… che Dio perdona a tutti

che dio perdona tutti

  • Titolo: … che Dio perdona a tutti.
  • Autore: Pif
  • Editore: Feltrinelli
  • Data di pubblicazione: 15 Novembre 2018

Arturo ha due passioni. La prima è la più ovvia ed è quella che accomuna il genere maschile: le donne. La seconda è meno scontata e a tratti anche particolare: la ricotta. Questa seconda passione discende dal fatto che Arturo è palermitano e si sa, a Palermo mettono la ricotta in tutto ciò in cui può essere messa: cannoli, cassata, sciù. Per i dolci con la ricotta Arturo ha una vera e propria dipendenza e ossessione, tanto che lui non si limita a mangiarli, ma tampina i poveri pasticceri di domande a cui questi stanchi di rispondere si limitano a silenzi assensi.

Agente immobiliare, single e in quella fase della vita in cui si preferiscono i dolci al sesso e che stare insieme a qualcuno significherebbe rinunciare a quelle piccole libertà che solo la singletudine regala e quindi meglio soli e il resto viene da sé. Quando però Arturo incontra Flora, la nuova proprietaria della pasticceria da lui frequentata, capisce che è la donna della sua vita, la donna per cui è disposto a rinunciare a tutto e che vorrebbe come moglie e madre dei suoi figli. Flora è la perfetta sintesi delle sue due passioni, le donne e la ricotta, e lasciarsela scappare è impensabile.

In breve tempo Arturo e Flora si conoscono, si fidanzano e vanno a vivere insieme, perché occasioni del genere non bisogna perderle. È tutto perfetto nella vita di Arturo fino al giorno in cui una banale discussione provoca il primo crack.

Flora è credente, cattolica praticante: Arturo è cattolico, ma cattolico come la maggioranza delle persone che si professano per una fede senza crederci più di tanto. È una questione di comodo: sì, sono cattolico ma in chiesa ci vado giusto a Natale e Pasqua (se mi ricordo). Quando Flora capisce che Arturo vive la fede in modo superficiale, il suo atteggiamento cambia. Arturo da un lato non vorrebbe perdere la donna della sua vita, ma dall’altro vorrebbe dare una lezione alla sua amata. Decide che per un mese sarà un cattolico provetto, praticherà la religione secondo parola divina e metterà in pratica tutti gli insegnamenti di Cristo. Insomma, Arturo diventerà un fondamentalista cattolico e alla fine di questo esperimento Flora dovrà ammettere che è più ipocrita di lui. Inizialmente Flora è contenta della totale conversione di Arturo, ma quando le sue azioni ricadranno su di lei ci saranno altri crack.

Arturo non si muove di un millimetro, vuole portare a compimento la sua missione, anche se questo significa avere problemi con lei, col lavoro, con gli amici, con tutti.

Pif nel suo romanzo d’esordio smaschera le ipocrisie di quelli che si professano cattolici, ma non praticanti (se credi, in chiesa ci devi andare); di chi fa le crociate per il crocifisso obbligatorio in classe, ma guai a inserire i simboli di altre religioni (tolleranza non vi dice niente?). Di chi pecca perché tanto basta una seduta di confessione, un paio di Ave Maria e l’anima torna pulita (della serie futti futti ca diu pirduna a tutti). In un Paese in cui un ministro in una mano stringe il rosario e l’altra l’appoggia sul Vangelo e che non si fa scrupoli a tenere bloccate in mare delle persone, cosa vogliamo sperare?

La bellezza di Pif è che con la sua leggerezza riesce a raccontare i temi più controversi e spinosi, ti fa sorridere e riflettere come solo i più bravi sanno fare.

Cara Napoli

cara napoli

  • Titolo: Cara Napoli
  • Autore: Lorenzo Marone
  • Editore: Feltrinelli
  • Data di pubblicazione: 8 novembre 2018

Cara Napoli ti scrivo, potremmo dire parafrasando la celebre canzone di Lucio Dalla. Cosa ti scrivo? Abbiamo l’imbarazzo della scelta. Da ogni cosa a Napoli, bella o brutta che sia, si può ricavare un racconto e da questa idea che sono nati i Granelli, rubrica che Lorenzo Marone cura settimanalmente su Repubblica Napoli. Maurizio de Giovanni nelle sue presentazioni dice spesso questo: io sono napoletano e nella vita avrei potuto fare solo lo scrittore, perché ovunque ti giri c’è una storia che aspetta di essere raccontata. Dai dettagli che Marone osserva nella sua città riesce a farci dei racconti che Feltrinelli ha raccolto in questo libro.

Cara Napoli si apre con una passeggiata per le strade della città, con lo scrittore impegnato nella ricerca di un colore per identificarla. Di solito quando si pensa a Napoli si pensa all’azzurro: quello del mare, del cielo, della squadra, ma per Marone il colore di Napoli è il grigio, quella tinta intermedia tra il bianco e il nero, troppo netti per identificare una città che vive di sfumature. Di grigio esistono ben seicento variazioni, come poter dare un solo colore a una città che vive di contraddizioni? Napoli è tutto e il contrario di tutto, definirla è un azzardo, capirla è un’impresa.

Napoli è una variabile costante con una realtà capace di cambiare in soli cento metri. Accanto a un palazzo nobiliare troverete un basso con l’intonaco scrostato, c’è la metropolitana con le stazioni più belle al mondo ma fortunato chi riesce a prenderla (io detengo il record di attesa di 35 minuti a Toledo); ha una storia millenaria piena di primati che le altre città si sognano (la prima ferrovia, l’università laica più antica, la più antica fabbrica di navi) ma se li dimenticano un po’ tutti; ha i tesori di valore che lasciano marcire piuttosto che valorizzarli. È una città difficile Napoli, e non mi riferisco alla questione Gomorra. È una città complicata perché bisogna lavorare il doppio per dimostrare che è sullo piano delle altre. Il lavoro da fare è sempre in salita, come se in una gara partisse cento metri dietro rispetto agli avversari. È una città che vive di ossimori, in cui paradiso e inferno, bellezza e bruttezza, miseria e nobiltà, viaggiano in parallelo per poi mischiarsi all’improvviso. Assurdo? No, è Napoli. Non è un caso che le sezioni del libro siano divise in nord-sud, acqua-fuoco, storie-leggende: è un rimando alla contrapposizione costante.

A questo punto vi immagino scoraggiati, magari volevate venire a Napoli e vi ho fatto cambiare idea, della serie ma chi me o’ fa fare? Aspettate un attimo e siate più fiduciosi perché vi dico che nonostante questo, nonostante tutto, Napoli ha la capacità di far innamorare chiunque decida di non fermarsi all’apparenza. È come quel fidanzato stronzo che vi tratta una munnezza ma che vi fa dire: ca’ aggia farè? Io lo amo. Napoli ha quel fascino a cui pochissimi sanno resistere, ha infinite risorse e la forza di trovare il buono laddove sembra non esserci. È una città dotata di accoglienza e che non conosce il pregiudizio perché sa da sola cosa vuol dire avercelo appiccicato addosso da sempre. Napoli adotta chiunque, chiunque le mostri rispetto viene considerato suo figlio senza troppe formalità. Napoli è l’arte di arrangiarsi, la battuta sempre pronta, il sorriso sulle labbra anche se il periodo è nero, la maestosità del Vesuvio, la forza del mare agitato, il calore dei vicoli, il vociare delle persone a tutte le ore… Insomma non è solo pizza, babà e sfogliatelle da una parte o Gomorra nell’altra; è tante di quelle cose che sentite a me, leggetevi Cara Napoli ché Lorenzo Marone ve lo spiega meglio.  

Tutto male finché dura

tutto male finché dura

  • Titolo: Tutto male finché dura
  • Autore: Paolo Zardi
  • Editore: Feltrinelli
  • Data di pubblicazione: 3 Maggio 2018

Il protagonista di Tutto male finché dura lo chiameremo canaglia, perché sul blog le parolacce non sono consentite e gli appellativi che gli dedicherei sarebbero solo insulti. La canaglia per vivere ricorre a svariate identità fittizie, lavora in uno studio dentistico (ma non è dentista, quello vero è sparito mesi prima e lui ne ha preso il posto) ed esercita la professione su stranieri che pagano subito per le cure richieste.

Se passi la vita a crearti identità per truffare il prossimo devi mettere in conto che un giorno la polizia ti scambi per un criminale sbattendoti dentro. Dopo mesi trascorsi in carcere la canaglia si ritrova senza casa, senza studio a cui hanno messo i sigilli e un debito di settanta mila euro con un usuraio e due criminali alle calcagna che se non riscuotono la cifra lo ammazzano: più chiaro di cosi?

A questo punto cosa fa la canaglia se non tornare da quell’anima santa dell’ex moglie da cui ha avuto due figlie che a stento conosce? Marta, la ex, è una donna che si spacca la schiena per portare avanti la famiglia visto che ha avuto un marito che quando era tale non lo faceva e che quando non lo era più non ha mai provveduto al mantenimento. Marta ha cresciuto le sue figlie Elisa e Lucia in completa solitudine, arrangiandosi quanto più ha potuto per non far mancare niente alle due e che ha un animo così buono che quando alla porta si ritrova il suo ex marito lo riaccoglie, gli offre il divano e si lascia abbindolare di nuovo dalle bugie che lui le racconta. L’uomo infatti spera di poter ottenere il denaro necessario proprio da Marta e nell’attesa che ceda le fa credere di dannarsi nella ricerca di un lavoro mentre invece si immischia in altri traffici illeciti.

Si può simpatizzare con un individuo del genere? Sì, si può. Umanamente si è più vicini a Marta, una donna dalle mille qualità, con una pazienza infinita e con un animo puro e gentile pronta a riaccogliere l’uomo che le ha spezzato il cuore più di una volta e che non è stato il padre che avrebbe desiderato per le sue figlie. Vigliaccamente però facciamo il tifo per quell’essere ignobile, che rifugge dalle responsabilità, che ha una vita privata promiscua, che campa d’espedienti, che pensa a fregare il prossimo e che non fa nulla per riparare agli errori fatti perché semplicemente lui gli errori che compie neanche li nota. Vivere all’ennesima potenza, cercando scorciatoie e approfittando delle situazioni… insomma chi non vorrebbe farlo? Chi non vorrebbe mettersi alle spalle il politicamente corretto e le regole e darsi a una vita del genere?

Paolo Zardi ha scritto un romanzo con un protagonista detestabile, cinico e meschino che nonostante le pessime qualità riesce a farsi amare tanto da fare il tifo per lui augurandogli che riesca nei suoi loschi piani.

L’educazione

l'educazione

  • Titolo: L’educazione
  • Autrice: Tara Westover
  • Editore: Feltrinelli
  • Data di pubblicazione: 31 Maggio 2018

Tara e la sua famiglia vivono sulle montagne dell’Idaho e si professano mormoni. Il mormonismo è una delle tante religioni esistenti che afferma di ricollegarsi al cristianesimo ma che il cristianesimo invece non riconosce tanto che le branchie cattoliche e protestanti la considerano una falsa religione. Il mormonismo infatti nega i principi fondanti del cristianesimo per poter essere riconosciuto come tale e soprattutto ha sviluppato tante di quelle sfumature che è difficile stabilirne le dottrine.

Il padre di Tara ha cresciuto i suoi figli con l’idea che tutto ciò che non deriva dalle sacre scritture deve essere visto come il male e in questo rientravano le istituzioni, la legge, la medicina, l’istruzione ecc… Nessuno della famiglia di Tara era registrato all’anagrafe e questo rendeva incerte le precise date di nascita. Nessuno era stato mai visitato da un dottore e in caso di malattia c’erano le erbe guaritrici della mamma. Nessuno soprattutto era stato a scuola perché i libri erano il demonio e l’istruzione arrivava da persone impegnate a fare il lavaggio del cervello. Tara era cresciuta con una visione del mondo molto limitata. Se il papà diceva che la scuola era il male a lei toccava crederlo perché la prima educazione viene dalla persone che ci hanno messo al mondo e che in teoria ci preparano al meglio.

Il padre di Tara però era un uomo che conduceva una lotta continua contro nemici che vedeva ovunque, che lavorava nella discarica portando dietro i figli per raccattare metalli da rivendere e che preparava se stesso e la sua famiglia all’imminente fine del mondo. La madre di Tara che ogni tanto cercava di ammorbidire le vedute rigide del marito si occupava della preparazione di unguenti e di erbe medicinali e divenne ostetrica facendo partorire le donne della zona che come loro non avrebbero mai messo piede in un ospedale. Sempre la mamma si era occupata dell’istruzione dei figli, un’istruzione che Tara sintetizza così: potevi imparare tutto quello che riuscivi a studiare da solo, dopo che avevi finito di lavorare. 

Scuole, libri, materie e tanto altro erano cose sconosciute fino a quando Tyler, il fratello di Tara, decise di lasciare la famiglia per andare in una scuola vera inculcando l’idea alla sorella minore. Funziona così di solito, una realtà ti sta bene fino a quando hai conosciuto solo quella. Basta spostarti un attimo, renderti conto che esistono altre realtà differenti dall’unica che hai sempre conosciuto e reputato giusta per desiderare di provarne altre. Per Tara il lavoro in discarica, le erbe delle mamma, i libri sfogliati e mai letti veramente andavano bene perché non aveva mai conosciuto altro. Non aveva idea di cosa succedesse nel mondo perché la televisione in casa era vietata. Non conosceva la storia recente perché i libri differenti dalla Bibbia non erano ammessi. Se suo fratello era andato via per frequentare la scuola questo poteva farlo anche lei, voleva farlo, perché era stanca di rischiare la vita ogni volta che andava in discarica col padre, così come era stanca delle violenze di suo fratello Shawn a cui i genitori non credevano.

Tara Westover ha raccontato la sua storia. Un’infanzia e prima adolescenza di cui lei per anni si era vergognata e che aveva cercato in tutti i modi di nascondere e reprimere. Quei legami familiari che erano stati il suo tutto andavano recisi, perché fino a quando restava ancorata a loro il suo cambiamento non poteva essere completo. Ha raccontato la sua storia di emancipazione avvenuta grazie all’istruzione che ha dato un senso e una svolta alla sua vita, facendole accettare la sua storia e comprendendo di essere diventata attraverso quell’educazione una persona diversa.

Asimmetria

asimmetria

  • Titolo: Asimmetria
  • Autrice: Lisa Halliday
  • Editore: Feltrinelli
  • Data di pubblicazione: 30 Agosto 2018

Ci sono dei libri di cui si hanno aspettative altissime: perché? I motivi possono essere svariati. Un autore che segui dall’inizio e le cui opere le senti ormai anche un po’ tue, una trama decisamente promettente o un caso editoriale che ha fatto già parlare parecchie persone.

Con Asimmetria ci troviamo nel terzo punto, un caso editoriale che negli Stati Uniti già prima di uscire ha vinto il Premio Whiting nel 2017 per la narrativa, insomma un esordio promettente. Il motivo è presto detto, l’autrice Lisa Halliday in questo libro racconta della sua personale relazione con un mostro sacro della letteratura: Philip Roth. Normale che tutti gli occhi fossero puntati su questo libro perché confessiamolo, la letteratura ci piace, ma il puro gossip ci attrae ancora di più.

Alice è una ragazza di venticinque anni che lavora a New York in una casa editrice. Incontra per caso un giorno al parco un signore che lei capirà subito di chi si tratta: Ezra Blazer. Scrittore tra i più importanti, vincitore del Premio Pulitzer e che per una giovane che lavora in una casa editrice tale incontro vale di più di quello con una celebrità hollywoodiana.

La relazione tra i due nasce subito con Ezra che fin da subito provvede a lei in ogni modo possibile, aiutandola economicamente e soddisfacendo ogni suo piccolo desiderio. Differenza d’età e i suoi numerosi acciacchi fisici non sembrano preoccupare più di tanto Alice, che non rinuncerebbe mai al suo rapporto con Ezra.

Amar per cause a lui ignote si ritrova bloccato in aeroporto per quasi due giorni. Facendo scalo a Heathrow con l’intento di fermarsi un weekend da un suo amico per ripartire per l’Iraq per far visita a suo fratello. I controlli divenuti sempre più rigidi per questioni di sicurezza fanno sì che lui si ritrovi bloccato in aeroporto facendo il medesimo interrogatorio con diversi operatori lì. Sempre le stesse domande a cui lui risponde sempre con le stesse risposte che sembrano non convincerli del tutto tanto da non lasciargli via libera.

Bloccato in quella situazione paradossale ripensa ad episodi del suo passato, a partire dall’assurda storia della sua nascita avvenuta in volo e che gli ha regalato doppia cittadinanza, americana e irachena. Ripensa alla sua famiglia, a suo fratello in particolare che non vede da anni, alla sua relazione, ai suoi studi, ai suoi lavori precedenti  e alla situazione politica e sociale del suo Paese.

Asimmetria è un libro sulle relazioni asimmetriche che intrecciamo con gli altri. Ragionandoci sopra possiamo dire che i rapporti tra due persone non sono mai alla pari. In una coppia ci sarà chi ama di più, chi rischia di più, chi darà di più e questo vale anche in amicizia e questo crea rapporti che possiamo definire sbilanciati. Se prendiamo Alice e Ezra il rapporto non è alla pari e non parlo solo dell’ovvia differenza d’età. Ezra le offre tutto ciò che possiede rendendo Alice una beneficiaria passiva. Alice però è più coinvolta emotivamente e vorrebbe un rapporto più stabile e alla luce del sole. Alice poi ha un sogno nel cassetto chiamato libro, ma avendo al suo fianco un mostro sacro come Ezra comprende che sarebbe inutile pubblicarlo perché non sarà mai al suo livello.

Dai rapporti personali il focus si sposta a una questione più ampia, Occidente e Oriente, due parti dello stesso mondo incompatibili per storia e concetti. Amar riflette sui rapporti dei suoi due Paesi, Usa e Iraq, col più forte che ha sempre dominato sul più debole in nome di concetti universali quali democrazia e libertà, ma chi ci dice che i concetti di democrazia e libertà degli Usa siano validi per tutti? Chi lo ha stabilito? Come può un Paese invadere un altro per importare la sua visione di democrazia senza preoccuparsi che questa coincida col Paese invaso? Lo fa perché nell’eterna lotta tra forti e deboli i forti impongono e i deboli subiscono.

Lisa Halliday ha scritto un libro che affronta mille contrapposizioni e che ti porta a un continuo riflettere: giovinezza e vecchiaia, oriente e occidente, amore e politica.

La felicità del cactus

la felicità del cactus

  • Titolo: La felicità del cactus
  • Autrice: Sarah Haywood
  • Editore: Feltrinelli
  • Data di pubblicazione: 28 Giugno 2018

Se qualcuno chiedesse a Susan Green com’è la sua vita le risponderebbe che è perfetta. Ha un appartamento a Londra della misura giusta, un lavoro che la soddisfa, una relazione con un uomo con cui ha stabilito tutto e che non prevede alcun coinvolgimento emotivo. Non ha amici Susan, se non qualche conoscenza, ma a lei non importa, sa che per tutto ciò che le accade può contare su se stessa ed è questo ciò che conta.

Quando la madre di Susan muore lasciando l’usufrutto della casa a suo fratello ecco che nella vita di Susan irrompe il primo inghippo. I rapporti con il fratello non sono mai stati idilliaci, lo ha sempre considerato uno scansafatiche e approfittatore che viveva ancora sulle spalle della madre, ragion per cui Susan sa che quella decisione non può essere stata presa dalla madre senza le pressioni del fratello e quindi non ha nessuna intenzione di fargliela passare liscia. Si convince che il fratello abbia fatto una sorta di lavaggio del cervello alla madre tanto da convincerla a prendere quell’assurda decisione e quindi inizia la sua battaglia legale per far sì che abbia giustizia e la parte di eredità che merita.

Il secondo inghippo per Susan è che scopre di essere incinta, ragion per cui l’eredità le farebbe comodo, in modo da acquistare una casa più grande che ospiti entrambi (il padre in questa equazione non è menzionato).

Nella vita perfettamente calcolata da Susan un figlio non era previsto. Non si era immaginata madre, ma ora che aveva scoperto di essere incinta aveva capito che un figlio lo voleva e che bastava organizzarsi e tutto sarebbe andato per il meglio. Se le altre non erano capaci di lavorare e gestire i figli è perché semplicemente non si sapevano organizzare.

Quando inizia la sua battaglia legale contro il fratello e le cose non andranno come previsto, Susan troverà conforto ed appoggio nelle persone più impensabili. Kate, la sua vicina di casa da poco abbandonata dal marito e Robert, l’amico di suo fratello Edward che non solo staranno al suo fianco ma si dimostreranno amici e faranno pian piano uscire Susan da quell’armatura in cui si era rifugiata. In fondo Susan era un po’ come i suoi cactus che con le loro spine impedivano a chiunque di toccarli.

La felicità del cactus è un romanzo spassoso e con una protagonista tanto assurda che vorresti prima abbracciare e poi mandarla a quel paese. Susan Green sarebbe potuta essere un personaggio detestabile a causa della sua estrema rigidità e della sua smania di controllo e che invece subito fa breccia, perché non ci vuole molto a capire che le persone in apparenza più forti sono in realtà le più fragili e la voglia di tenere tutto sotto controllo è determinata dall’idea che tutto ciò che controlliamo può essere gestito ed affrontato. In fondo, basta così poco per fiorire.

Ho letto cose…

Dopo un breve periodo in cui ho letto poco (poco per i miei standard intendo), il mese di giugno è stato un mese ricco di letture. Di solito mi sono imbattuta in post in cui si parlava del blocco del lettore dove chiedevano consigli sul come affrontarlo e superarlo. Ebbene io invece sono stata presa da una frenesia assurda: volevo leggere, volevo più tempo per leggere e volevo più libri da leggere. Curiosi di sapere cosa ho letto? Presto detto.

Il mese l’ho aperto con il libro di Pino Imperatore, Aglio olio e assassino, Dea Libri (la recensione completa la trovate sul blog), un giallo napoletano con un ispettore tornato nella sua Napoli che dovrà occuparsi di un assassinio particolare e troverà in una coppia di cuochi, padre e figlio, due validi aiuti. Come sempre nei libri di Imperatore c’è di tutto: ci si emoziona, si ride e ci scappa pure qualche bella riflessione. Finito questo mi sono dedicata esclusivamente a Un romanzo russo, Adelphi (dico esclusivamente perché è mia abitudine leggere più libri in contemporanea). Ero da tempo impaziente di cimentarmi con un libro di Carrère, autore che rimandavo da un po’. Risultato? Proseguirò senz’altro la sua conoscenza (anche in questo caso, recensione sul blog).

Dopo una lettura del genere avevo bisogno di qualcosa di più leggero ed ecco Fa troppo freddo per morire, Einaudi di Christian Frascella ed eccoci arrivati alla prima chicca che consiglio caldamente. Contrera è un ex poliziotto che abusando del suo potere è riuscito a farsi cacciare dalla polizia e si è reinventato come ispettore privato. Divorziato, una figlia che a malapena conosce, vive a casa con la sorella e ha lo studio in una lavanderia a gettoni; insomma solo questo dovrebbe farvi precipitare in libreria a prenderlo.

Finito il giallo torinese ho letto un gradito ritorno, quello di Francesco Abate e della sua mamma e dell’immancabile signora Corrias. In Torpedone trapiantati, Einaudi un gruppo di trapiantati va in gita e non mancherà niente. Abate si conferma uno scrittore capace di farti piangere dalle lacrime e dall’emozione. Proprio questo libro mi ha portato al suo precedente Chiedo scusa, Einaudi dove lo scrittore racconta attraverso il personaggio di Valter il suo calvario in attesa del trapianto e tutte le conseguenze dell’operazione. Vita e morte procedono paralleli in questo libro, una lettura che provoca mille emozioni (il pianto in primis) e tanta riconoscenza verso la vita, perché se ogni tanto pensassimo realmente a chi sta peggio e chi veramente combatte con  le unghie e con i denti contro la morte forse smetteremmo di lamentarci delle cazzate (la parolaccia è necessaria).

Tra le più belle scoperte fatte quest’anno c’è sicuramente Rosella Postorino. Da dire che io che sono affezionata ad Einaudi e in particolare a Stile Libero, la conoscevo già visto che la sua fama di editor la precede. Chissà perché non mi ero mai presa la briga di conoscerla come scrittrice, cosa che è avvenuta quest’anno grazie a quel capolavoro che risponde al nome de Le assaggiatrici, Feltrinelli. Ho poi recuperato Il corpo docile, Einaudi (stupendo anche questo) e da poco La stanza di sopra, Feltrinelli (L’estate che perdemmo Dio, Einaudi è arrivato da un paio di giorni). Storie che ti rapiscono dalla prima all’ultima riga (e che come gli altri libri di cui vi sto parlando avranno un post tutto loro per poterne parlare più approfonditamente).

Quando leggo un libro che mi piace molto tendo a recuperare quanto è stato già scritto dal suo autore, come nel caso di Peppe Fiore che dopo il suo Dimenticare, Einaudi (tra le più belle letture dello scorso anno) mi ha portata a Nessuno è indispensabile, Einaudi. Il bello è che questo libro ha atteso molto prima che lo iniziassi e una volta lette le prime pagine l’ho terminato in un paio di giorni. In un’azienda iniziano a suicidarsi uno dopo l’altro una serie di dipendenti nella quasi indifferenza dei colleghi e… (e vabbè leggete il libro che è meglio).

Anatomia di uno scandalo, Einaudi di Sarah Vaughan è stato presentato dal suo editore come come il thriller dell’estate. Un politico accusato di stupro da una sua ex amante, una moglie che crede al marito e l’avvocato d’accusa deciso a non lasciarlo impunito. Libro di forte attualità che però pecca per il ritmo, a mio parere troppo lento. Un altro libro che mi aspettava da un bel po’ era Dieci donne, Feltrinelli di Marcela Serrano, nove donne in terapia che raccontano la loro vita e i loro dolori. Non è il primo libro della scrittrice cilena che leggo e gli altri dopo i primi capitoli esaltanti tendevano a dilungarsi troppo e farmi perdere l’interesse cosa che con questo non è capitato, anzi, l’ho letto tutto d’un fiato.

Ultimo libro è stato Voi sapete. L’indifferenza uccide, La nave di Teseo di Giuseppe Civati, neanche un centinaio di pagine per un libro a cui non bisogna aggiungere niente, va semplicemente letto.

 

Scrittori da un solo libro

Finalmente torno ad aggiornare il mio amato blog, perdonate l’assenza e i pochi contenuti ma qualche impegno personale e qualche piccolo imprevisto mi ha portato via il tempo necessario per star dietro al sito. In questa domenica apparentemente tranquilla in cui ho deciso di dedicarmi solo ai miei amati libri ho pensato bene di scrivere qualcosina e quindi ecco qui un nuovo post. Mettendo da parte per un attimo le classiche recensioni (ci sto lavorando sopra e fra poco torneranno anche quelle) oggi spazio alle curiosità che ogni tanto cerco di conoscere documentandomi un po’.

Ci sono scrittori proliferi così come ci sono scrittori che hanno conosciuto la fama soltanto grazie ad un unico libro e quindi il loro nome è associato indissolubilmente alla loro unica creatura. Ecco quindi cinque grandi scrittori e i loro unici capolavori.

Emily Brontë: Cime Tempestose

La seconda delle sorelle Brontë è famosa per il suo unico romanzo Cime Tempestose, considerato uno dei classici della letteratura inglese del diciannovesimo secolo. Emily aveva avuto fin da giovane una salute cagionevole. Si ammalò di tubercolosi e nel 1848 entrò nella fase terminale della malattia. Secondo una lettera del suo editore in quel periodo era impegnata nella stesura del suo secondo romanzo che però non vide mai luce.

 

Margaret Mitchell: Via col vento

Margaret Mitchell era una fervida lettrice. Leggeva tutto ciò che trovava avidamente e al marito spettava il compito di portarle i libri presi in prestito dalla biblioteca locale. Stanco di questo tran tran, suggerì alla moglie di smettere di leggere e provare lei stessa a scrivere qualcosa. Decise quindi di mettersi alla prova e, complice un lungo periodo di riabilitazione alla gamba che la costringeva a riposo, scrisse il suo primo libro. Margaret però lo aveva considerato più un passatempo che un lavoro vero e proprio anche se quando un agente letterario venne a conoscenza del manoscritto e lo chiese per leggerlo, lei non ci pensò due volte a consegnarlo. La casa editrice fu subito presa dal romanzo e decisero di pubblicarlo immediatamente nel 1936. Via col vento vinse il Pulitzer e dal libro venne tratto il celebre film. Nel 1949 lei e suo marito vennero coinvolti in un incidente stradale dove Mitchell perse la vita qualche giorno dopo il ricovero.

 

Sylvia Plath: La campana di vetro

L’unico romanzo di Sylvia Plath, La campana di vetro, è un romanzo semi-autobiografico, unico nella carriera della Plath morta suicida nel 1963 a soli trent’anni. Quando la Plath morì lei e il marito, per quanto separati, erano ancora formalmente sposati, motivo per cui a lui spettò tutto il patrimonio della moglie comprendente quaderni privati e un manoscritto incompleto di quello che sarebbe dovuto essere il secondo romanzo. Lui distrusse gran parte dell’eredità e altro materiale non è stato mai più ritrovato.

 

J.D.Salinger: Il giovane Holden

Il romanzo di formazione per eccellenza Il Giovane Holden fu l’unico romanzo dello scrittore J.D.Salinger, accostato a una serie di racconti. Il successo improvviso del romanzo e la conseguente popolarità turbò molto Salinger che alla notorietà rispose isolandosi sempre di più e tutti coloro che invadevano la sua privacy, minacciava di agire per vie legali.

 

Giuseppe Tomasi Di Lampedusa: Il gattopardo

L’unico romanzo dell’autore siciliano, Il gattopardo, fu pubblicato postumo un anno dopo la morte dello scrittore che vinse poi il Premio Strega e divenne best seller. Considerato oggi uno dei romanzi più grandi della letteratura italiana rischiò di non vedere mai la pubblicazione dato che sia Mondadori che Einaudi si rifiutarono di pubblicarlo. Elio Vittorini che lavorava per entrambe le case editrici decise di rispedire il manoscritto all’autore bloccandone la pubblicazione. Dopo la morte di Giuseppe Tomasi Di Lampedusa il libro fu pubblicato da Feltrinelli diventando un vero e proprio caso editoriale.

Un ragazzo normale

un ragazzo normale

  • Titolo: Un ragazzo normale
  • Autore: Lorenzo Marone
  • Editore: Feltrinelli
  • Data di pubblicazione: 22 Febbraio 2018

Il 23 settembre del 1985 Giancarlo Siani venne ucciso da due assassini sotto casa sua. Le sue inchieste giornalistiche che si occupavano principalmente di camorra fecero di lui un personaggio scomodo da eliminare quanto prima. Giancarlo aveva da pochi giorni compiuto 26 anni. Era un ragazzo, un giornalista e cosa fondamentale era un ragazzo normale. 

Normale… quante volte usiamo questo termine, quante volte lo usiamo per descrivere noi stessi o altre persone. Mimì ad esempio è un ragazzo normale, fissato con la scienza, amante dei libri e delle storie e soprattutto ossessionato con i supereroi. La famiglia di Mimì? Normale anche quella. Papà portinaio di uno stabile tra il Vomero e l’Arenella, mamma segretaria di un avvocato, sua sorella Beatrice e due nonni che vivevano tutti insieme appassionatamente (per non dire uno addosso all’altro) in un bilocale.

Le giornate di Mimì trascorrevano normalmente come quelle della maggior parte dei bambini di quegli anni, siamo negli anni ottanta la tecnologia è ben lontana dall’invadere e stravolgere la nostra vita. A dire il vero Mimì era un po’ diverso rispetto ai suoi coetanei a cui bastava un pallone e con la fantasia ergevano campetti di calcio dove immaginarsi goleador. Mimì giocava a calcio più per far contento il suo inseparabile amico Sasà, ma avrebbe preferito di gran lunga disquisire di scienza, fare esperimenti, leggere. La sua passione sfrenata per la lettura l’aveva portato ad esprimersi come un vocabolario e le conoscenze acquisite gli facevano spiegare le cose meglio delle enciclopedie.

Per questo motivo sua sorella lo prendeva costantemente in giro, per sua madre invece era la luce dei suoi occhi e motivo di vanto per tutte le altre donne del quartiere; suo padre si limitava ad alzare gli occhi al cielo e a non capire la maggior parte delle cose che uscivano dalla bocca del figlio.

La cosa che però era diventata fissazione per Mimì era la ricerca di un supereroe e lo trova un giorno in un ragazzo che vive nel suo palazzo e che scopre essere un giornalista. Uno che racconta storie, storie pericolose tra l’altro, non può che essere un eroe. Deciso: Giancarlo Siani sarebbe diventato il suo eroe.

Tra Mimì e Giancarlo piano piano si costruirà un rapporto d’amicizia delicato, fatto di poche frasi ma di quelle significative che ti cambiano e restano scolpite nel cuore. In quel ragazzo Mimì vedrà il supereroe che aveva sempre cercato anche se Giancarlo gli aveva sempre ripetuto che i poteri non esistono e i supereroi neanche. La lettura, i libri, quelli i super-poteri a noi accessibili, quelli che hanno la forza di cambiare le persone e perché no, salvare il mondo.

Un ragazzo normale è la storia di una famiglia normale tipica di quegli anni che magari aveva mancanze dal punto di vista culturale ma aveva ben chiari i valori in cui credere ed educare i figli. Mimi era il solo componente a non rispecchiarsi in quella mediocrità, in quel rassegnarsi del padre a non tentare mai qualcosa che potesse migliorargli la vita o in quella superficialità della sorella Beatrice troppo presa dall’apparire e dai suoi primi amori. Non che Mimì fosse perfetto con quell’aria da saccente che emergeva involontariamente e con il suo sentirsi superiore grazie alle conoscenze acquisite, ma non ci vuole molto a capire che tutta quella sete di conoscenza nasceva dalle sue insicurezze. E poi la figura di Giancarlo Siani che entra nella storia quasi in punta di piedi e resta al margine anche se poi la sua uccisione piomberà nella vita del piccolo Mimì diventando l’evento che porterà fine alla sua infanzia.

img_0697

Lorenzo Marone dedica questo romanzo a Giancarlo Siani, ma non aspettatevi una sua biografia o un resoconto dei suoi ultimi giorni: è un romanzo con Siani, non su Siani. In un periodo in cui i modelli negativi sono diventati esempi per i ragazzi l’urgenza e la necessità di mostrare le facce positive di Napoli ha portato l’autore a fare questa scelta. Nel presentare il romanzo Marone ha usato un’espressione che mi ha colpito molto: racconto la Napoli grigia. Il grigio è il colore intermedio tra il bianco e il nero. Il bianco potrebbe rappresentare la Napoli da cartolina, quella della pizza, del Vesuvio e del golfo più bello per molti e la nera è quella di Gomorra, della criminalità, delle baby gang che prendono sempre troppo spazio nella cronaca. Nel mezzo il grigio, la Napoli di tutti i giorni che mescola bellezza e bruttezza, positività e negatività, malviventi ed eroi e soprattutto la Napoli fatta di persone normali che ogni giorno lottano per fare in modo che ad emergere sia la Napoli di cui andare più fieri.

(Questo post è presente anche su Idea Napoli)

Incontro al PAN con Lorenzo Marone

Grazie a Feltrinelli Editore ho potuto partecipare a un incontro riservato ai blogger dove ho potuto confrontarmi con altri lettori sul romanzo e soprattutto sentirne parlare direttamente dall’autore. Lorenzo Marone ha raccontato quindi della genesi del romanzo, della sua intenzione di inserire Giancarlo Siani nella storia, Siani che ha definito una delle facce buone di Napoli. Nel parlarne non l’ha mai indicato come eroe ma semplicemente come un ragazzo normale. Oltre alla figura di Siani che seppur importante non è centrale, Lorenzo ha confidato di essersi sentito un po’ Mimì durante la sua adolescenza e il suo amore per i libri ha voluto farlo trasparire proprio attraverso il suo protagonista. Il romanzo infatti è una bella elegia ai libri e alla passione per la lettura, importante quanto fondamentale per la crescita e non solo. Per chiudere, altro elemento essenziale del romanzo è Napoli; l’autore ha confessato che non riuscirebbe mai a vedere i personaggi dei suoi romanzi lontano dalla sua Napoli, senza il dialetto utilizzato o senza la saggezza tipica dei napoletani.

Le Assaggiatrici

le assaggiatrici

  • Titolo: Le Assaggiatrici
  • Autrice: Rosella Postorino
  • Editore: Feltrinelli
  • Data di pubblicazione: 11 Gennaio 2018

«Dovevamo finire tutto quello che ci mettevano nel piatto, quindi aspettare un’ora e ogni volta eravamo terrorizzate che potessimo stare male, perché girava voce che gli inglesi volessero avvelenare Hitler. Passato il termine, scoppiavamo a piangere, felici di essere sopravvissute».

Queste sono le parole di Margaret Wolk, una delle vere assaggiatrici di Hitler. Per tantissimi anni questa storia è rimasta un suo segreto, poi ha deciso di farla conoscere al mondo. Grazie ad un trafiletto su un quotidiano nazionale l’autrice, Rosella Postorino, è venuta a conoscenza di questa storia e ha sentito la necessità di raccontarla.

Se il Führer ha bisogno si obbedisce.

Se il Führer ha bisogno non si discute, non si domanda perché un no equivarrebbe a morte certa.

Girava voce che gli inglesi volessero avvelenare Hitler e la soluzione fu quella di scegliere dieci donne da utilizzare come cavie che avrebbero assaggiato per prime il cibo a lui destinato. Donne giovani perché dovevano essere sane e solo donne perché gli uomini forti erano tutti al fronte. Se il cibo fosse stato avvelenato sarebbero morte loro la cui vita valeva niente in confronto a quella dell’immenso uomo che stava portando la Germania alla vittoria.

Rosa era diventata un’assaggiatrice. Per tre volte al giorno sfidava la morte, per tre volte al giorno il suo corpo veniva messo al servizio di Hitler. Per Rosa e le altre avere fame era diventato un incubo e il sapore del cibo aveva assunto il sapore della morte. Rosa era consapevole che non poteva sottrarsi a quella chiamata, per giunta suo marito Gregor si trovava al fronte e sua madre era morta in uno dei tanti bombardamenti che avevano distrutto la sua casa e la sua Berlino. Nell’attesa che la guerra finisse e che suo marito tornasse, Rosa viveva con i suoi suoceri e fu proprio in quella casa che le SS vennero a cercarla. Chissà perché lei, si chiese a lungo.

Recarsi in caserma tre volte al giorno per assaggiare il cibo destinato ad Hitler era diventata la sua routine e con alcune di loro, Leni, Elfriede, Heike, Ulla e Beate aveva creato un rapporto che si potrebbe definire amicizia. Con quelle donne trascorreva del tempo, condivideva paure ed erano accomunate dallo stesso destino. Se fossero state altrove e in un altro periodo probabilmente non si sarebbero neanche notate, ma in quello stato di prigionia avere alleati avrebbe alleviato il dolore e la solitudine.

Quando di Gregor smette di avere notizie dal fronte per non sprofondare nella follia Rosa stringe un legame inizialmente solo carnale e poi anche emotivo con il tenente delle SS Albert Ziegler.

Le Assaggiatrici è un romanzo che si divora in pochissimo. La storia di Rosa ti cattura dalle prime righe e velocemente ti trascina verso il finale. Le atmosfere mi hanno ricordato tantissimo Il Racconto dell’ancella, lo stesso clima di coercizione a cui le donne sono costrette e il loro non avere alternative oltre al non potersi ribellare. Rosa è una vittima della situazione, è costretta suo malgrado ad accettare perché non ha alternative. Quante volte però ci diciamo questo? Quante volte ci rifuggiamo nella frase non avere alternative utilizzandolo come alibi perfetto? Molte volte è semplicemente la strada più semplice, con meno problemi e meno complicazioni. Rosa è sicuramente prigioniera della situazione, ma è anche una privilegiata. In un momento storico in cui il lavoro non c’è e il cibo scarseggia Rosa ha assicurati tre pasti e uno stipendio mensile anche più alto della media e questo la rende complice di quel sistema. Una sola persona non può trascinare un Paese in un clima totalitario se una massa non glielo avrà permesso.

Le assaggiatrici è stato il primo libro letto di questo 2018 e non potevo non iniziare meglio. Una storia raccontata alla perfezione, un libro di letteratura pura come non capita spesso e uno stile narrativo intimo ed intenso capace di scatenare potenti emozioni. Oltre che permettermi di conoscere una storia che ignoravo completamente mi ha permesso di conoscere una scrittrice straordinaria che ho voglia di approfondire attraverso le sue precedenti letture.