anno fa ho letto Benedizione ed ero tornata ad Holt con Le nostre anime di notte. Per motivi a me ignoti ho sempre rimandato la lettura degli altri libri almeno fino a questo agosto quando complice la noia mortale che mi affliggeva e la presenza degli altri libri sul mio Kindle mi sono decisa ad iniziare. Grazie, Kent, non piangevo così da non so quanto tempo. Crepuscolo prima e Canto della Pianura poi, mi hanno devastata e come se non bastasse La strada di casa mi ha dato il colpo finale. In tutto ciò avrei ancora Vincoli che attenderà un bel po’ prima di essere letto, perché non mi piace sapere che dopo quello non avrò più niente di Kent Haruf da leggere.

Come accennavo sopra, quest’anno ho deciso di approfondire meglio la letteratura sud americana cosa che sono riuscita a fare grazie alla Sur che considero una vera e propria scoperta. Rodrigo Hasbun, Vera Giaconi, Carlos Manuel Álvarez, Silvina Ocampo, Adolfo Bioy Casares e Samanta Schweblin sono stati gli autori che mi hanno fatto viaggiare da un Paese all’altro dell’America Latina: la promessa per il 2021 è quella di non fermarmi.

Luglio, col bene che ti voglio vedrai non finirà| No, luglio, finisci in fretta!

unnamed

Ebbene sì, lo ammetto, ero già entrata in modalità «chiuso per ferie» con gli appuntamenti rimandati tutti a settembre. Non so voi, ma questo caldo mi toglie le energie per fare tutto, fa talmente caldo che mi si sciolgono anche i pensieri. L’unica cosa che mi fa stare meglio, oltre a controllare la voce «temporali in arrivo» ogni dieci minuti su Google, sono i miei amabili libri e le serie TV (al momento sono in periodo re-watch, niente di nuovo sul fronte occidentale, o almeno niente che meriti di essere riportato qui). Prometto di rubarvi pochissimo tempo, perché come dicevo qualche riga più su, fa caldo e se come me non siete a sollazzarvi su qualche spiaggia non avete certo voglia di leggere i miei deliri, meglio starsene sotto un condizionatore sparato a palla.

Nelle ultime settimane, anzi negli ultimi giorni, a farmi compagnia sono stati questi quattro libri tutti editi dalla Sur, casa editrice che ahimè conoscevo poco. I libri da loro pubblicati sono stati un segno del destino, perché era mia intenzione ampliare la mia conoscenza sulla letteratura sud-americana, altra mia grande pecca e nel loro catalogo c’è solo l’imbarazzo della scelta. Sono letture veloci, ma con un carico di emozioni potente e variegato. In «Cadere» di Carlos Manuel Alvarez i componenti di una famiglia si alternano nel raccontare la loro storia. C’è una madre e la sua malattia che ha scombussolato gli equilibri di tutti, i figli presi dalla loro vita e dai loro problemi e un padre impegnato a prendersi cura di tutti senza dimenticarsi di se stesso e del suo sogno. «Gli anni invisibili» di Rodrigo Hasbun, che al momento ha scalato la classifica dei libri più belli di questo 2020, due amici si rincontrano in un bar dopo svariati anni; entrambi cercheranno di tornare con i ricordi a quel giorno che gli cambiò la vita. «Persone care» di Vera Giaconi è un bellissimo susseguirsi di dieci racconti, sulla famiglia, sulle relazioni e sui legami interpersonali. Per chiudere «Distanza di sicurezza» di Samanta Schweblin è un dialogo serratissimo tra una madre e un figlio che vi trascinerà come i solo i vortici sanno fare. Inutile dire che ve li consiglio tutti e quattro, credetemi sulla fiducia.

fleabag

Di serie TV ne parlo in maniera più dettagliata sul blog della mia cara amica Giuditta, in uno spazio che ha pensato appositamente per me e che si chiama #InSerie. «Fleabag» è una serie che mi ha strappato il cuore e che sento il bisogno di vedere ogni tanto (sempre per la serie che quando soffri vuoi soffrire di più). Non è un caso che la mia prossima maratona sarà quella di «High Fidelity» e che nelle mie ultime serate a farmi compagnia ci sono stati solo ed esclusivamente i film di Pedro Almodovar. Il mio ciclo è iniziato con «Donne sull’orlo di una crisi di nervi» (Pepa e Candela, le amo alla follia), è proseguito con «La mala educacion» e si è concluso con i due pezzi da novanta: «Tutto su mia madre» e «Volver».

Benissimo lettori, penso di aver chiacchierato abbastanza. Spero di avervi fatto pensare poco al caldo e un po’ di più ai libri. Noi ci rileggiamo a settembre: buone vacanze.