Gli Spaiati| I libri che mi hanno fatto compagnia in questo mese

Dopo un breve periodo in cui ho letto poco (poco per i miei standard intendo), il mese di giugno è stato un mese ricco di letture. Di solito mi sono imbattuta in post in cui si parlava del blocco del lettore dove chiedevano consigli sul come affrontarlo e superarlo. Ebbene io invece sono stata presa da una frenesia assurda: volevo leggere, volevo più tempo per leggere e volevo più libri da leggere. Curiosi di sapere cosa ho letto? Presto detto.

Il mese l’ho aperto con il libro di Pino Imperatore, Aglio olio e assassino, Dea Libri (la recensione completa la trovate sul blog), un giallo napoletano con un ispettore tornato nella sua Napoli che dovrà occuparsi di un assassinio particolare e troverà in una coppia di cuochi, padre e figlio, due validi aiuti. Come sempre nei libri di Imperatore c’è di tutto: ci si emoziona, si ride e ci scappa pure qualche bella riflessione. Finito questo mi sono dedicata esclusivamente a Un romanzo russo, Adelphi (dico esclusivamente perché è mia abitudine leggere più libri in contemporanea). Ero da tempo impaziente di cimentarmi con un libro di Carrère, autore che rimandavo da un po’. Risultato? Proseguirò senz’altro la sua conoscenza (anche in questo caso, recensione sul blog).

Dopo una lettura del genere avevo bisogno di qualcosa di più leggero ed ecco Fa troppo freddo per morire, Einaudi di Christian Frascella ed eccoci arrivati alla prima chicca che consiglio caldamente. Contrera è un ex poliziotto che abusando del suo potere è riuscito a farsi cacciare dalla polizia e si è reinventato come ispettore privato. Divorziato, una figlia che a malapena conosce, vive a casa con la sorella e ha lo studio in una lavanderia a gettoni; insomma solo questo dovrebbe farvi precipitare in libreria a prenderlo.

Finito il giallo torinese ho letto un gradito ritorno, quello di Francesco Abate e della sua mamma e dell’immancabile signora Corrias. In Torpedone trapiantati, Einaudi un gruppo di trapiantati va in gita e non mancherà niente. Abate si conferma uno scrittore capace di farti piangere dalle lacrime e dall’emozione. Proprio questo libro mi ha portato al suo precedente Chiedo scusa, Einaudi dove lo scrittore racconta attraverso il personaggio di Valter il suo calvario in attesa del trapianto e tutte le conseguenze dell’operazione. Vita e morte procedono paralleli in questo libro, una lettura che provoca mille emozioni (il pianto in primis) e tanta riconoscenza verso la vita, perché se ogni tanto pensassimo realmente a chi sta peggio e chi veramente combatte con  le unghie e con i denti contro la morte forse smetteremmo di lamentarci delle cazzate (la parolaccia è necessaria).

Tra le più belle scoperte fatte quest’anno c’è sicuramente Rosella Postorino. Da dire che io che sono affezionata ad Einaudi e in particolare a Stile Libero, la conoscevo già visto che la sua fama di editor la precede. Chissà perché non mi ero mai presa la briga di conoscerla come scrittrice, cosa che è avvenuta quest’anno grazie a quel capolavoro che risponde al nome de Le assaggiatrici, Feltrinelli. Ho poi recuperato Il corpo docile, Einaudi (stupendo anche questo) e da poco La stanza di sopra, Feltrinelli (L’estate che perdemmo Dio, Einaudi è arrivato da un paio di giorni). Storie che ti rapiscono dalla prima all’ultima riga (e che come gli altri libri di cui vi sto parlando avranno un post tutto loro per poterne parlare più approfonditamente).

Quando leggo un libro che mi piace molto tendo a recuperare quanto è stato già scritto dal suo autore, come nel caso di Peppe Fiore che dopo il suo Dimenticare, Einaudi (tra le più belle letture dello scorso anno) mi ha portata a Nessuno è indispensabile, Einaudi. Il bello è che questo libro ha atteso molto prima che lo iniziassi e una volta lette le prime pagine l’ho terminato in un paio di giorni. In un’azienda iniziano a suicidarsi uno dopo l’altro una serie di dipendenti nella quasi indifferenza dei colleghi e… (e vabbè leggete il libro che è meglio).

Anatomia di uno scandalo, Einaudi di Sarah Vaughan è stato presentato dal suo editore come come il thriller dell’estate. Un politico accusato di stupro da una sua ex amante, una moglie che crede al marito e l’avvocato d’accusa deciso a non lasciarlo impunito. Libro di forte attualità che però pecca per il ritmo, a mio parere troppo lento. Un altro libro che mi aspettava da un bel po’ era Dieci donne, Feltrinelli di Marcela Serrano, nove donne in terapia che raccontano la loro vita e i loro dolori. Non è il primo libro della scrittrice cilena che leggo e gli altri dopo i primi capitoli esaltanti tendevano a dilungarsi troppo e farmi perdere l’interesse cosa che con questo non è capitato, anzi, l’ho letto tutto d’un fiato.

Ultimo libro è stato Voi sapete. L’indifferenza uccide, La nave di Teseo di Giuseppe Civati, neanche un centinaio di pagine per un libro a cui non bisogna aggiungere niente, va semplicemente letto.

 

Un romanzo russo| Emmanuel Carrère

un romanzo russo

Premessa necessaria: certi autori mi intimoriscono. Vi sembrerà assurdo, ma di alcuni libri non mi sento all’altezza. Li capirò? Sono troppo complicati per me? Starete ridendo, forse, mi giudicherete pazza, di sicuro. Emmanuel Carrère è quel genere di autore che rientra nella categoria “autore da me temuti”, ma che al tempo stesso non vedevo l’ora di affrontare. Qualche anno fa mi ero approcciata a Limonov, poi come spesso mi capita, presa da altre letture l’ho riposto e mai più ripreso.

La seconda chance me l’ha data l’Adelphi con Un romanzo russo, chance che questa volta ho deciso di prendere come si deve. Confesso: non è stata una lettura semplice, nel senso che questo libro necessita di una mente più sgombra del solito (e soprattutto con nessun altro libro in lettura in contemporanea). Le storie però quando sono scritte magistralmente non possono spaventare e quindo una volta entrata nell’universo di Carrère non ne sono uscita sino a lettura terminata.

Mi dico che sì, racconterò un’ultima storia di prigionia, e sarà anche la storia della mia liberazione.

Ad Emmanuel affidano un reportage su un prigioniero di guerra ungherese, creduto morto da tutti e che invece era in un ospedale psichiatrico. Di lui dall’oggi al domani non si ebbero più tracce, era letteralmente scomparso. Questo episodio evoca nello scrittore una storia a lui familiare. Sua madre infatti aveva perso il padre in circostanze simili; non era morto, ma era scomparso, forse ucciso perché collaborazionista.

 È il segreto di mia madre, il fantasma che ossessiona la mia famiglia.

La madre, di origini russe, di quella storia non ne aveva mai voluto parlare, né tanto meno avrebbe acconsentito che fosse il figlio a farlo. Quella era la sua storia, i suo dolore e il grande segreto che si portava da sempre, ma lui il divieto della madre decide di scavalcarlo, perché ha la necessità di scavare a fondo, capire di più la storia del nonno e provare ad esorcizzarla, perché ha segnato negativamente la vita della madre, la sua e probabilmente continuerà a segnare anche quella dei figli e delle generazioni a venire.

Parallela a tutto questo, la storia d’amore con la sua Sophie, una storia passionale destinata a degenerare. Emerge in questa storia l’animo più egoista dello scrittore, innamorato perso della sua fidanzata che però non reputava all’altezza della sua compagnia d’amici, troppo intellettuali ed acculturati per poter apprezzare una ragazza semplice come Sophie. Dopo l’idillio iniziale il suo rapporto con Sophie entrerà in un turbine di bugie, tradimenti e colpi bassi inferti da entrambi.

L’ambizione di parlare correttamente il russo per interpretare bene quei segreti a lui resi inaccessibili e soprattutto sinonimo di appartenenza a una cultura, quella dei suoi familiari, di cui vorrebbe far parte. Un romanzo russo di Emmanuel Carrère è un romanzo complesso dove si mescola reportage, giallo e amore, un racconto di un viaggio che vuole essere una riconciliazione con quel passato che tanto ha determinato l’esistenza del protagonista e della sua famiglia.

  • Titolo: Un romanzo russo
  • Autore: Emmanuel Carrère
  • Editore: Adelphi
  • Data di pubblicazione: 8 Maggio 2018