Essere Blogger a Napoli

«Gli strilli sulle copertine dei libri? Mai sbandierare le copie vendute»

«Meglio usare l’ironia». Francesca Ottobre, lettrice compulsiva, cura Gliamabililibri«Una donna che legge è una donna che pensa, ti conquista con la mente»

Alessandro Chetta

Essere blogger, puntata 96. È la volta di Francesca Ottobre curatrice diGliamabililibri.com
ARCHIVIO – Tutte le interviste ai blogger da 1 a 90

Da quando il blog è online?
«Da fine luglio 2015 ed è ancora in fase di rodaggio. Principalmente scrivo le recensioni dei libri che leggo o di argomenti che riguardano sempre i libri e l’editoria. Si tratta di commenti puramente personali, non sono una critica ma una semplice lettrice».

Cos’è un bookworm?
«Letteralmente “topo di biblioteca”. Oggi il bookworm è il termine con cui si definiscono gli appassionati lettori».

Ebook contro cartaceo come mp3 contro cd/vinile?
«No. Il cd ha preso il posto del vinile e oggi il vinile è un oggetto raro e difficile da trovare. L’ebook non ha preso e non prenderà mai il posto del cartaceo. Esiste dai primissimi anni Ottanta e in tutti questi anni non ha scansato il primato del libro cartaceo e questo dovrebbe far riflettere, la vendita di ebook in Italia resta al di sotto del 2%. Personalmente poi io adoro possedere i libri che leggo quindi niente ebook».

Lo scrittore che tutta Italia dovrebbe leggere e quello che tutta Italia potrebbe fare a meno di leggere.
«Luigi Pirandello è tra i miei scrittori preferiti in assoluto e tra i primi che ho letto, rimane sempre attuale. Gli scrittori improvvisati, come personaggi tv, cantanti, attori, ecco quelli evitiamoli e lasciamo scrivere a chi sa farlo».

A Roma si è da poco chiusa ‘Più libri, più liberi’ fiera della piccola e media editoria. Ti sei mai chiesta come fanno a sopravvivere editori di questo tipo in un paese che per metà non legge?
«L’Italia ha una percentuale molto bassa di lettura inferiore a Spagna, Francia, Germania; per i piccoli e medi editori la situazione è ancora più difficile dopo che con “Mondazzoli” (Mondadori più Rizzoli, casa editrice recentemente acquistata dal gruppo guidato da Marina Berlusconi, ndr) si è creato un vero e proprio monopolio editoriale. Sta a noi lettori aiutarli, scovando autori meritevoli nei loro cataloghi e leggerli».

Dove compri i libri? Grandi catene, piccole librerie, Amazon, bancarelle.
«I libri li compro tutti presso la libreria indipendente Hamletica di Maddaloni,in provincia di Caserta, dove abito».

Pregi e difetti dei seguenti scrittori:
– Haruki Murakami
«Onirico, arduo».
– Fabio Volo
«Fortunato, banale»
– Hemingway
«Prolifico, eccessivo».
– L. A. James
«Sfrontata, mediocre».
– Marco Malvaldi
«Piacevole, giallista (Non è un difetto ma non è il mio genere)».
– Francesco Piccolo
«Umoristico, troppo maschilista (Non lui ma “La separazione del maschio)».
– Josè Saramago
«Genio, impegnativo».

Uno, due aggettivi per i seguenti nomi
Maurizio Sarri
«Umile, lavoratore»
Don Draper (protagonista di Mad men)
«Spregiudicato».
Ignazio Marino
«Ingenuo».
Loredana Bertè
«Eccentrica».

Cosa non può mai mancare sulla copertina di un libro (titolo a parte)?
«In gergo si chiama “strillo”, è quella frase incisiva e sintetica che deve incuriosire il lettore e generalmente la mettono sul retro del libro. Mi viene in mente quello di Non Avevo capito niente di Diego De Silva: “Dicono che la felicità di trovi nelle piccole cose. Sapeste l’infelicità”. Da dimenticare tutti quelli che sbandierano le copie vendute».

Roberto Saviano ha di recente pubblicato un post: ‘Niente, per quanto mi riguarda, è più erotico di una donna che legge un libro’.
«D’accordo con Saviano. Una donna che legge è una donna che pensa e che sicuramente ti saprà conquistare con la mente e questo non è poco».

I migliori 3 blog della rete.
«DiLetti e RiLetti” e “TempoxMe” sono due blog sui libri che leggo spesso e volentieri, e poi il blog di CasaLettori; la sua fondatrice Maria Anna che gestisce la pagina omonima anche su Twitter è un fenomeno e sono felice di poterla considerare un’amica».

Nome, età, di dove sei, cani gatti animali in genere, cosa stai leggendo in questo momento, cosa guardi in tv, sul web e al cinema.
«Francesca Ottobre, 25 anni compiuti da poco, di Maddaloni. Nessun animale e sono single. In lettura ho Il club degli incorreggibili ottimisti” di Jean-Michel Guenassia. Sono un’appassionata di serie tv americane, ho una vera e propria dipendenza da Grey’s Anatomy. Il cinema invece tutti i film di Paolo Sorrentino».

Che lavoro fai?
«In attesa di occupazione. Ho fatto un corso di formazione editoriale dove ho imparato tutto il lavoro redazionale di una casa editrice, mi piacerebbe poter lavorare presto presso una casa editrice. Nel frattempo collaboro con la libreria Hamletica nell’organizzazione di presentazioni di libri».

Studi.
«Diplomata al liceo scientifico “Nino Cortese. Ho studiato filosofia alla Federico II di Napoli che ho lasciato lo scorso anno».

L’artista che maggiormente ti ha influenzato?
«Influenzato è un parolone, ma il mio mito è Sophia Loren un concentrato di femminilità, intelligenza, classe, eleganza e talento».

L’aforisma che citi più spesso?
«È quello che ho messo come intestazione del mio blog, un aforisma di Jorge Luis Borges “Che altri si vantino delle pagine che hanno scritto, io sono orgoglioso di quelle che ho letto».

Alessandro Chetta

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fonte Corriere del Mezzogiorno