Niente caffè per Spinoza| Alice Cappagli

niente caffè per Spinoza

Con un matrimonio agli sgoccioli e la necessità di trovare un impiego il prima possibile, Maria Vittoria, chiamata da tutti Marvi, si presenta al centro per l’impiego e quasi stenta a crederci quando come lavoro le propongono di leggere per una persona.

Pagata per leggere è il lavoro dei sogni si qualsiasi lettore. Ad essere onesti dovrà provvedere anche alle faccende domestiche e a preparare il pranzo, ma il fattore determinante per l’assunzione a casa dell’anziano professore Farnesi è il saper leggere, visto che lui ex docente di filosofia ha ormai perso del tutto la vista.

«Non sempre è facile l’uso di qualcosa che non ci si aspetta».

Quando Maria Vittoria si presenta a casa del professore rimane sconvolta dalla quantità di libri presenti, lei che non ha memoria della sua ultima lettura. A colpirla è anche il disordine che lasciano la figlia del professore, Elisa e le due nipotine, ma riordinare è il suo lavoro e tra una pagina di Pascal e un contorno di zucchine, lei e il professore fanno conoscenza ed entrano in sintonia.

Giorno dopo giorno, grazie alle letture che il professore le fa leggere ad alta voce, Maria Vittoria inizia a capire cosa le manca nella vita e soprattutto che direzione darle.

«Un libro di per sé non è nulla se non trova qualcuno che lo fa vivere nella lettura».

Le frasi che il professore richiama a memoria non sono buttate lì per caso, Epicuro, Sant’Agostino, Spinoza, tutti hanno un insegnamento da darle che lei deve solo cogliere. In quella quotidianità fatta di pulizie, caffè, passeggiate a Villa Fabbricotti, incontri con la terribile Vally, letture e i compagni del professore, Maria Vittoria ritrova a poco a poco se stessa, mettendosi alle spalle un marito che non merita certo di stare al suo fianco e una suocera troppo innamorata del figlio per comprendere le umiliazioni che riserva alla moglie e soprattutto decide di guardare avanti, verso il mare, riassaporando una libertà che aveva perso, lanciandosi in conoscenze nuove che chissà dove la porteranno.

«Non dobbiamo volere con ostinazione che le cose vadano come desideriamo, ma desiderare come vanno».

L’unica cosa che mi piace dell’estate è il momento in cui riesco a rimettermi in pari con le letture, recuperando quei libri usciti che mi avevano incuriosito, ma che per un motivo o per un altro non ho letto. Niente caffè per Spinoza di Alice Cappagli, mi rimbalzava tra un social e l’altro, ma ha dovuto attendere agosto per essere letto. Tra un sabato pomeriggio e una domenica mattina, tra il libeccio di Livorno e la casa impolverata e piena di libri del professore, mi sono ritrovata a commuovermi per una storia che a un certo punto sapevo come sarebbe finita. Noi lettori lo riconosciamo quel momento in cui le cose si mettono in un modo che non ci piacciono, ma non ci si può fermare, bisogna andare avanti nella lettura, consapevoli che quel finale ci farà un po’ male, ma probabilmente ricorderemo meglio di altri.

  • Titolo: Niente caffè per Spinoza
  • Autrice: Alice Cappagli
  • Casa Editrice: Einaudi
  • Data di pubblicazione: 5 Febbraio 2019