Mars Room| Rachel Kushner

mars room

Il fatto è che continui a esistere che tu abbia in programma di farlo o meno, finché non smetti di esistere, se allora i tuoi programmi vanno in farsi fottere comunque. Ma non avere programmi non significa non pentirsi di niente.

Ci sono eventi che diventano delle vere e proprie linee di demarcazione e che stabiliscono un prima e un dopo nella vita di chi li vive. Il prima nella vita di Romi è quando faceva la spogliarellista al Mars Room; il dopo è il penitenziario dove Romi sta scontando la sua pena. Nel mezzo un’accusa di omicidio che l’ha costretta ad abbandonare la sua vita fuori e ad accettare, per quanto possibile, il suo destino dietro le sbarre.

Del passato e del presente di Romi sappiamo ben poco. Come già detto nel passato Romi lavorava in un locale dove faceva la lap-dance e dove i clienti la chiamavano Vanessa e oltre a pagare per ammirare il suo corpo ballare, potevano optare per il “pacchetto fidanzata” e questo significava comprarla e fare di lei ciò che volevano. Uno di questi, Kurt Kennedy, aveva optato per quella scelta, peccato che dalla finzione era passato alla realtà riservando a Romi attenzioni morbose e scenate di gelosia non giustificate visto il suo ruolo di finto fidanzato e questo aveva costretto Romi a prendere il suo figlioletto Jackson e scappare a Los Angeles.

Del presente sappiamo che deve scontare due ergastoli e sei anni. Sappiamo che alla vita dentro il carcere ti abitui subito e al tempo stesso non ti abitui mai. Romi sa che deve parlare il meno possibile, perché ogni parola può rappresentare un problema, sa che non deve chiedere alle altre detenute il motivo per cui sono dentro, perché a quella domanda la grande maggioranza di loro dirà che sono innocenti. Romi è consapevole che i rapporti che crea lì dentro sono fittizi e non sinceri, ma necessari per non impazzire, perché se condividi una cella di pochi metri quadrati insieme ad altre donne il minimo è legarci, non mettersele contro. E fa niente se Laura Lipp non la smette di parlare un secondo o Connor si professa un uomo nel corpo di una donna, quelle sono le uniche compagne di sventura e probabilmente le sole che possono capire l’inferno che passa una persona che ha dovuto dire addio alla propria vita fuori.

Da quell’esterno che Romi ha dovuto abbandonare arriva una notizia che la sconvolge: chi si prendeva cura di suo figlio Jackson all’improvviso non può più e Romi si rende conto che sul bambino non ha più alcun diritto genitoriale, neanche quello più elementare che le permette di sapere dove sta e con chi sta.

Rachel Kushner racconta una di quelle realtà che difficilmente trovano spazio e interesse. Spesso  si dimentica che il carcere è un luogo di redenzione e non di punizione e che chi è all’interno non perde tutti i diritti di chi è all’esterno. C’è una pena da scontare come è giusto che sia per chi ha sbagliato, ma questi non smettono di essere persone e come tali devono essere considerate. E invece le carceri diventano luoghi di perdizione non troppo dissimili dallo squallido locale di spogliarello dove Romi lavora e dove il più ricco più comprare ciò che vuole. Un luogo di violenza, brutalità e sopraffazione dove si cerca di sopravvivere.

Mars Room non è un romanzo semplice, perché mentre lo leggi e mentre provi pena per le sorti di alcune detenute, una vocina dentro la testa ti ricorda che quelle donne sono dentro perché hanno commesso dei reati e quelle situazioni potevano essere evitate se solo si fossero fermate un attimo prima di premere il grilletto di una pistola o di conficcare un coltello nel corpo di qualcuno. Al tempo stesso questo significherebbe banalizzare, essere superficiale, mettere nello stesso calderone storie di vita diverse.

Ecco il prestigio di questo libro sta tutto qui: preparatevi ad abbandonare tutte le certezze e lasciatevi trascinare dalla potenza della storia.

  • Titolo: Mars Room
  • Autrice: Rachel Kushner
  • Casa Editrice: Einaudi
  • Data di pubblicazione: 16 Aprile 2019