Perdere tempo su internet

perdere tempo su internet

    • Titolo: Perdere tempo su internet
    • Autore: Kenneth Goldsmith
    • Editore: Einaudi
    • Data di pubblicazione: 13 Giugno 2017 
    • Acquista il libro su Amazon: Perdere tempo su internet

Perdere tempo su internet è il nome di un corso che Kenneth Goldsmith ha tenuto alla Pennsylvania University nato come necessità di dimostrare che su internet tutto si fa tranne che perdere tempo, anche se i giornali facendoci sentire in colpa vorrebbero affermare il contrario. Il corso è nato come esperimento e il libro che ne è conseguito offre ottime argomentazioni e molti spunti di riflessione sul mondo digitale, come si è evoluto e come ci ha mutati.

Quando si parla di internet e dei suoi strumenti (p.es social network, blog, mail) si tende a parlare di una popolazione iperconnessa e schiava del mezzo, automi solitari impegnati ad agire esclusivamente virtualmente e che vivono solo attraverso gli schermi dei loro smartphone. Questo saggio vuole ribaltare questa visione facendo riscoprire il lato positivo del web e le infinite possibilità che esso crea.

Partendo dal titolo, cosa significa perdere tempo su internet? Se apro il mio Twitter, nella home vedrò scorrere tweet di varia natura. Ci saranno post ironici, irrilevanti, ma anche stralci di agenzie di informazioni correlati da link che mi porteranno a leggere articoli di politica, cultura, attualità e sport. Tutte le notizie in tempo reale su Twitter vengono dibattute e molti è attraverso i social che vengono informati su cosa nel mondo stia accadendo. A differenza della televisione che ci rende passivi perché ci permette solo di seguire le notizie, internet con i suoi social ci permette di interagire, creare dibattito e intervenire, di essere parte attiva del momento.

Altra cosa che ci viene imputata è che non leggiamo più. Quando escono i dati Istat sulla lettura (che in Italia crolla a vista d’occhio) la prima cosa che si dice è che non si legge più perché passiamo molto tempo su internet. Facciamo chiarezza una volta per tutte: non si leggono più i libri, ma si legge in continuazione. Anche se si tende a fare una lettura scanner e sommaria dei contenuti in rete, siamo probabilmente (anzi sicuramente) la generazione che più legge e scrive in assoluto. Che quello che leggiamo o scriviamo non sia di natura letteraria è ovvio, ma oggi anche chi non legge nemmeno un libro in anno ha un account su un social dove passerà le sue giornate a leggere e scrivere.  Internet ha ribaltato questa visione. Se prima scriveva solo chi di dovere, oggi tutti sono in grado di esprimere le proprie opinioni su tutto ciò che accade e sugli argomenti più disparati. Positivo o negativo che sia non sta a me giudicarlo, ma è un dato di fatto che non va tralasciato.

I social network occupano parte delle riflessioni di Goldsmith. Se Cartesio diceva penso, dunque sono oggi si potrebbe dire twetto dunque sono, posto dunque sono: insomma esisto se sono online. A differenza di quanto vorrebbero farci credere i social non ci hanno reso asociali, anzi, ci immettono in un circuito che ci porta a comunicare, interagire, scambiare pareri. Si fa amicizia in un modo diverso attraverso nuovi dispositivi, ma è un rapporto che non può essere banalizzato o declassato solo perché dissimile da ciò a cui siamo abituati. Dalle lettere siamo passati ai messaggini e da quelli siamo approdati ai whatsapp e ai tweet. Il mondo è in costante divenire e in perpetua evoluzione, stare ancorati al passato e rimpiangerlo a cosa ci porta? A niente. Ci siamo abituati alla musica digitale, agli ebook, ai film in streaming da vedere direttamente sul divano di casa propria. C’è chi con malinconia affermerà che la qualità della musica in vinile è superiore, che il libro di carta ha la sua poesia e che le emozioni di un film al cinema sono impagabili ma in tutto questo c’è una realtà che è mutata e chissà dove ancora ci porterà.

Perdere tempo su internet è un ottimo saggio, pieno di riferimenti letterari, culturali e artistici e in modo provocatorio ribalta le nostre concezioni del rapporto che abbiamo con il web; un’analisi completa e articolata da non lasciarsi sfuggire.

Ma quale paradiso?

ma quale paradiso

1462182219557.jpg--maldive__se_il_paradiso_e_un_isola

In un posto del genere ci vivrei tutto l’anno. E’ una frase che probabilmente avrete detto se avete avuto la fortuna di andarci alle Maldive o semplicemente avete visto una foto del posto su internet o in un’agenzia di viaggi. Le Maldive sono una delle mete turistiche più ambite in assoluto, con sole, mare cristallino e relax, un vero paradiso sulla terra che convincerebbe chiunque a fare i bagagli e trasferirsi. La realtà però è ben diversa da come appare e il reportage di Francesca Borri ha completamente rivoltato l’immagine di giardino dell’eden che siamo abituati a conoscere o meglio a credere di conoscere.

Le Maldive sono un concentrato di povertà, criminalità e corruzione, dove il 5 per cento della popolazione detiene il 95 per cento della ricchezza, dove a farla da padrone sono le gang, dove non puoi sperare nell’aiuto della polizia che dovrebbe proteggerti e che invece con queste gang va a braccetto, dove c’è un uso e uno spaccio spropositato di eroina e dove in teoria c’è la libertà di opinione ma guai a te ad usarla contro l’Islam, perché l’Islam è la religione di stato e non puoi avere religione diversa da questa. Il problema delle Maldive è l’economia, ma anche la politica, e perché no la religione e il suo fanatico fondamentalismo e aggiungeteci pure la Siria, la jihad, la sharia e chissà quante altre cose.

Male, la capitale, è dove risiede la maggior parte della popolazione e dove la maggior parte della popolazione è costretta ad andare per ogni genere di servizi come banche, università, medici o semplicemente per andare a comprare un paio di scarpe. Una capitale che ha i prezzi di Londra con la vita del Burundi. Ovviamente una situazione del genere fa comodo a chi le cose non vuole che cambino, perché una popolazione ridotta alla fame e che vive in condizioni di povertà costante e che non sente di avere l’appoggio della polizia o della politica difficilmente scenderà in piazza per protestare perché semplicemente non ne ha le forze. E’ una popolazione che preferisce bussare alla porta del potente di turno, chiedergli il dovuto, far finta di niente e continuare a sopravvivere.

La realtà desolante che ne esce ci fa entrare meglio nell’ottica e forse ci fa leggermente comprendere perché dalle Maldive parte il più alto numero di foreign fighters. L’Islam per questi ragazzi non è solo una religione con i suoi precetti e le sue preghiere; l’Islam è completa sottomissione al Dio in cui credono e la jihad rappresenta per loro una forma di redenzione e riscatto per poter mettere in atto una giustizia equa. La Siria diventa quella terra per cui è giusto sacrificarsi. Partire ed andare in Siria rappresenta quella svolta economica e morale che la loro terra non è in grado di offrire. Perché la Siria significa non solo avere un lavoro e uno stipendio, ma anche un’identità e una causa valida per cui combattere.

Quello che questo libro vuole provare a raccontarci è che non esiste solo il bianco e il nero, che non ci può essere una netta differenza tra i buoni (che poi saremmo noi occidentali i buoni?) e i cattivi, che non è tutto così chiaro come vorrebbero farci credere, bisogna scavare a fondo e cercare di non restare in superficie e trarre conclusioni ovvie e affrettate.

Ma quale paradiso? ha il pregio di essere un libro che invece di darti risposte ti mette nella posizione di farti domande. È un libro necessario e scusate se uso questo termine che oramai è diventato il più abusato in letteratura. Necessità e bisogno di comprendere, capire e ampliare la nostra mente dovrebbero portarci a prendere libri del genere e leggerli senza neanche esitare. Libri come Ma quale paradiso? li leggi in un’oretta scarsa ma raramente si dimenticano. Libri come questi sono perle rare meglio non lasciarseli sfuggire.

Non aspettarmi vivo

non aspettarmi vivo

Finisco di leggere Non aspettarmi vivo mentre alla TV passano le ennesime immagini di un attentato (quello di Londra) che ci ha scossi nuovamente. Mi viene in mente subito un passaggio del libro in cui un uomo spiegava che dietro ad ogni attentato c’è una logica, peccato che sentendo parlare di morti e feriti la logica al momento non riesco a trovarla. Mi viene da dire basta, siamo esausti di questo copione che si sta ripetendo all’infinito verso cui ormai ci stiamo assuefacendo. Faccio un passo indietro dicendomi che non posso ragionare come il Salvini di turno, altrimenti dimostro che questo libro mi è servito a poco e ritorno sui tantissimi passaggi che ho segnato, quelli che richiedevano una rilettura e una maggiore comprensione.

Anna Migotto e Stefania Miretti sono due giornaliste che dopo anni di lavoro sul campo hanno raccolto varie testimonianze di chi col jihadismo ha avuto a che farci da vicino e il racconto che emerge non può lasciarci indifferenti. Le storie raccontate hanno delle caratteristiche di base molto simili. Si parla sempre di ragazzi che hanno studiato, provengono da famiglie agiate e che magari non sono religiosi nel senso stretto del termine. Improvvisamente le abitudini cambiano, iniziano a leggere il Corano, a frequentare le Moschee, a ripulirsi dagli eccessi della vita (e per eccessi non mi riferisco necessariamente ad alcool e droga, ma alla musica e al calcio). Successivamente si opera un vero e proprio lavage de cerveau costituito da fasi ben precise che termina con l’inculcare nei ragazzi l’idea che morire come martire e portare più persone con sé sia affascinante e giusta. Il lavaggio del cervello con le nuove tecnologie è diventato anche più semplice. Twitter e Facebook sono divenuti terreno fertile in cui è facile intercettare ragazzi che nel giro di poco decidono di partire come combattenti dello Stato Islamico; la Siria è la meta più ambita visto che indicata come la terra dello scontro finale.

Che non si tratti di questione di cultura è ribadito fortemente come è sottolineato che i ragazzi che hanno studiato sono quelli più richiesti. Ingegneri, informatici ed economisti sono tra i più ricercati tra le file di Dāʿish. E’ piuttosto una questione di opportunità che il califfato offre a questi ragazzi disorientati. Soldi, donne, lavoro, tutto ciò che tua misera vita prima non ti dava lo Stato Islamico te lo porge.

Le storie qui raccontate non sono solo quelle dei tanti ragazzi che hanno aderito alla causa, ma anche di quelli pentiti della scelta che vorrebbero ritornare dalle proprie famiglie. Genitori che non si sono arresi di fronte alla radicalizzazione dei figli e che darebbero la propria vita per riportali indietro, cosa che è quasi impossibile visto che una volta che sposi Dāʿish non ne esci, se non morto.

Se oggi c’è un Isis è perché ieri c’è stato un Iraq. Se c’è stato un Iraq è perché c’è stato un  11 settembre e il gioco può andare avanti all’infinito, fino a chissà dove, incolpando chissà chi. Non voglio tirare conclusioni su un argomento così difficile e delicato e voglio comprendere le ragioni di chi dice che il sangue degli europei è uguale al sangue di tutti gli altri uccisi con maggiore frequenza in Medio Oriente, che se oggi inorridiamo per i video atroci dei combattenti Isis dovevamo inorridirci anche per le torture degli americani sui prigionieri in Iraq. Combattono per la realizzazione di uno Stato Islamico dove in vigore ci sarà solo la suprema legge di un dio (il loro dio ovviamente) che pone fine a tutte le ingiustizie. E’ davvero per la promessa di un paradiso che stanno scatenando l’inferno?

Quello che di certo mi resta di questo libro è la voglia di non fermarmi all’apparenza e di approfondire ancora di più l’argomento. Anna Migotto e Stefania Miretti hanno scritto un libro che non merita di passare inosservato, anzi, merita di essere letto, riletto, discusso e argomentato. Un libro che nella sua crudeltà mostra una realtà a cui non possiamo più voltare le spalle.

Il mestiere dello scrittore

il mestiere dello scrittoreù

    • Titolo: Il mestiere dello scrittore
    • Autore: Haruki Murakami
    • Editore: Einaudi
    • Data di pubblicazione: 14 Febbraio 2017
    • Acquista il libro su Amazon: Il mestiere dello scrittore

Gli scrittori sono fondamentalmente delle persone egoiste, troppo orgogliose e con un forte spirito di rivalità.

Di certo con Il mestiere dello scrittore Murakami ha dimostrato di essere l’eccezione che conferma la regola visto che con questo libro non si è mostrato egoista, anzi, ha messo a disposizione la sua esperienza in campo letterario delineando questa sorta di manuale. E’ un libro fortemente autobiografico visto che Murakami ripercorre gli inizi, le tappe della sua carriera e le varie difficoltà incontrate, non tanto quelle per diventare scrittore, quanto quelle per restarlo.

Senza giri di parole afferma che un buon libro, ma anche due, è in grado di scriverlo chiunque, basta sedersi e mettersi a scrivere anche le cose più disparate. Quello che è difficile è essere costante negli anni, crearsi una carriera duratura, cercare di proporre  sempre qualcosa di diverso al lettore in modo da non stancarlo. Insomma la difficoltà vera e propria è costruirsi una credibilità di pubblico e critica che non si scalfisca facilmente e brevemente. Il rapporto con il lettore è quanto di più bello possa esserci in questo mestiere, qualcosa che va aldilà di qualsiasi riconoscimento. Il lettore che sceglierà un libro, che spenderà dei soldi (nel mio caso tantissimi soldi), che dedicherà parte del suo tempo sottraendolo ad altre sue attività deve essere soddisfatto, non può essere banalmente accontentato, né tanto meno preso in giro: le uniche persone in grado di dare un giudizio su un’opera, non c’è bisogno di dirlo, sono i lettori. Ma ad avere l’ultima parola sarà il tempo. 

Interessante la riflessione sull’originalità. Cosa vuol dire per uno scrittore essere originali? Sicuramente vuol dire avere uno stile che ti permetta di distinguerti dagli altri. L’originalità dovrebbe essere il marchio di fabbrica degli scrittori, dovrebbe permettere al lettore di riconoscere lo scrittore in mezzo alla marea letteraria di pubblicazioni: è difficile, ma non impossibile. Un po’ come i cantanti, non importa che tu quella canzone non la conosca, appena senti quella voce sai a quale cantante appartiene. Originalità, ribatte Murakami, è anche migliorare e far evolvere il proprio stile. Da lettrice non c’è niente di più brutto che ritrovarsi un autore che propone sempre la solita storia, un autore incapace di rischiare e che scrive le medesime cose solo perché gli garantiscono quel successo minimo di critica e pubblico necessario per sopravvivere e scomparire nel dimenticatoio. Ben vengano gli scrittori che osano, un libro sbagliato ma azzardato sarà più apprezzato di un libro ripetitivo.

Murakami con questo libro fa un gran gesto di generosità aprendo il suo mondo ai lettori e ai suoi colleghi, e siccome Murakami è conosciuto nell’ambiente letterario per essere una persona molto schiva e riservata questo gesto vale doppio.

Cara Ijeawele

cara-ijeawelw

    • Titolo: Cara Ijeawele
    • Autrice: Chimamanda Ngozi Adichie
    • Editore: Einaudi
    • Data di pubblicazione: 7 Marzo 2017
    • Acquista il libro su GoodBook 

Cara Ijeawele è un libriccino di appena una novantina di pagine, roba che si legge in una mezz’oretta. Quando lo finisci però non si ripone subito in libreria, ma si ritorna su molti passaggi. Il libro in questione di breve ha solo la lunghezza perché le considerazioni che si possono fare sono molteplici, i passaggi che fanno riflettere sono tanti. Quando io l’ho finito mi sono chiesta se nel 2017 abbiamo ancora bisogno di libri del genere. Il medioevo sembra essere alle spalle, le donne hanno conquistato molto, però i recenti fatti di cronaca di costume mi hanno portato alla conclusione che sì, nel 2017 abbiamo ancora bisogno di un libro come questo di Adichie.

Nei mesi appena trascorsi abbiamo assistito a una donna che ha detto a un’altra donna che vestita in un determinato modo (per essere chiari un vestito con un’ampia scollatura e un vistoso spacco) non poteva parlare di argomenti seri. Un giornalista in un editoriale del suo giornale affermava che se quella determinata candidata alla presidenza di stato le elezioni le ha perse è perché ha fatto una politica poco femminile; chissà forse voleva che mentre parlava dei punti del suo programma elettorale facesse pure un bel tutorial sul make-up. Il colmo però l’hanno raggiunto quelli che hanno attaccato un’attrice da tempo impegnata nel giusto riconoscimento delle pari opportunità rea di aver posato nuda per un servizio di copertina e quindi ma come, parli di femminismo e ti fai fotografare come mamma ti ha fatta?

Come già affermava nel suo precedente libro, Dovremmo essere tutti femministi, il femminismo non ha niente a che vedere con il non curarsi del proprio corpo e dell’estetica. Se non mi trucco e mi vesto da monaca non vuol dire che sono impegnata nella giusta causa, così come se sono una bella ragazza non vuol dire che sia stupida e il femminismo non so neanche dove abiti. Femminismo è riconoscere la disuguaglianza di genere, perché mettiamocelo bene in testa che uomini e donne sono diversi (e meglio così, aggiungerei). Tanto meno le donne sono migliori degli uomini e il femminismo non è affermare che le donne sono migliori in quanto donne; femminismo è creare pari opportunità tra uomini e donne, anche perché la battaglia femminista si rivolge a tutte le donne del mondo, non solo quelle appartenenti alla fetta di mondo più vicina a me.

Questo libriccino, manuale, decalogo, chiamatelo come volete è una sorta di guida per crescere una bambina che dovrebbero leggerlo proprio tutti (e con tutti intendo pure mia madre che piuttosto che in compagnia di un libro preferirebbe vedermi in compagnia di un ragazzo o mia nonna che sarà contenta e orgogliosa di me quando le dirò che sto comprando il corredo per sposarmi).

Sembra assurdo ma c’è ancora il bisogno di dire che il matrimonio non è un traguardo, che una donna sposata non è di certo migliore di una donna che non lo è. Il matrimonio è una delle tante tappe della vita, se ti sposi non ti danno il bollino sulla tessera fedeltà, se non lo fai continuerai ad avere due gambe e due braccia come tutte le altre donne. La maternità, come il matrimonio, non è un processo obbligatorio. Se una donna sceglie di essere madre è stupendo, se non vuole esserlo non facciamo di lei un mostro a tre teste che dovrebbe marcire all’inferno.

Ho ventisei anni, una vita davanti e ancora tante esperienze da fare. Mi piacciono i bambini ma l’idea di averne uno non mi affascina per niente. Ebbene quando dico di non volere figli mi guardano come se gli avessi detto che esco con Satana, oppure mi dicono che parlo così perché sono giovane e sicuramente cambierò idea perché una donna è completa solo se madre. No, una donna è completa sempre, non solo se madre e moglie di qualcuno, quelle sono aggiunte.

Potrei analizzare tutti i quindici punti che Adichie ci offre, però preferisco che leggiate lei piuttosto che i miei deliri. Cara Ijeawele è un piccolo e indispensabile gioiellino letterario, non privatevene.

Operazione massacro

operazione-massacro

    • Titolo: Operazione massacro
    • Autore: Rodolfo Walsh
    • Editore: La Nuova Frontiera
    • Data di pubblicazione: 2002
    • Acquista il libro su Amazon: Operazione massacro

Rodolfo Walsh è uno scrittore, giornalista e militante politico argentino che in Operazione Massacro ricostruisce una drammatica vicenda: quella dell’uccisione di un gruppo di uomini. Il romanzo è considerato il precursore di un genere, quello del giornalismo d’inchiesta o giornalismo narrativo, che vedrà la consacrazione in A sangue freddo di Truman Capote.

Conoscendo i rischi che l’inchiesta portava Rodolfo decise di cambiare il suo nome in Francisco Freyre, adottare una nuova carta d’identità e vivere in una nuova zona. Un gruppo di dodici uomini che si erano radunati per seguire un incontro di boxe alla radio viene trascinato via con la forza da un gruppo di forza armate che irrompendo nell’abitazione era convinto di trovare chissà quale gruppo complottista. Le forze armate che avevano precedentemente rovesciato il peronismo erano sempre all’erta e cercavano in tutti i modi di reprimere possibili resistenze peroniste, non facendosi certo scrupoli ad usare torture e violenze. Non avevano fatto i conti quella sera che nel gruppo che avevano trascinato con forza in un immondezzaio fuori Buenos Aires e a cui avevano sparato a raffica potessero esserci dei sopravvissuti: ben sette su dodici.

Walsh ricostruisce all’inizio del racconto il profilo di tutti e dodici gli uomini del gruppo e dopo quella sera segue il percorso dei sopravvissuti in attesa di una giustizia che non arriverà mai; nessuno dichiarerà mai con certezza perché quegli uomini furono presi e fucilati né tanto meno è uscito fuori il nome di un colpevole.

In questa edizione è presente anche la Lettera aperta di uno scrittore alla Giunta Militare del 1977 che Walsh indirizzò al generale Videla in cui denunciava i crimini e le torture, i morti e i desaparecidos e chiedeva che Videla se ne assumesse le colpe. Nella lettera Walsh fece un resoconto della disastrosa situazione dell’Argentina, con alti tassi di disoccupazione e povertà oltre che una fallimentare politica economica. Nessun giornale si assunse la responsabilità e il rischio (o meglio il coraggio) di pubblicare la lettera.

Rodolfo Walsh fu catturato in un’imboscata a Buenos Aires mentre distribuiva personalmente la lettera e venne successivamente inserito nella lunga lista dei desaparecidos anche se alcuni testimoni giurarono che il corpo di Walsh giunse già senza vita all’ESMA. Operazione Massacro è stato definito da Gabriel Garcia Marquez un capolavoro del giornalismo universale, una testimonianza rara e il testamento letterario, politico e sociale di un grandissimo scrittore.

Non lavate questo sangue

download

Nel luglio del 2001 io avevo dieci anni e mezzo. Ero in vacanza e passavo ore sulla spiaggia e quando tornavo a casa la televisione la vedevo per poco tempo. Ho provato a fare mente locale, a sforzarmi per cercare di vedere cosa ricordassi di quei giorni. Poco o niente. Qualche servizio al TG forse. Il nome Diaz di sicuro, quello mi è rimasto impresso dal primo momento e l’ho tenuto a mente nel corso degli anni. Crescendo avrei dovuto trovare il tempo di informarmi, ma per pigrizia e distrazione di altre cose non l’ho mai fatto, ecco perché non potevo lasciarmi sfuggire questo libro.

Nel luglio del 2001 Genova è stata scelta come sede del G8. Il G8 dove i grandi del pianeta si incontrano e discutono su svariati argomenti come clima, economia, energia e prendono delle decisioni a nome di tutti e per tutti. Il G8 formato da Giappone, Russia, Usa, Canada, Francia, Germania, Gran Bretagna e la nostra Italia. Il presidente del consiglio dell’epoca Silvio Berlusconi oltre a disposizione degli altri capi di Stato ogni tipo di confort, per non sfigurare con i presenti aveva fatto ripulire ed abbellire Genova, si sa che l’apparenza è tutto, e questo significava nascondere facciate di palazzi fatiscenti e via i panni stesi alle finestre, non sia mai che un Bush o un Putin vedesse delle mutande stese ai balconi.

Presente negli stessi giorni del G8 anche il movimento no Global pronto a far sentire la propria voce ai grandi, pronto a rappresentare i Paesi che non sono stati chiamati a sedere allo stesso tavolo con gli altri.

Spiegare qui in poche righe i fatti di Genova mi sembra inutile, meglio leggere il libro in cui l’autrice sotto forma di diario racconta alla perfezione il susseguirsi degli eventi. Quello che emerge dalle pagine è una Genova blindata, divisa, con i politici al sicuro nei loro palazzi e le manifestazioni in piazza ricche di tensione che hanno toccato il culmine con la morte di Carlo Giuliani. E soprattutto la notte nella scuola Diaz, il punto più basso di questa pagina di storia dove la polizia forte dei suoi poteri ha fatto irruzione nell’edificio dove dormivano quasi un centinaio di giovani di nazionalità diversa e senza scrupoli hanno picchiato chiunque si trovasse davanti.

A quindici anni di distanza con una nuova edizione Einaudi e con la delicatezza e precisione che la penna di Concita De Gregorio ci assicura in ogni suo scritto Non lavate questo sangue è un gioiellino imperdibile che non può mancare nella vostra libreria.

Colloquio con Giulio Einaudi

download

    • Titolo: Colloquio con Giulio Einaudi
    • Autore: Severino Cesari
    • Editore: Einaudi
    • Data di pubblicazione: 21 Maggio 2007
    • Compra il libro sul sito di Amazon: Bartleby lo scrivano

Lo chiamo <editoria e no>, questo criterio, e non voglio certo dire che noi della Einaudi siamo l’editoria e gli altri no. <Editoria e no> non perché la casa editrice Einaudi sia la migliore, ma per sottolineare un impegno civile, che una parte dell’ editoria ha preso con la società. L’editoria <sì> è quella che invece di <andare incontro al gusto del pubblico>, gusto che si pretende di conoscere ma che si confonde spesso con il proprio, introduce nella cultura le nuove tendenze della ricerca in ogni campo, letterario artistico scientifico storico sociale, e lavora per fare emergere gli interessi profondi, anche se va controcorrente.

 Nel “Colloquio con Giulio Einaudi” si ricostruisce la storia di quella che è senza dubbio una delle case editrici più conosciute, stimate ed importanti del panorama letterario: Einaudi. Attraverso l’intervista di Severino Cesari il fondatore Giulio Einaudi ripercorre la nascita e l’ascesa, il successo e la crisi e delinea il progetto editoriale che aveva in mente quando l’avventura è partita senza dimenticare tutte le personalità che con il loro lavoro e la loro presenza hanno arricchito la casa editrice. Primi fra tutti Leone Ginzburg e a seguire Cesare Pavese, Elio Vittorini e Italo Calvino, Felice Balbo, Noberto Bobbio, Natalia Ginzburg e altri che hanno contribuito al lavoro collettivo.

In una città che non poteva non essere Torino che aveva alle spalle una tradizione editoriale molto vivace prende vita l’Einaudi, grazie alla fusione di due gruppi d’amici provenienti entrambi da Liceo Ginnasio Massimo D’Azeglio, uno con Pavese e l’altro con Ginzburg. La registrazione della casa editrice avviene a tutti gli effetti nel 1933 e le prime pubblicazioni nacquero sulla scia della rivista diretta dal padre di Giulio, Luigi. Sono anni in cui la casa editrice deve fare i conti con la presenza del fascismo in Italia con molti pezzi della Einaudi (Ginzbug, Einaudi, Pavese, Mila e Franco Antonicelli) arrestati e alcuni di essi condannati a pene severe. Figure fondamentali per la nascita e l’affermazione a detta del suo fondatore furono in primis Ginzburg e Pavese. Leone Ginzburg viene definito da Einaudi come uomo dall’intelligenza pragmatica, uno che curava tutto nei minimi dettagli a costo di sembrare pignolo, un editore consapevole di dover offrire la migliore merce al lettore fatta nel modo migliore possibile; una collaborazione durata anche nel periodo della sua prigionia. Stesso discorso per Cesare Pavese che con il suo lavoro ha gettato le basi, lavorando con passione fino al giorno della sua morte.

Se una buona parte dell’intervista è riservata alla nascita e allo sviluppo della casa editrice, non meno importanza è riservata agli aspetti editoriali veri e propri come mercato, collane e autori. La necessità di costruire un pubblico, una sorta di lettore Einaudi attraverso la vendita rateale permise da un lato di fidelizzare il lettore, dall’altra di sostenere attraverso introiti mensili fissi i costi. Evitare di pubblicare libri del momento, ma concentrarsi su libri che possano durare nel tempo è uno dei motivi per cui in tutte le librerie italiane il libro Einaudi sia il più rappresentato, con quella forma e quei colori che lo rendono riconoscibile ai più.

Tutti i consulenti, sia che abitassero a Torino, sia che venissero da fuori, avevano accesso a queste riunioni del mercoledì pomeriggio, che si svolgevano dalle cinque fino a sera inoltrata. Partecipavano anche i redattori interni, per cui c’era uno scambio di informazioni sulle letture proprie, sui contatti presi in giro per il mondo, e le discussioni sui libri… Alle famose sedute del mercoledì, quando la redazione di riuniva intorno al lungo tavolo ovale di via Biancamano per proporre e discutere i libri da pubblicare. 

Come detto più volte dallo stesso Giulio Einaudi, Natalia Ginzburg, Cesare Pavese, Italo Calvino sono stati veri simboli Einaudi che al loro lavoro editoriale hanno affiancato la loro attività autoriale e con loro tantissimi altri che pubblicarono i lavori sempre con Einaudi contribuendo a una maturazione reciproca.

I prossimi vent’anni? Posso dire solo che in un editoria di cultura non c’è posto per tutti gli autori che si affacciano alle porte. Devono esserci ricerca, morale, e poesia, in uno scrittore, in un autore… se a un autore mancano tutte e tre le qualità, la sua scrittura non ha poesia, è privo di una morale, non porta avanti in niente la ricerca, non gli si può chiedere il sacrificio di pubblicare con la Einaudi, o con qualunque casa editrice di cultura. Ultimo tra i compiti dell’editoria di cultura per i prossimi vent’anni mi pare il recupero della felicità.

 

Cose di Cosa Nostra

cosedicosa

    • Titolo: Cose di Cosa Nostra
    • Autore: Giovanni Falcone
    • Editore: Rizzoli
    • Data di pubblicazione: 1991
    • Compra il libro su Amazon: Cose di Cosa Nostra

Dopo una lettura del genere c’è poco o niente da aggiungere. Falcone attraverso questa serie di interviste ripercorre e analizza il fenomeno della mafia. Lui è un uomo che l’ha conosciuta nei suoi vari aspetti, è un uomo che attraverso il suo lavoro ha cercato di combatterla e ha pagato a caro prezzo questa battaglia rimettendoci la vita. Forse qualcosa dopo questa lettura si può dire, anzi si deve dire: grazie Falcone.

Come un romanzo

Pennac

      • Titolo: Come un romanzo
      • Autore: Daniel Pennac
      • Editore: Feltrinelli
      • Data di pubblicazione: 1993
      • Compra il libro su Amazon: Come un romanzo

Come avvicinare i giovani alla lettura, come far innamorare i ragazzi dei libri, l’importanza della lettura non solo come semplice passatempo ma come formazione culturale.Daniel Pennac propone una sorta di percorso e una serie di metodi, insistendo sul fatto che i libri non devono essere visti come nemici, come mattoni la cui lettura è vista quasi come un obbligo (il riferimento è ai libri scolastici). E visto che l’obiettivo dello scrittore è quello di formare il lettore vero, non poteva non mancare un decalogo di regole a cui tutti i lettori possono e devono appellarsi, riportate di seguito.

  1. Il diritto di non leggere
  2. Il diritto di saltare le pagine
  3. Il diritto di non finire il libro
  4. Il diritto di rileggere
  5. Il diritto di leggere qualsiasi cosa
  6. Il diritto al bovarismo (malattia testualmente contagiosa)
  7. Il diritto di leggere ovunque
  8. Il diritto di spizzicare
  9. Il diritto di leggere ad alta voce
  10. Il diritto di tacere