La ragazza con la macchina da scrivere|Desy Icardi

la-ragazza-con-la-macchina-da-scrivere

Delia aveva sempre vissuto con la sua inseparabile Olivetti MP1 rossa. Da quando l’azienda di famiglia era fallita, Delia aveva capito che avrebbe dovuto rimboccarsi le maniche e darsi da fare, motivo per cui appena aveva terminato il corso da dattilografa aveva pregato il ragioniere che prima lavorava per il padre a darle un lavoro. Aveva cominciato così ad essere una dattilografa a tutti gli effetti e la cosa la rendeva particolarmente felice. Sfiorare la sua macchina da scrivere, battere velocemente i tasti dell’Olivetti le dava energia.

Ormai anziana e colpita da un ictus, Delia doveva fare i conti con una memoria ormai andata quasi perduta. Il piccolo incidente, così come preferiva definirlo, le aveva cancellato i ricordi. Si rende conto per caso che sfiorando i tasti della sua macchina da scrivere, il passato che credeva di aver perduto per sempre riaffiora e quindi eccola lì a cercare di ricostruire poco per volta quella che era stata la sua vita.

Si rivede all’età di diciassette anni, in sella alla sua bicicletta con sopra caricata la sua macchina da scrivere. Il lavoro che permetteva di mantenere anche il padre alla costante ricerca di quella idea che gli avrebbe riconsegnato la nobiltà perduta. Le amicizie, in particolare con Ester e con alcune ragazze del paese sempre troppo impegnate a cercare quell’amore che le avrebbe sistemate una volta per tutte. E l’amore che quando si presenta a diciassette anni ti fa battere il cuore, ti fa credere che è quello giusto, senza pensare che anche l’amore più romantico può rivelarsi una vera e propria fregatura.

Quando Delia conosce il giornalista Nuto Cerri che per uno scherzo del destino si ritrova ad alloggiare nella casa che il padre affitta per racimolare denaro, non ha idea di chi sia. Le sue amiche gli morivano dietro, su di lei l’effetto era contenuto. Incontro dopo incontro tra i due si instaura un bel rapporto e quando Nuto la chiede in moglie, Delia risponde subito sì.

Siamo alla fine degli anni trenta, il fascismo governa in Italia, per un uomo di una certa età l’essere celibe è un problema, ma questo Delia non può saperlo e nelle intenzioni di Nuto ci vede sempre e solo l’amore. Si trasferiscono a Tornino, lei convinta di entrare a far parte della società che conta essendo lui un giornalista di chiara fama, dovrà constatare che non è tutt’oro quello che luccica e quel matrimonio che doveva essere la sua fonte di salvezza si rivelerà la sua trappola dorata.

Passano gli anni e la situazione del Paese precipita e Delia capirà che dovrà cavarsela da sola, o quasi. In suo aiuto accorrono Gianni, un suo amico d’infanzia e l’avvocato Ferro che farà padre a Delia più di quanto l’abbia fatto il suo.

Se con “L’annusatrice di libriDesy Icardi ci aveva introdotto nel mondo della lettura e dell’olfatto, con “La ragazza con la macchina da scrivere” (Fazi Editore) ci porta nel mondo della scrittura e del tatto. Raccontandoci la storia di Delia ci racconta la storia di una donna che fa di tutto per non soccombere agli aventi che la travolgono, ma soprattutto ci mostra l’importanza dei ricordi senza i quali probabilmente non avrebbe senso neanche vivere.

  • Titolo: La ragazza con la macchina da scrivere
  • Autrice: Desy Icardi
  • Casa Editice: Fazi Editore
  • Data di pubblicazione: 20 Febbraio 2020

L’annusatrice di libri| Desy Icardi

annusatrice-di-libri-672x1024

Tutte le brave scolare si somigliano, ogni scolara somara è somara a modo suo.

Con questa libera interpretazione di uno degli incipit più famosi della letteratura mondiale, si apre L’annusatrice di libri di Desy Icardi uscito qualche settimana fa per Fazi Editore.

Adelina, la protagonista, somara non lo è, piuttosto è una studentessa al di sotto della media che fatica più del dovuto per assimilare una lezione. Tra le tante difficoltà di Adelina c’è anche quella di non saper leggere correttamente ragion per cui il reverendo Kelley decide di assegnarle come compagna di studio Luisella, una delle alunne più brave della classe. Durante un pomeriggio di compiti Adelina scopre di riuscire a leggere un libro attraverso l’odore che questo emana. La scoperta strabiliante porta Adelina a migliorare negli studi e ad appassionarsi alla lettura.

Santa Bibliana da Spoleto era una giovane di quattordici anni che riusciva a leggere i testi sacri senza neanche aprirli, ma semplicemente avvicinandoli al volto e esalando il contenuto. Questo suo prodigio non passò inosservato, anzi la trattarono con tutti gli onori del caso. Col tempo la fanciulla iniziò ad accusare forti mal di testa e svenimenti fino a quando a soli quindici anni dall’ultimo mancamento non si riprese più.

Della storia della piccola Santa Adelina non ne era a conoscenza e non aveva messo al corrente del suo talento nessuno, né sua zia Amalia con cui viveva e che dei libri non ne voleva sentir parlare minimamente, né la sua amica Luisella che con lei era tanto gentile e premurosa. L’unico a cui aveva accennato qualcosa era il suo vicino di casa, l’avvocato Ferro che dei libri aveva una vera e propria passione così come per il loro odore.

Brava a mantenere il segreto Adelina non mette in conto che qualcuno possa accorgersi della sua capacità e sfruttarla per i propri loschi interessi disinteressato delle letali conseguenze che potrebbero esserci su di lei.

Zia Amalia oltre ad offrire vitto e alloggio alla figlia di suo fratello non si interessa più di tanto della nipote. L’importante era che andasse bene a scuola e che non pesasse il più possibile sul suo bilancio. La freddezza e la severità di Amalia altro non erano che conseguenze della sua gioventù, quando colui che credeva essere l’amore della sua vita si era rivelato un uomo calcolatore e cinico interessato ad avere da Amalia solo divertimento. Le cose per lei poi si erano messe bene, ma quel cinismo le era rimasto appiccicato addosso perché le ferite d’amore restano sempre le più dure da rimarginare.

L’annusatrice di libri è una piacevole lettura e gli appassionati, o meglio, gli ossessionati dei libri non potranno che apprezzarla per svariati motivi. La storia è piana di riferimenti ai libri più conosciuti ed amati. I lettori hanno un vero e proprio rapporto viscerale con i propri libri e l’abitudine di odorarli può sembrare folle, ma di un libro vogliono assaporare tutto e non solo il suo contenuto. Li trattano come veri oggetti sacri. Ci sono i puristi, quelli che guai a sottolineare o a fare orecchiette alle pagine e ci sono quelli che vivono completamente il libro appuntandosi i passaggi che più lo colpiscono perché di un libro letto non se ne vuole perdere neanche una riga. Desy Icardi in questo libro elogia questa passione e regala una storia graziosa con un pizzico d’avventura che non guasta.

  • Titolo: L’annusatrice di libri
  • Autrice: Desy Icardi
  • Editore: Fazi Editore
  • Data di pubblicazione: 28 Febbraio 2019