Andanza

andanza

  • Titolo: Andanza
  • Autrice: Sarah Manguso
  • Editore: NN Editore
  • Data di pubblicazione: 21 Settembre 2017
  • Acquista il libro su GoodBook

Perché si tiene un diario?

Prima di analizzare Andanza mi sono imposta di rispondere alla domanda che mi è sorta appena ho terminato la lettura.

La risposta più ovvia è che si tiene un diario per fissare i ricordi più belli e più importanti e far in modo che non sbiadiscano con il passare del tempo. La memoria è selettiva e seleziona anche i ricordi e purtroppo non siamo noi a decidere cosa scegliere di ricordare e cosa no. Si può tenere un diario anche per una sorta di autoanalisi e per tornare su episodi e capire il perché di quelle situazioni. Si tiene un diario e si scrive perché come direbbe l’avvocato Vincenzo Malinconico di Diego De Silva scrivo per avere tempo di dare la risposta giusta… nella vita vera non posso cancellare, tornare indietro, ripensare a quello che ho detto, correggerlo. Allora scrivo. Per prendermi la rivincita sulle parole. Per raccontare come sarebbe andata se avessi scelto quelle giuste.

Avere un diario è un impegno costante. Io costante non lo sono mai stata, mi scoccio facilmente delle cose. Le inizio con entusiasmo, le continuo con impatto minore e poi non le porto a termine. Durante l’adolescenza, l’età tipica in cui la maggior parte delle ragazzine possiede un diario per segnare le prime cotte e le prime esperienze significative, ho iniziato svariati diari. Mi ricordo che ogni volta mi mettevo d’impegno ma poco dopo i miei diari restavano pagine bianche in attesa di essere riempite. Mi affascinava l’idea di avere un diario ma odiavo rileggermi. Quando vedevo quello che avevo scritto, gli episodi fissati e le emozioni provate, la vergogna piano piano si impossessava di me. Ero veramente io che dicevo quelle cose? Provavo pudore dei miei stessi pensieri e dei sentimenti che affioravano. Pensate che mi ci vorrebbe un buon psicologo, lo so.

Sarah Manguso è stata più costante di me, ha tenuto un diario per venticinque anni. La necessità nasceva dal forte bisogno di segnare tutto quello che le capitava perché l’idea che potesse perderlo la gettava nel panico totale.

Avrei voluto annotare ogni istante, ma il tempo non è fatto di istanti, li contiene. E nel tempo c’è molto altro.

Certo, non si può passare tutto il tempo a scrivere quello che si è vissuto, una scelta bisogna farla ed è normale decidere cosa scrivere e cosa omettere e accettare l’idea che le cose non fissate sulla carta possano svanire nell’oblio senza più essere recuperate.

Fin dall’inizio ero consapevole che il diario non avrebbe funzionato, ma non riuscivo a smettere di scrivere. Non riuscivo a pensare a nessun altro modo per evitare di perdermi nel tempo.

È difficile parlare di Andanza. Non c’è una trama da spiegare, non ci sono tematiche da affrontare e criticare. C’è lo scorrere dei ricordi dell’autrice, i suoi pensieri, le sue riflessioni e le sue emozioni. C’è la sua importanza per la scrittura, c’è lei nel suo matrimonio, durante la maternità e nel suo essere madre: c’è la vita insomma. Andanza è il folle tentativo di fissare per ricordare, di scrivere per non dimenticare. Andanza è un insieme di frasi significative che vorresti segnare ovunque e leggere all’infinito perché anche se sai che si tratta della vita di un’altra persona ci vedi riflessa anche la tua. Questo libro vi farà venire voglia di prendere la penna in mano e iniziare un diario, ne sono sicura.

Questo libro è per te. Se proprio non volete dar retta a me seguite il consiglio della quarta di copertina, quelle di NN raramente si sbagliano.

(Questo articolo è presente anche su GoodBook)

 

I gatti non hanno nome

i gatti non hanno nome

  • Titolo: I gatti non hanno nome
  • Autrice: Rita Indiana
  • Editore: NN Editore
  • Data di pubblicazione: 18 Febbraio 2016

Ad esser senza nome non sono solo i gatti, ma anche la protagonista che passa le sue giornate a fare la segretaria nella clinica veterinaria dello zio Fin e a cercare ossessivamente un nome per il suo gatto. Quando qualcuno le piace e sembra convincerla lo segna sulla sua agendina, anche se sa che serve a poco. I gatti non sono come i cani che a sentire il proprio nome corrono dritti dal padrone, ma passare le giornate in quella clinica non è il massimo per una ragazzina e quindi meglio avere qualche passatempo carino per distrarsi quando è possibile. Meno male che ogni tanto a farle compagnia c’è Radames, il ragazzo haitiano passato dal tagliare i capelli alle sue sorelline a fare il barbiere per gli animali.

Attorno a lei si muovono personaggi buffi, strambi e particolari a partire dagli zii con cui vive da quando i genitori sono partiti per una seconda luna di miele. Zio Fin che da poco si è scoperto buddista e che reputa ogni momento buono per filarsela dalla clinica e la moglie Clelia, gelosissima, sempre presa dal lavoro dei suoi ragazzi haitiani e che quando si arrabbia compaiono sulla fronte scritte al neon. A casa con loro c’è anche Armenia, la bambina prodigio che guariva i malati sradicando la malattia con un cucchiaino e che dopo aver perso il bambino che aveva in grembo aveva perso anche il dono e quindi zia Clelia aveva deciso di portarla con sé offrendole un lavoro da domestica.

Infine Vita, la sua migliore amica. Italiana, bianchissima e molto femminile, proprio come piaceva a zia Clelia che le ripeteva che era un bene che si circondasse di figure femminili. Vita le faceva scoprire la musica, i libri da cui imparava quel poco di italiano e il cinema. Ricordava ancora il giorno in cui con la famiglia di Vita vide un film diretto da Pasolini e il padre di Vita nel bel mezzo della proiezione le disse che era gay e lei rimase di stucco a sentire pronunciata quella parola con quella naturalezza. Amava far ridere Vita o forse semplicemente amava Vita. La più sorprendente resta la nonna, a cui le rotelle sono partite e che aveva sempre tante storie da raccontare, sempre diverse e sempre impressionanti.

La letteratura sud-americana si è sempre contraddistinta per il forte realismo magico presente nelle opere, un mix di leggende, folklore e velata malinconia tipiche di questa letteratura che mi ha sempre affascinata ma di cui ho letto veramente poco. Oltre ai notissimi Gabriel García Márquez e Jorge Luis Borges e alle recenti scoperte di Manuel Puig e Reinaldo Arenas la letteratura sud-americana l’ho sempre trascurata ecco perché sono doppiamente contenta di aver letto il primo romanzo di Rita Indiana approdato in Italia grazie ad NN (che mi hanno fatto conoscere anche Cristina Henríquez). Oltre ad aver apprezzato la storia ho potuto, seppur in minima parte, colmare un vuoto e aggiungere un nome alla mia ristretta lista.

Raccontare I gatti non hanno nome non è semplice. È un meraviglioso caos di storie che si intrecciano e trovano pian piano il loro posto e la loro logica. Stare qui a raccontarle e spiegarle farebbe perdere la magia tipica di questo libro. Tocca a voi leggerle, tocca a voi emozionarvi. Posso assicurarvi che si tratta una lettura che si legge tutta d’un fiato e in cui vi immergerete del tutto. La prosa di Rita Indiana (adattata alla perfezione da Vittoria Martinetto) è sorprendente e le tantissime metafore utilizzate sono incantevoli. Quelli di NN Editore stanno collezionando chicche una dopo l’altra, non perdetevele.

Gilgi, una di noi

gilgi, una di noi

  • Titolo: Gilgi, una di noi
  • Autore: Irmgard Keun
  • Editore: L’Orma Editore
  • Data di pubblicazione: 24 Novembre 2016

Nel 1933 Gilgi, una di noi venne condannato e bruciato dai nazisti insieme ad altri libri mentre nel 1934 conobbe una prima edizione italiana che venne però sottoposta a censura. Se gli italiani a differenza dei tedeschi non vietarono il libro, la riedizione che ne fecero trasformò un libro potente in un testo a dir poco banale, omettendo quelle parti che potevano essere considerate scabrose per l’epoca.

Chi era Gilgi e perché spaventava così tanto un personaggio di un libro?

Gilgi era quella che oggi definiremmo una ragazza semplice, una di noi, una ragazza con pochissimi vezzi, come quella di ascoltare il jazz e una ostinata voglia di indipendenza. Gilgi sopportava a malapena il dover vivere in quella casa impregnata d’aria e ipocrisia borghese con dei genitori poco amorevoli, ma lo faceva perché quello l’aiutava a perseguire il suo obiettivo. Si svegliava la mattina, si recava a lavoro presso un ufficio in cui svolgeva la segretaria e dattilografa e a fine giornata era sempre più entusiasta perché lavorare significava guadagnare e poter mettere soldi da parte.

Se non era a lavoro Gilgi era con i suoi due amici Pit e Olga. Al primo invidiava l’immensa cultura e il trasporto che metteva nelle questioni politiche e sociali, alla seconda il fascino e la bellezza inconsapevole capace di stregare chiunque, lei per prima.

La vita di Gilgi cambia il giorno del suo ventunesimo compleanno quando i genitori le rivelano che lei non era loro figlia e questo scatena in Gilgi qualcosa di non ben definito. La notizia non la sconvolge, la lascia indifferente, ma nonostante questo la spinge a cercare i suoi veri genitori. Contemporaneamente Gilgi conosce Martin, uno scrittore bohèmien che la cattura come nessuno mai ci era riuscito.

Se fino a poco prima di conoscere Martin Gilgi aveva sempre tenuto fede ai suoi impegni, la conoscenza con l’uomo la cambierà e ridimensionerà la sua vita. Martin era un artista che si cibava di parole, che amava vivere in libertà senza pensare troppo all’oggi, senza programmare il domani. Viveva con una leggerezza tipica degli artisti secondo Gilgi, ma era semplicemente tipica dei fannulloni. A Martin non interessava lavorare, gli bastava ciò che il fratello gli passava mensilmente. Gilgi invece era sempre stata previdente, precisa, intenta a costruirsi le basi per un solido futuro. Non concepiva il tipo di vita che Martin faceva, ne era preoccupata e al tempo stesso affascinata, tanto da farsi influenzare da lui e iniziare a vivere alla giornata. Martin era l’amore della sua vita, non lo avrebbe lasciato per niente al mondo e se stare con lui significava iniziare a vivere come lui lei era disposta a farlo.

E’ spaventoso a volte ciò che riesce a fare l’amore. Sentirsi così dipendente da qualcuno, sapere di non riuscire a vivere se non accanto alla nostra persona, annullarsi del tutto per sopravvivere. E’ ingiusto, folle, irrazionale ma è l’amore e anche se sappiamo che non dovrebbe essere così non riusciamo a sottrarci da quella potenza che sentiamo dentro e ci dilania. Gilgi sa che sta sbagliando, sa che la cosa giusta è altro, ci prova a rimediare ma ci riesce? Dovrà toccare il fondo prima di capire che è ancora in tempo per rimettersi in carreggiata e non perdersi del tutto, ma lo scotto da pagare sarà alto e doloroso.

Gilgi, una di noi, l’ho comprato mesi e mesi fa. All’inizio confesso che non riusciva a prendermi. L’ho messo da parte più volte e l’ho iniziato più volte. Anche i libri però hanno i loro momenti per essere letti e quando quest’estate ho deciso di leggerlo con più impegno non mi sono separata da lui fino a quando l’ho finito. Gilgi è veramente una di noi, una donna che aspira all’indipendenza e che rivoluziona tutto quando nella sua vita conosce l’amore. Una donna scaltra, intelligente e ostinata che senz’altro era troppo per l’epoca in cui il libro è uscito. Un libro che tocca dei temi considerati tabù che hanno portato la censura italiana a eliminarli. L’Orma Editore vi da la possibilità di scoprire ed apprezzare questo libro nella sua totale bellezza, non lasciatevelo sfuggire.

Consigli di lettura estivi


L’estate è la stagione dove le liste di consigli di lettura vanno per la maggiore. Tutti sono pronti a consigliare ai lettori e non, cosa portare con sé in vacanza, quale libro sfogliare sotto l’ombrellone o semplicemente leggere in totale relax senza l’assillo del lavoro o di qualsiasi altro impegno. GoodBook mi ha coinvolto con serie di blogger e chiedendoci di fare una piccola lista di consigli estivi. Non è stato semplice scegliere perché la pila di libri che mi attende è notevole e non fa che crescere. Ho semplicemente scelto quelli che mi ispirano di più e che vorrei leggere quando prima. Quindi carta e penna e segnatevi questi libri.

  • Gilgi, una di noi di Irmgard Keun. (L’Orma Editore)

La bellezza dell’indipendenza e la difesa della propria libertà sono al centro di questo romanzo che vede luce per la prima volta in Italia grazie a L’Orma Editore. Gilgi, una di noi è la storia di una ragazza come tante, cresciuta in una famiglia borghese dai solidi principi e regole ferree. La vita di Gilgi cambierà quando conoscerà uno scrittore che la introdurrà nel suo mondo e soprattutto le farà conoscere l’amore. Un romanzo con una protagonista che promette scintille e che proprio a causa del suo stile irriverente per l’epoca fu censurato e messo al rogo dai nazisti.

  • La fine dei vandalismi di Tom Drudy. (NN Editore)

La NN Editore è stata la casa editrice che ha fatto conoscere ai lettori italiani Kent Haruf e li ha fatti innamorare perdutamente di Holt e dei suoi abitanti. Ora ci riprova con La Fine dei Vandalismi, libro uscito negli Stati Uniti nel 1994 acclamato da pubblico e critica e che è il primo di una trilogia, stavolta ambientata a Grouse Country. E’ un libro che si limita a raccontare la normalità della vita di tutti i giorni, quella fatta di gioie e tristezze, di compagnie e solitudini, di amori ed amicizie. Per i dialoghi serrati e surreali è stato paragonato alla serie tv “Gilmore Gilr” ed io da fedele adepta di Lorelai e Rory non potevo lasciarmi sfuggire una lettura del genere.

  • Un complicato atto d’amore di Miriam Toews. (Marcos y Marcos)

Miriam Toews è nata in Canada ed è cresciuta in una rigida comunità mennonita (una branchia degli anabattisti, una delle tante sfumature del cristianesimo) ed è proprio una comunità mennonita che fa da sfondo al terzo romanzo della scrittrice canadese già conosciuta ed apprezzata in Italia grazie al suo precedente romanzo “I miei piccoli dispiaceri”. Nomi vive con la metà della sua famiglia, cioè con suo padre, dopo che sua sorella prima e sua madre dopo se ne sono andate da un giorno all’altro. Suo padre è un fedele mennonita che come lei prova a sopravvivere senza due delle donne di famiglia e si affida completamente all’unica rimasta. La voglia di ribellarsi però è forte come sarà forte la voglia di ricerca del suo posto nel mondo. È un romanzo che non risponde al termine di autobiografico ma che sicuramente ha preso larga ispirazione dalla vita stessa della Toews.

  • Il paradiso degli orchi di Daniel Pennac. (Feltrinelli)

Benjamin Malaussène è uno di quei personaggi che potremmo definire surreali. Di mestiere fa il capro espiatorio ed ha una famiglia che si potrebbe definire disneyana. Il Paradiso degli Orchi è il primo romanzo che Pannac ha dedicato alla sua creatura più amata ed apprezzata, un vero e proprio cult apprezzato in tutto il mondo. Malaussène nel corso degli anni mi è stato consigliato da tantissimi altri lettori: ma come, tu che leggi così tanto non hai mai letto un libro su Malaussène? Nel 2017 sempre con Feltrinelli è uscita una nuova avventura, ma sembrava giusto che se gli dovevo dare un’opportunità dovevo iniziare dal principio, quindi spazio a Il Paradiso degli Orchi e benvenuto monsieur Malaussène.

  • L’amore prima di noi di Paola Mastracola. (Einaudi)

A un certo punto gli dei ci hanno abbandonati. O noi abbiamo abbandonato loro, decidendo di non crederci più. Sono sempre stata affascinata dai miti, da queste storie che ci sono state tramandate nel corso del tempo e che continuano ad incantare generazioni ed essere fonte d’ispirazione. Quello che mi è sempre piaciuto è che per quanto gli dei fossero esseri perfetti erano al tempo stesso esseri imperfetti, che si innamoravano non solo tra loro ma anche dei comuni mortali. Ne L’amore prima di noi, Paola Mastracola ci conduce in uno spettacolare viaggio tra le divinità e ci racconta l’amore in tutte le sue forme quali eccesso, follia e fuga senza dimenticare di dare il suo prezioso tocco personale. Una riscrittura dei miti greci assolutamente imperdibile.

(Questo articolo è presente anche su GoodBook)

Dall’ombra

dall'ombra

    • Titolo: Dall’ombra
    • Autore: Juan José Millas
    • Editore: Einaudi
    • Data di pubblicazione: 20 Giugno 2017

Era iniziato tutto a causa di un fermacravatta che Damiàn ruba un giorno in un mercatino d’antiquariato. Trovava irresistibile che la bancarella fosse del tutto incustodita e che sul fermacravatta ci fossero incise le iniziali S.O. Quello che non aveva calcolato era che qualcuno avesse potuto vederlo, cosa che accadde e che lo costrinse a nascondersi in un armadio. Armadio che a fine giornata venne venduto e consegnato a casa dell’acquirente. Una persona normale e di buon senso a questo punto avrebbe fatto una sola cosa sensata: scappare alla prima occasione. Damiàn invece decise non solo di restare per la notte, ma di trasferirsi del tutto in quella casa.

L’armadio che era stata la fonte di salvezza al mercatino diventa la sua nuova dimora e il suo nuovo punto di vista sul mondo, un mondo circoscritto alle uniche tre persone che vivevano in quella casa: Lucia, Fede e la loro figlia adolescente Maria. Damiàn diventa per loro una sorte di angelo custode, anzi un maggiordomo fantasma come inizierà lui a definirsi. Quando i tre al mattino escono di casa per far fronte ai loro impegni quotidiani fatti di lavoro, scuola e vita, Damiàn esce dal suo nascondiglio per riordinare casa e cucinare, facendo in modo che i lavori domestici gravino di meno su Lucia. Lucia, appassionata di storie paranormali, è la sola ad intuire una presenza all’interno della casa a cui attribuisce le faccende domestiche e stabilisce con lui una sorta di relazione.

Di Damiàn si potrebbe dire che è un uomo affetto da schizofrenia o da qualche altro disturbo della personalità. Era un uomo cresciuto in una famiglia che aveva sempre preferito la sorella adottiva e le cui uniche attenzioni gli erano rivolte dalla domestica. Damiàn era un uomo che aveva rifiutato la realtà in cui viveva ricreandosene una alternativa nella sua mente in cui lui era la superstar assoluta. Aveva appositamente creato un personaggio, il giornalista Sergio O’Kane che lo aveva reso protagonista indiscusso del suo talk-show. Tra Damiàn e Sergio c’era in atto un’infinita intervista con Damiàn che raccontava ogni singolo evento della sua giornata e con un pubblico che andava in visibilio ad ogni sua singola affermazione.

Quando Damiàn inizia ad integrarsi alla routine a casa di Lucia, inizia pian piano a rifiutare O’Kane ed essere consapevole che è un personaggio da lui creato e che in quanto tale poteva cessare d’esistere in qualsiasi momento avrebbe voluto. Il suo tempo Damiàn preferiva ormai impiegarlo meno nelle interviste e più negli aiuti a Lucia. Capisce che il suo matrimonio è infelice e vorrebbe aiutare la figlia della coppia che soffre di disturbi alimentari.

Dall’ombra è un libro claustrofobico, liberatorio, ma anche ironico, intenso e assurdo. Una storia specchio dei tempi in cui viviamo in cui tutti vogliono mostrarsi a tutti e dove dietro questa ossessione narcisistica si nascondono paure, insicurezze e solitudini. Juan José Millas è uno degli scrittori spagnoli contemporanei maggiormente apprezzati; è stato un piacere conoscerlo attraverso questo libro e sarà un impegno approfondirlo con altre sue letture.

Exit West

exit west

    • Titolo: Exit West
    • Autore: Mohsin Hamid
    • Editore: Einaudi
    • Data di pubblicazione: 25 Aprile 2017

In una città traboccante di rifugiati ma ancora perlopiù in pace, o almeno non del tutto in guerra, un giovane uomo incontrò una giovane donna in un’aula scolastica e non le parlò. Per molti giorni.

Per molti giorni dopo averla notata Saeed non ha rivolto la parola a Nadia. Passato del tempo e preso coraggio le ha proposto un caffè da prendere insieme e dopo il primo rifiuto di lei i due il caffè lo hanno preso e dopo il caffè c’è stato anche un appuntamento in un ristornante cinese.

Nadia e Saeed si sono incontrati e conosciuti come la stragrande maggioranza dei ragazzi in una città che non è come la maggioranza delle città che siamo abituati a conoscere. E’ una città che vive di calma apparente, che non è un guerra ma non è neanche in pace e che non ti permette di capire quale sia la parte giusta con cui schierarsi, se con il governo o i miliziani. La storia di Nadia e Saeed procede normalmente fino a quando la bolla di calma scoppia e iniziano i coprifuochi, gli attentati e i bombardamenti che non permettono ai due giovani di vedersi regolarmente. Il clima precipita in maniera disastrosa nel giro di poco tempo portando Saeed e Nadia alla soluzione più ovvia: andarsene.

Ci sono delle porte capaci di trasportarti in altre parti del mondo in un baleno, certo è pericoloso e costoso ma è l’alternativa a vivere in un posto dove un bombardamento potrebbe far crollare nel giro di un minuto il palazzo in cui vivi. E’ Nadia a convincere Saeed ad usare le porte, anche se costoso, anche se rischioso e così i due si trovano trasportati prima in Grecia e poi a Londra insieme a migliaia di altre persone nella loro condizione provenienti da città immerse in conflitti.

Exit West si legge come una favola ma fa riflettere più di un saggio. E’ una perfetta sintesi di romanzo politico, come è stato da più voci definito, e romanzo fantastico. La presenza di queste porte fantastiche che permettono alle persone di spostarsi alla velocità della luce non è l’elemento centrale, centrale è la storia d’amore dei due ragazzi e la piega che prende. E’ affascinante la storia di Nadia e Saeed, il loro legame sembra indistruttibile ma bisogna fare i conti con quello che succede all’esterno e che irrimediabilmente coinvolge le loro vite. Di libri che affrontano questi temi mi è capitato di leggerne vari, ma non so perché Exit West ha avuto una presa differente. Forse perché racconta di un prima e un dopo, un prima fatto di vite che scorrono normalmente e un dopo fatto di vite completamente stravolte che ti portano lontano dai tuoi affetti e dalla tua terra. Quello che però emoziona di Exit West è sicuramente la speranza che emerge dal finale di questa storia che per ovvie ragioni non riporto (nessun allarme spoiler) e che quindi mi porta alla conclusione più ovvia: leggetelo!

Anche noi l’America

anche noi l'america

    • Titolo: Anche noi l’America
    • Autrice: Cristina Henriquez
    • Editore: NN Editore
    • Data di pubblicazione: 17 Marzo 2016

Partire perché si vuole, partire perché si è costretti. Alla fine la differenza sta tutta tra il volere e dovere. La famiglia Rivera è costretta a partire e a lasciare il Messico perché dopo l’incidente della figlia Maribel i dottori hanno detto che le uniche scuole con un programma d’apprendimento adatto per lei si trovano negli Stati Uniti. Hanno preso poca della loro roba e tanta ne hanno lasciata nella loro vecchia casa e sono partiti per il Delaware, speranzosi di offrire una vita migliore alla figlia.

Come loro anche la famiglia Toro molti anni prima aveva lasciato Panama perché in giro ormai c’era solo distruzione e disordine civile e costruire una famiglia o semplicemente vivere era diventato impossibile. I Rivera e i Tori e tanti altri come loro erano arrivati nell’America che offre possibilità e avevano lasciato l’America (perché anche se latina sempre di America si tratta) senza però dimenticarla e senza sperare di ritornarci un giorno magari da vincenti, da persone che dopo estremi sacrifici ce l’avevano fatta. Si erano ritrovati tutti a vivere in un palazzo gestito la un latinos, Fito, che aveva creato questa sorta di isola felice dove i latinos per quanto lontani da casa potessero sentirsi a casa.

Mayor, il figlio dei Toro, nota Maribel appena i Rivera si trasferiscono. E’ bellissima, quella bellezza che ti lascia senza fiato e non ti fa volgere lo sguardo altrove. Non sapeva quello che le era successo, quell’incidente per cui Alma non la smetteva di dannarsi notte e giorno e che la faceva vivere con un senso di colpa eterno. Quando Mayor ne viene a conoscenza non fa che aumentare il senso di protezione nei confronti di Maribel e non sarà l’unico sentimento che svilupperà verso la ragazza.

Anche noi l’America è un libro bellissimo. Potrei girarci intorno, potrei usare paroloni come capolavoro, eccellente, straordinario, magnifico: il succo è quello. E’ un libro che ruota prevalentemente intorno alla storie di Alma e la sua famiglia e della famiglia di Mayor, ma riesce a dosare alla perfezione e dare la giusta importanza anche agli altri personaggi comprimari ed indispensabili alla storia.

Affronta un tema come quello dell’immigrazione che in qualsiasi latitudine della Terra sta scatenando dibattiti e polemiche. Se noi in Italia abbiamo un essere che vuole provvedere agli immigrati con le ruspe, in America hanno un altro essere che vuole innalzare i muri per difendersi dalla minaccia che queste persone porterebbero. Esseri come loro sono privi di empatia, questo è certo, come è certo che sono esseri privi di cervello. Dovrebbero per un attimo fermarsi a capire cosa spinge una persona a lasciare la propria città, il proprio Paese e i propri affetti. Povertà, guerre, mancanza di libertà sono tra i principali fattori che costringono le persone ad abbandonare il proprio Paese. Io sono del sud Italia, comprendo in minima parte cosa voglia dire vivere in un posto che non ti offre le basi tali per costruire il proprio futuro. Capisco cosa voglia dire amare visceralmente la propria città, ma al tempo stesso odiarla con tutte le forze perché consapevole che se ti vuoi realizzare da qui prima o poi devi andartene. Certo è una condizione lontana dalle storie raccontate dalla Henriquez, ma delle similitudini le ho riscontrate. In quanto a questo libro posso dire che il finale mi ha spezzato in due, mi ha fatto commuovere come pochi libri ci sono riusciti in tanti anni di carriera di lettrice perché un posto ti può far molto male, ma se è casa tua o lo stato una volta, lo ami comunque. Funziona così. 

Cara Ijeawele

cara-ijeawelw

    • Titolo: Cara Ijeawele
    • Autrice: Chimamanda Ngozi Adichie
    • Editore: Einaudi
    • Data di pubblicazione: 7 Marzo 2017
    • Acquista il libro su GoodBook 

Cara Ijeawele è un libriccino di appena una novantina di pagine, roba che si legge in una mezz’oretta. Quando lo finisci però non si ripone subito in libreria, ma si ritorna su molti passaggi. Il libro in questione di breve ha solo la lunghezza perché le considerazioni che si possono fare sono molteplici, i passaggi che fanno riflettere sono tanti. Quando io l’ho finito mi sono chiesta se nel 2017 abbiamo ancora bisogno di libri del genere. Il medioevo sembra essere alle spalle, le donne hanno conquistato molto, però i recenti fatti di cronaca di costume mi hanno portato alla conclusione che sì, nel 2017 abbiamo ancora bisogno di un libro come questo di Adichie.

Nei mesi appena trascorsi abbiamo assistito a una donna che ha detto a un’altra donna che vestita in un determinato modo (per essere chiari un vestito con un’ampia scollatura e un vistoso spacco) non poteva parlare di argomenti seri. Un giornalista in un editoriale del suo giornale affermava che se quella determinata candidata alla presidenza di stato le elezioni le ha perse è perché ha fatto una politica poco femminile; chissà forse voleva che mentre parlava dei punti del suo programma elettorale facesse pure un bel tutorial sul make-up. Il colmo però l’hanno raggiunto quelli che hanno attaccato un’attrice da tempo impegnata nel giusto riconoscimento delle pari opportunità rea di aver posato nuda per un servizio di copertina e quindi ma come, parli di femminismo e ti fai fotografare come mamma ti ha fatta?

Come già affermava nel suo precedente libro, Dovremmo essere tutti femministi, il femminismo non ha niente a che vedere con il non curarsi del proprio corpo e dell’estetica. Se non mi trucco e mi vesto da monaca non vuol dire che sono impegnata nella giusta causa, così come se sono una bella ragazza non vuol dire che sia stupida e il femminismo non so neanche dove abiti. Femminismo è riconoscere la disuguaglianza di genere, perché mettiamocelo bene in testa che uomini e donne sono diversi (e meglio così, aggiungerei). Tanto meno le donne sono migliori degli uomini e il femminismo non è affermare che le donne sono migliori in quanto donne; femminismo è creare pari opportunità tra uomini e donne, anche perché la battaglia femminista si rivolge a tutte le donne del mondo, non solo quelle appartenenti alla fetta di mondo più vicina a me.

Questo libriccino, manuale, decalogo, chiamatelo come volete è una sorta di guida per crescere una bambina che dovrebbero leggerlo proprio tutti (e con tutti intendo pure mia madre che piuttosto che in compagnia di un libro preferirebbe vedermi in compagnia di un ragazzo o mia nonna che sarà contenta e orgogliosa di me quando le dirò che sto comprando il corredo per sposarmi).

Sembra assurdo ma c’è ancora il bisogno di dire che il matrimonio non è un traguardo, che una donna sposata non è di certo migliore di una donna che non lo è. Il matrimonio è una delle tante tappe della vita, se ti sposi non ti danno il bollino sulla tessera fedeltà, se non lo fai continuerai ad avere due gambe e due braccia come tutte le altre donne. La maternità, come il matrimonio, non è un processo obbligatorio. Se una donna sceglie di essere madre è stupendo, se non vuole esserlo non facciamo di lei un mostro a tre teste che dovrebbe marcire all’inferno.

Ho ventisei anni, una vita davanti e ancora tante esperienze da fare. Mi piacciono i bambini ma l’idea di averne uno non mi affascina per niente. Ebbene quando dico di non volere figli mi guardano come se gli avessi detto che esco con Satana, oppure mi dicono che parlo così perché sono giovane e sicuramente cambierò idea perché una donna è completa solo se madre. No, una donna è completa sempre, non solo se madre e moglie di qualcuno, quelle sono aggiunte.

Potrei analizzare tutti i quindici punti che Adichie ci offre, però preferisco che leggiate lei piuttosto che i miei deliri. Cara Ijeawele è un piccolo e indispensabile gioiellino letterario, non privatevene.

Le nostre anime di notte

le-nostre-anime-di-notte

    • Titolo: Le nostre anime di notte
    • Autore: Kent Haruf
    • Editore: NN Editore
    • Data di pubblicazione: 13 Febbraio 2017

È una sera quando Addie si reca a casa da Louis perché aveva una proposta da fargli, non di matrimonio sia chiaro. Si trattava di una cosa molto più semplice ma al tempo stesso particolare o meglio inusuale, perché se una donna del tuo vicinato si reca a casa tua chiedendoti di andare a dormire da lei non è che subito le dici di sì come se fosse la cosa più normale al mondo. A questa strana richiesta Louis dovette pensarci un po’, ma forse spinto dalla curiosità del provare e capirci qualcosa di più una delle sere successive si reca a casa della donna intenzionato a dormire con lei.

Per due persone rimaste vedove è dura dover passare il resto dei propri giorni da soli; certo durante la giornata è più semplice, si può uscire e vedere gli amici, fare commissioni e quindi interagire con gli altri, ma quando cala la sera e ti ritrovi da solo fisicamente e con i tuoi pensieri è difficile e sapere che dall’altra parte del letto c’è qualcuno a farti compagnia rende la nottata più leggera e sopportabile.

La scelta di Addie non era stata casuale, di certo non era andata di porta in porta a cercare qualcuno che dividesse il letto con lei, ma aveva ricercato uno di cui potersi fidare e che seppur conosceva superficialmente era certa che fosse un brav’uomo. L’accordo era stretto così i loro appuntamenti notturni erano diventati indispensabili. La sera prima di addormentarsi Louis e Addie impararono a conoscersi meglio. Addie gli aveva raccontato della straziante perdita della sua figlioletta in un incidente che aveva irrimediabilmente incrinato il rapporto con suo marito facendolo diventare un matrimonio di buona facciata agli occhi della comunità ma di zero affettività tra i due. Luois le raccontò della sbadata che prese per un’altra donna che lo portò ad abbandonare casa, moglie e figlia salvo poi tornare pentito sui suoi passi chiedendo perdono a quella moglie che probabilmente nonostante tutto non aveva mai smesso di amarlo; di questa seconda occasione Louis le fu sempre riconoscente e l’assistette amorevolmente fino al giorno in cui il cancro gliela portò via.

Certo il vicinato aveva già dato avvio ai pettegolezzi che avevano raggiunto le orecchie dei rispettivi figli. Se Holly aveva cercato di accettare la cosa per il bene del padre, Gene non fu dello stesso avviso con sua madre, ma occupato e preoccupato per i suoi problemi economici e matrimoniali dovette inizialmente mettere l’orgoglio da parte visto che l’aiuto della madre era quello di cui aveva più bisogno: calmate le acque avrebbe sistemato la situazione. Jamie, il nipotino di Addie, trascorse buona parte dell’estate in compagnia della nonna e di Louis a cui il bambino si affezionò. Rimessosi in sesto e non avendo più bisogno della madre Gene ritornato a Holt per riprendersi il figlio impedì categoricamente alla madre di continuare il rapporto con Louis se voleva continuare a vedere suo nipote.

Di punto in bianco Addie e Louis avevano iniziato a condividere la notte e di punto in bianco avevano smessi di vedersi; Addie aveva messo la parola inizio e la parola fine al loro rapporto, alla loro amicizia e al sentimento che lentamente era nato.

Questo libro è per chi è stato a Holt e non vede l’ora di tornarci, ma soprattutto per chi, a Holt, non ci è ancora stato.

Kent Haruf ci riporta nella Holt che abbiamo imparato a conoscere e a cui ci siamo affezionati e ci regala una storia di una tenerezza infinita e unica. Non si tratta di due persone che si scelgono solo per farsi compagnia la notte, ma sono due persone che ci insegnano che non è mai troppo tardi per provare a fare le cose, per rimettersi in discussione e che arrivi a un certo punto della tua vita in cui impari a fregartene del giudizio altrui e di quello che potrà dire; si vive una sola volta meglio non avere rimpianti e godersi la vita al meglio. La scrittura di Haruf è ciò che più amo, diretta e senza fronzoli, ricca di dialoghi e povera di descrizioni, una scrittura misurata che arriva dritta al punto. Holt mi era mancata, fortuna che mi aspettano altri due viaggi da fare.

Le cure domestiche 

  • Titolo: Le cure domestiche
  • Autrice: Marilynne Robinson
  • Editore: Einaudi
  • Data di pubblicazione: 15 Novembre 2016
  • Acquista il libro su GoodBook

Ruth e Lucille sono due sorelle che si ritrovano a dover crescere con la nonna dopo che la loro madre le ha lasciate sull’uscio della casa materna ed è andata via. Le due bambine non sanno che una volta lasciate lei si è buttata con tutta la macchina giù da un precipizio. La nonna è rimasta vedova molto presto dopo che suo marito è morto in un incidente ferroviario, quel tipo di incidente che diventa storia e che tutti i componenti della comunità tendono a conoscere e tramandare. Oltre ad Helen, la mamma delle bambine, la nonna ha un’altra figlia, Sylvie, che è andata via da così tanto tempo e in un modo così misterioso che il suo nome è diventato un tabù e non bisogna fare riferimento a tutto ciò che le riguarda.

Quando la nonna muore le bambine vengono affidate alle due prozie che decidono di trasferirsi nella casa ai pressi del lago con tutte le loro cose, pronte a prendersi cura delle piccole. Anche le due prozie hanno una bella età e soprattutto un carico di preoccupazioni eccessivo verso Ruth e Lucille. Tutte le loro azioni erano fronte di ansia e tutto poteva trasformarsi in malattia, sparizioni, dolori e morte. Le prozie capiscono ben presto che crescerle le avrebbe fatte ammalare prima del tempo e per questo decidono di contattare Sylvie, anche se non hanno la minima idea di dove sia la nipote. Quando riescono a rintracciarla e farla tornare a casa non hanno neanche bisogno di dire che ora spetterá a lei stare con Ruth e Lucille.

Sylvie era una donna particolare, misteriosa ed eccentrica, una nomade nell’animo affascinata dalle storie dei viaggiatori che incontrava. Sempre avvolta nel suo cappotto e con le scarpe ai piedi che non toglieva neanche per dormire ed ogni volta che usciva di casa per una passeggiata o una commissione le due ragazzine avevano la sensazione che la zia non sarebbe più ritornata.

Sylvie parlava moltissimo di cure domestiche. Mise a mollo per settimane tutti gli strofinacci, in una vasca piena d’acqua e candeggiante. Svuotò le credenze e le lasciò aperte a prendere aria, e una volta lavò metà del soffitto di cucina e una porta. Sylvie credeva nei solventi forti e soprattutto nell’aria. Era per amore dell’aria che apriva porte e finestre, benché fosse probabilmente per dimenticanza che poi le lasciava aperte.

Se all’inizio Ruth e Lucille erano eccitate all’idea di vivere con quella zia che tanto ricordava la loro madre, pian piano la convivenza fa incrinare quel rapporto solido, di pura simbiosi che c’era tra le due. Lucille mal sopporta il comportamento di Sylvie, specie quando fuori dalle mura domestiche la sua eccentricità è sotto gli occhi di tutti gli altri abitanti e soprattutto non concepisce come Ruth non si faccia alcun problema e continui a considerarla normale. I punto di rottura arriverà quando Lucille deciderà di andare via di casa e spezzare definitivamente il legame con la sorella. Questo porterà Ruth a legarsi ancora di più alla zia, l’unico pezzo di famiglia superstite, ed entrambe troveranno la salvezza nella presenza dell’altra.

Le cure domestiche fa parte di quel genere di libri che bisogna leggere con attenzione, con calma e con la mente sgombra da altri pensieri. Non solo per apprezzare maggiormente la storia, ma per avere il modo di immaginare e ricreare l’ambientazione dove tutto si svolge. Fingerbone mi sembrava ormai di conoscerla così come conoscevo il lago. Mi sono immaginata quel posto come un luogo poco abitato e con un’atmosfera in cui la luce del sole tende a farsi vedere poche volte durante la giornata. Lo percepivo questo lago dalle acque scure che al primo freddo tendono a ghiacciarsi. Il lago è protagonista tanto quanto Ruth, Lucille e Sylvie essendo non solo il luogo dello strabiliante incidente passato alla storia, ma è il luogo di fuga delle due ragazzine ed è il luogo in cui il legame tra Ruth e Sylvie diventerà indissolubile.

Le cure domestiche è una storia sui legami familiari e sulle sofferenze che questi comportano, sugli addii dolorosi sempre difficili da superare ed accettare e su quella malinconia che diventa costante della vita. Lo stile della Robinson è poetico e sublime, non a caso questo romanzo è stato riconosciuto dai critici come un capolavoro della letteratura mondiale. 

(Questo articolo è presente anche su GoodBook)