Sulla questione librerie aperte| Segnalazioni culturali

0992290b270a9074114403b1848dd53d

E così domani riaprono le librerie. Bisogna dare un segnale di speranza al Paese e questo segnale deve arrivare dalle librerie, perché il libro è un bene di prima necessità, che ciba l’anima, che fa viaggiare anche restando in casa e aggiungete voi un altro paio di frasi retoriche legate ai libri e alla lettura, perché io ne sono davvero piena.

Siamo il Paese in cui sei italiani su dieci dichiarano di non aver aperto un libro neanche per sbaglio in dodici mesi, ma che in queste settimane brama un libro come mai nella vita: ci voleva una pandemia per rendere gli italiani lettori e noi non lo sapevamo.

Da settimane siamo chiusi in casa e le nostre uscite sono razionate. Ci hanno detto che è per il nostro bene e lo stiamo facendo e continueremo a farlo fino a quando la situazione ce lo imporrà. I contagi stanno diminuendo, vero, ma non possiamo tirare ancora un sospiro di sollievo, perché cinque-seicento morti al giorno non sono pochi, millecinque-duemila contagi al giorno non sono per niente pochi.

Pensare di riaprire quando le condizioni del Paese sono ancora critiche, quando la fase peggiore non ce la siamo ancora messa alle spalle è da folli e conferma quello che ho sempre pensato fin dall’inizio di questa emergenza: siamo in mano a degli incapaci e provvedimenti del genere non fanno che confermare la mia tesi.

Domani alcune librerie riapriranno e vi chiedo: voi ci andreste? Non so voi, ma quando tocca a me uscire per fare la spesa, esco da casa con un livello d’ansia livello Carlo Verdone. Indosso mascherina e guanti, sto ben attenta a stare lontana dagli altri e quando sono all’interno del supermercato faccio la spesa nel minor tempo possibile e quando ritorno a casa oltre a provvedere a lavarmi le mani come se dovessi entrare in una sala operatoria tiro un forte sospiro di sollievo.

Altra cosa. Nel mio paesello da quartiere a quartiere non ci si può spostare senza valide ragioni e la libreria non è nel mio quartiere: rischio qualcosa? Ci dicono di stare a casa quanto più è possibile e ci forniscono motivi per uscire di casa.

La libreria è uno dei miei posti preferiti, ci passo ore. Spulcio i titoli, ammiro le copertine, mi lascio rapire dalla trama, soprattutto parlo con i librai di quel libro piuttosto che di quell’altro o parlo con gli altri clienti, chi come me si è recato in libreria per respirare cultura e sentir parlare qualcun altro nella lingua dei libri. L’idea di dover andare in libreria con l’ansia addosso non mi piace. L’idea di aver il tempo contato neanche. Il pensiero di non poter toccare i libri o poter scambiare quattro chiacchiere con il libraio non mi piace e mi fa pensare che a casa sto meglio e che se proprio sento la necessità di acquistare un libro provvedo in un altro modo.

Nelle ultime settimane le librerie indipendenti si sono organizzate con le spedizioni domiciliari. Su libridaasporto c’è l’elenco di tantissime librerie italiane che hanno aderito al progetto: perché non continuare così? Perché esporre al contagio delle persone quando il pericolo è ancora alto?

Quelli che si lamentavano della chiusura delle librerie e che pensavano che la cultura si fosse fermata, probabilmente non hanno visto cosa la cultura sia stata in grado di fare nell’ultimo mese.

Sono nate tantissime iniziative online, come Decameron-una storia ci salverà, un vero e proprio festival digitale o Sos Lettura. ideato da Giusi Migliaccio e Lorena Spampinato, una pagina Instagram ricchissima con i consigli di lettura che arrivano direttamente dagli scrittori. La Feltrinelli propone Le Conversazioni, il Salone del Libro ha organizzato #SalToConTe: nel primo ci sono due autori a confronto, nel secondo letture e consigli d’autore.

Sempre su Instagram c’è un’esplosione di dirette fatte dagli autori stessi o in compagnia di personaggi dello spettacolo. Caterina Balivo ogni pomeriggio alle 15.00 insieme al marito Guido Maria Brera va in scena con #MyNextBook , Vinicio Marchioni sempre alle 15.00 propone #LibriACasa e Marta Perego propone #InDirettaConLoScrittore verso le 17.00.

È vero, questa emergenza sanitaria ha messo in crisi un sistema, quello editoriale, che in crisi c’era già di suo e che probabilmente dovrà fare i salti mortali per cercare di rimanere a galla. Leggo di case editrici che hanno chiesto di essere messe in cassa integrazione e che molte non sanno se riapriranno. Ci sono pubblicazioni rimandate, alcune saltate del tutto. La distribuzione dovrebbe riaprire a metà maggio e considerato che si sono fermate a metà marzo questo vuole dire migliaia di libri andati in fumo. Le presentazioni dei libri chissà quando riprenderanno e la maggior parte dei festival culturali sono stati riprogrammati, ma ad oggi niente è certo e la situazione è drammatica.

Mai però come in queste settimane la cultura ha dimostrato che è viva e che lotta insieme a noi ed io spero che quando torneremo alla tanto agognata normalità ci siano ancora tutte queste iniziative a tenerci compagnia.

PS: in Lombardia Attilio Fontana ha deciso che le librerie non riapriranno ed è notizia di mentre scrivo che Vincenzo De Luca ha preso lo stesso provvedimento per le librerie campane, chiuse fino al 3 maggio, così come in Piemonte.

Photo Credits Google Images 

Solidarietà digitale| Iniziative editoriali

8f0ae3d30763e23ac8f2faa83be26802

In queste settimane complicate e difficili da gestire sono tantissimi quelli che si stanno mettendo a disposizione offrendo i loro servizi in maniera gratuita o quasi. Da tutte queste lodevoli iniziative non poteva esimersi il mondo editoriale che si è schierato al fianco dei propri lettori che in questo periodo cercano maggiormente conforto nella lettura dei loro amati libri.

Prima di iniziare vi voglio segnalare il sito Solidarietà Digitale l’iniziativa del Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione dove sono presenti tutti i servizi e le iniziative per i privati e le aziende.

Questo vuole essere un elenco di alcune di queste iniziative, sono davvero tantissime e stare dietro a tutti è complicato, ma ci proviamo lo stesso.

ADD Editore

Fino al 17 aprile la casa editrice mette a disposizione gratuitamente l’ebook di Tito Faraci, Mickey. Uomini e topo.

Adelphi: Microgrammi

La casa editrice Adelphi ha inaugurato in questi giorni la collana Microgrammi, collana dove escono in digitale alcuni dei libri che in queste settimane avremmo trovato in libreria e che usciranno a data da destinarsi, più qualche chicca che non era prevista nel calendario editoriale e che la casa editrice ha deciso di concederci comunque.

Cliquot Edizioni

Ogni settimana la casa editrice regala un eBook del proprio catalogo. Seguite il sito e i relativi canali social per essere aggiornati sulle uscite.

DeA Planeta 

#acasaconaudible Audiolibri da ascoltare gratuitamente in streaming sulla pagina web dedicata del sito di Audible. Al momento i titoli disponibili sono i seguenti:

Sul sito disponibili i titoli mesi a disposizione gratuitamente o attualmente in offerta speciale.

Edicola Ediciones

La casa editrice mette a disposizione gratuitamente il romanzo di Andrés Montero, Tony Nessuno .

Edizioni Lindau

Hanno selezionato 10 eBook in download gratuito di grandi autori presenti nel proprio catalogo con titoli poco noti all’interno della loro produzione letteraria ma dal grande valore culturale: Henry James, D. H. Lawrence, Joris-Karl Huysmans, Arthur Schnitzler… Sul sito della casa editrice tutti i titoli.

Fazi Editore

La casa editrice Fazi Editore per dimostrare vicinanza ai propri lettori ha deciso di regalare ogni lunedì un ebook del loro catalogo. Tenete d’occhio il sito ufficiale per non perdervi nessuno dei loro libri.

Feltrinelli

Ogni settimana Feltrinelli metterà in offerta una selezione di libri del proprio catalogo. Nella sezione #leggiamoacasa tutti gli ebook scontati o totalmente gratuiti messi a disposizione dalla casa editrice. A sua volta FeltrinelliComics la collana dedicata al mondo delle graphic novel, regala ogni settimana ben due titoli del loro catalogo.

Rimanendo in casa Feltrinelli, lo scrittore Lorenzo Marone ha reso disponibile online un suo racconto: La primavera torna sempre. Il racconto è gratuito ed è scaricabile su tutte le piattaforme online, al suo interno ci sono le modalità per sostenere l’ospedale Cotugno di Napoli. 

Gallucci Editore

La casa editrice mette a disposizione gratuitamente alcuni dei suoi libri in catalogo dedicati ai bambini e ai ragazzi. Sul sito della casa editrice tutti gli ebook in regalo.

Il Saggiatore

Sono giorni di solitudine forzata, ore lunghissime e incertezza. Purtroppo non possiamo fare molto per alleviare la vostra preoccupazione, se non regalarvi quello che abbiamo e che per noi è più prezioso: i nostri titoli, le nostre parole, le nostre storie. Ogni due giorni troverete in questa pagina un ebook da scaricare gratuitamente. Sul sito della casa editrice Il Saggiatore trovate l’elenco degli ebook a disposizione.

La Nave di Teseo

La casa editrice ha messo a disposizione gratuitamente l’ebook del romanzo di Sofja Tolstaja, Amore colpevole.

Las Vegas Edizioni

Dal 16 marzo al 6 aprile la casa editrice ha regalato ogni giorno un eBook gratuito del loro catalogo. Per tutti i lettori che non hanno scaricato gli omaggi sul sito c’è l’intera selezione offerta ed è possibile continuare ad usufruire dei loro regali.

Marsilio

La casa editrice Marsilio rilascia ogni giorno un eBook del proprio catalogo al prezzo di € 1,99, in più una volta a settimana regala un eBook. Seguite il loro sito per essere aggiornati sul calendario d’uscita.

Neri Pozza

A partire dal 2 aprile, alcuni dei titoli Neri Pozza saranno disponibili al prezzo di 1,99 euro su tutti gli store, di seguito il calendario delle uscite:

  • 2 aprile, L’assassinio di Florence Nightingale Shore di Jessica Fellowes;
  • 6 aprile, Un matrimonio americano di Tayari Jones;
  • 19 aprile, La corsara di Sandra Petrignani;
  • 20 aprile, Niente di nuovo sul fronte occidentale di Erich Maria Remarque.

NN Editore

Roberto Camurri ha scritto il racconto Acqua edito da NN Editore acquistabile online fino al 31 luglio e il cui ricavato sarà devoluto interamente alla Croce Rossa Italiana.

Nottetempo

La casa editrice ha dato il via a una nuova collana dal titolo Semi che raccoglie piccoli libri che offrono delle riflessioni sulla particolare situazione che stiamo vivendo. Ogni settimana sarà possibile scaricare ben due titoli sia sul sito della casa editrice sia su tutti gli store digitali.

Sellerio

L’omaggio di Antonio Manzini ai lettori, un racconto inedito, un’indagine di Rocco Schiavone per sorridere un po’ e sostenere, chi lo volesse, l’ospedale Spallanzani di Roma con una donazione. 

PS: post in aggiornamento, se siete a conoscenza di altre iniziative potete segnalarle.

Diario semiserio di quarantena| E tu come stai?

ae100aa514c05051707be13cb1c172a3

Settimana di quarantena numero… non me lo ricordo. Considerando che tutta Italia è stata dichiarata zona rossa tra il nove e il dieci marzo, ci stiamo avvicinando a un mese esatto dall’inizio di questa reclusione forzata.

Come state? Domanda quasi sciocca, me ne rendo conto. Potrei rispondere che sto bene, perché sono a casa mia, tranquilla, i miei familiari stanno bene e al momento il virus non ha toccato da vicino nessuno che conosco e questo al momento è davvero una grande fortuna. Se dovessi fare l’esercizio che mi fa fare il mio terapeuta, scelga tre emozioni che descrivono il suo stato d’animo in questo momento, sceglierei: angosciata, annoiata e malinconica.

Angoscia. Non ci sarebbe bisogno di spiegarlo, la situazione è quella che conosciamo bene tutti. Il rito della protezione civile alle 18 del pomeriggio è diventato un momento fisso. Lo aspettiamo, lo temiamo, lo seguiamo e ci disperiamo, perché i numeri sono ancora alti e la strada verso il ritorno alla normalità è ancora lunga. Quello che mi angoscia di più è proprio questa incertezza costante: nessuno sa cosa succederà dopo e soprattutto quando ci sarà il dopo. Saremo diversi, saremo migliori, sapremo valorizzare di più le piccole cose, sapremo apprezzare di più le persone che ci sono accanto. Sulla carta sarà così, ma la normalità che tanto bramiamo è lontana e al momento non è arrivato nessuno a dirci che tornerà tutto come prima, o almeno non subito.

Noia. Non so voi, ma le ultime due settimane hanno rappresentato il picco della noia. Noia verso le serie TV viste e riviste, noia per le nuove che non mi appassionavano, noia per qualsiasi tipo di attività che mi proponevo di iniziare per evitare di passare quindici ore della giornata latitando tra letto e divano e soprattutto noia per i libri. Per chi come me ha sempre vissuto con un libro sul comodino, uno in borsa, uno sulla mensola e uno in qualsiasi altro posto, non leggere è stato strano. La concentrazione non c’era, la calma necessaria per approcciarmi alla lettura neanche. Mi sono confrontata con tantissimi lettori in questi giorni e tutti, ma proprio tutti, mi dicevano di essere nella mia stessa situazione: perché non leggo? Avrei voluto avere la risposta alla domanda che in tanti mi hanno fatto, ma non l’avevo, perché ero la prima a non capire il perché. Io che nei momenti più difficili, più critici, più impegnativi della mia vita riuscivo sempre a trovare il tempo per scappare tra le pagine di un libro all’improvviso non leggevo più. Dicevo, la risposta non l’avevo, ma probabilmente la risposta era più semplice di quanto pensassi: non leggo, perché non sono serena. Non leggo, perché quello che sta succedendo fuori mi terrorizza, mi fa gelare il sangue e mi spezza il respiro. Non leggo, perché anche se adesso va tutto bene non ho la certezza che andrà bene anche domani. La lettura necessita di calma e la calma l’abbiamo persa settimane fa.

(PS da pochi giorni però ho ripreso ai miei ritmi e per adesso mi godo il momento).

Malinconia. Non sono amante della primavera, sono una che ama l’autunno e i suoi colori e l’inverno e il suo clima freddo. Fuori dalla finestra il mondo sta andando avanti e per infierire ancora di più la primavera ci ha ricordato che è arrivata, con il suo carico di giornate miti e i suoi colori. E allora penso a quanto vorrei essere fuori e godermi l’incanto dei primi fiori che sbocciano e il sole caldo che ti invita a passeggiare. Penso che vorrei saltare sul primo treno in direzione Napoli, passeggiare per le stradine dello shopping di Chiaia, prendere al volo un trancio di pizza a via Roma e correre verso il mare, ammirarlo e perdermi tra le onde, ammirando il mio amato Vesuvio. Penso che passerà ancora troppo tempo prima di tornarci e questa sensazione mi provoca delle fitte allo stomaco insopportabili. Penso agli amici che non vedo da troppo tempo e che non bastano le video-chiamate a colmare le assenze. Penso ai miei affetti che sono a poche centinaia da me, ma che non posso vederli. Penso ai progetti arenati, saltati e alle occasioni che sto perdendo. Quando sarà possibile, toccherà rifarsi di tutto.

Buona settimana, lettori.

(Photo Credits Google Images)

Diario semiserio di quarantena| E relativi consigli di lettura

unnamed

Seconda settima di quarantena e il mio umore oscilla tra il «non è poi così male stare a casa a far niente» e «io così al 3 aprile non ci arrivo».

I primi giorni ho fatto quello che molti consigliano: impegnatevi anche se siete tra le mura domestiche.

Quindi ho ripulito gli armadi, ho sistemato i cassetti, ho tolto da mezzo tutto ciò che inspiegabilmente conservavo ancora, ho riordinato nuovamente le librerie per ottenere spazio per i prossimi acquisti e mi sono arresa all’evidenza che non c’era più niente su cui mettere le mani.

Messa da parte la versione casalinga disperata, si è impossessato di me lo spirito Benedetta Parodi e via con nuove ricette da proporre a pranzo e cena, una parentesi durata qualche giorno e come per le faccende domestiche ho presto riposto il grembiule da cucina nel cassetto.

Altro consiglio che ho letto un po’ ovunque e cioè che anche se siamo in casa non dobbiamo smettere di prenderci cura di noi stesse e via di beauty care: maschere per il viso, maschera per i capelli, scrub per la pelle e via dicendo. Pelle e capelli in questi giorni sono più splendenti che mai, peccato che a vederli non ci sia nessuno.

Mi sono data all’enigmistica, dove ho constatato di essere una frana, mi sono dannata per aver dato via il Monopoli quel giorno di quindici anni fa, perché tanto chi ci gioca più, ho pensato di smontare i puzzle che ho in casa al solo scopo di rifarli salvo poi rendermi conto che come idea era veramente stupida.

Il problema è che ci sono troppe ore da riempire e pochissime cose da fare e ci si mette anche il meteo sparandoci venti gradi a giornata, cieli azzurrissimi e un sole che sembra sussurrarti: esci fuori che ci fai a casa a letto? Almeno tu meteo, non potresti piazzarci un paio di temporali a giornata? Giusto per il gusto di pensare che in fondo fuori non ci stiamo perdendo granché.

Veniamo ai libri e a qualcosa da leggere in questi giorni.

Mi sono venuti in mente alcuni personaggi conosciuti negli anni e a come reagirebbero a leggere certe notizie. Il mio primo pensiero è andato ai miei quattro vecchietti del cuore: Dino Agile, Guttalax, Brio e Rubirosa. Per chi non li conoscesse, loro sono i protagonisti de L’audace colpo dei quattro di rete Maria che sfuggirono alle miserabili monache. Nelle scorse settimane, quando eravamo ancora all’inizio di questo periodo assurdo, tra le notizie più ripetute c’era questa: il virus alla fine colpisce solo i vecchi. Come se arrivati a una certa età se vivi o muori poca importa, tanto il tuo l’hai fatto, adesso puoi anche togliere il disturbo. Anziano o meno, malato o sano, morire a causa di questo virus è una sconfitta per tutti e questo è quanto. Il libro di Marco Marsullo, Einaudi, dimostra che anche se sei arrivato a una certa età hai ancora tanto da dire e tanto ancora di più da fare, tipo scappare dalla casa di riposo, irrompere in uno studio televisivo e prendere come ostaggio il prete.

Penso alle coppie. A chi in questo momento non può vedere il proprio compagno perché quarantena significa stare a casa e le visite ai fidanzati non valgono come motivo per uscire di casa. Penso alle coppie che invece stanno affrontando la quarantena insieme e non so se sia un bene o un male, perché bello l’amore, bello lo stare insieme, bello il sostegno reciproco e ancora più bello quando puoi prenderti dei momenti solo per te. E allora mi sono venuti in mente gli amanti, perché alla fine non sta a me dire chi è coppia e chi no. Ci pensate? Di per sé non hanno vita facile, sempre lì a nascondere il proprio amore e cercare dei ritagli per potersi vedere, ora poi ci si mette anche la quarantena e diventa tutto più complicato. Manco una telefonata in santa pace con l’amante di turno, c’è sempre il rischio che la compagna ufficiale la senta e poi sì che son casini. Terapia di coppia per amanti di Diego De Silva, Einaudi è la lettura che mi è venuta in mente pensando a tutto ciò, perché è vero ciò che mi capita spesso di leggere in giro: quando tutto questo sarà finito a guadagnarci saranno i nutrizionisti e i terapeuti.

Beati quelli che credono perché almeno hanno qualcosa a cui affidarsi. Non sono credente e la cosa non mi crea problemi. Devo dire che però in questi giorni di incertezza e ansia, affidarsi a qualcuno che non ti fa perdere mai la speranza deve essere confortevole. Non ho questa fortuna, ma chissà, magari come san Paolo sulla via di Damasco anche per me ci sarà una miracolosa conversione. E quindi ho pensato ad Arturo di … che Dio perdona a tutti di Pif, Feltrinelli che per impressionare la devota fidanzata decide di diventare un cattolico praticante seguendo la Bibbia e la parola del Signore alla lettera, scoperchiando tutte le ipocrisie del mondo religioso. Al momento segnali di conversione non ne vedo, non prometto per i prossimi giorni.

Ci leggiamo la prossima settimana.

(Photo Credits Google Images)

Diario semiserio di quarantena |Donne sull’orlo di una crisi di nervi

fc18814d7ea16d3b550c3d4112601d21

Sono giorni particolari quelli che stiamo vivendo, sono difficili, pesanti, addirittura al limite per qualcuno. Questa settimana l’intenzione era quella di pubblicare due post su due libri letti nelle scorse settimane, ma la testa è altrove e fingere che vada tutto bene è difficile, quindi ho pensato: bene, proviamo a fare un post diverso dal solito.

Sono a casa come ci è stato consigliato, limito al massimo le mie uscite, anche perché da novella ipocondriaca, del virus che circola ne avevo paura già da settimane e immaginate il mio umore e il mio stato mentale di questi giorni dal momento in cui tutto è precipitato. Filtro le notizie e cerco di stare meno tempo possibile sui social, perché come sappiamo possono essere una preziosa fonte di svago, ma anche di allarmismo puro e quindi via, cellulare spento. Cerco di affidarmi ai punti fermi della mia vita, gli affetti in primis (a distanza di un metro, sia chiaro), le serie TV nuove, quelle da recuperare e quelle da rivedere e poi soprattutto i miei amabili libri, compagni fedeli che accorrono in mio aiuto per cercare di distrarmi quanto più mi è possibile. In questi giorni penso a quanto mi sarebbe piaciuto essere brava in qualche lavoro manuale, tipo l’uncinetto, il bricolage, il decoupage, il giardinaggio: niente, riesco a leggere un libro di quattrocento pagine in una giornata scarsa, ma il lato creativo è totalmente assente in me.

Pazienza, mi affido alle serie TV, ai film e alle letture, su queste cose sono bravissima. Penso a chi in questi giorni si sta dannando nel dire agli italiani «state a casa, leggete un bel libro» e ripenso a me, non c’è bisogno di un’opera di convincimento, a leggere leggo tranquillamente e non dovevo aspettare un periodo forzato per mettermi a leggere. Il mondo è bello, perché è vario e quindi sì, diciamolo a gran voce, state a casa, leggete, vedete la televisione, parlate con vostra madre, giocate con i vostri fratelli, meditate, pregate, fate quello che volete, ma statevenn’ a cas’.

INVENTARIO. COSA LEGGERE E COSA VEDERE IN QUESTI GIORNI (SONO ACCETTI SUGGERIMENTI DI OGNI TIPO).

Ho fatto una scorpacciata di ebook caricandoli sul Kindle, giusto per evitare di rimanere senza libri da leggere. In questi giorni sono in compagnia di Tre donne di Lisa Taddeo, Mondadori, (sono quasi alla fine), Le confessioni di Frannie Langton, Sara Collins, Einaudi, che avevo sul Kindle già da settimane, ma che inspiegabilmente ancora non mi ero decisa ad iniziare ed infine La casa degli angeli spezzati di Luis Alberto Urrea, Einaudi, iniziato da pochissimo e che devo ancora inquadrare come lettura.

Spostandomi in casa Neri Pozza mi sono decisa di dare una seconda possibilità a Le sette morti di Evelyn Hardcastle, Stuart Turton (abbandonato la scorsa estate dopo qualche capitolo) e voglio iniziare quanto prima a leggere due titoli di Natasha Solomons: I Goldbaum e Casa Tyneford. Infine mi aspettano Il sogno della crisalide di Vanessa Montford e Ragazzo italiano di Gian Arturo Ferrari (libro sulla pila dei libri da leggere da un po’ di tempo) entrambi Feltrinelli.

SERIE TV

Sul versante serie TV non può mancare Grey’s Anatomy, certo, ormai sono arrivata a passare più tempo a criticarla che apprezzarla, ma è una delle serie che seguo da più tempo e lasciarla farebbe più male che continuare a vederla. Su Sky Atlantic mi sono imbattuta sulla miniserie Piccole Donne (non ho letto il libro, abbiate pietà di me) e mi sta piacendo molto: sono tre puntate appena e mi manca giusto l’ultima e dopo averla terminata sarà la volta buona di iniziare il libro.

Devo decidermi ad iniziare Hunters (disponibile su Amazon Prime Video), così come vorrei dare una seconda chance a Il metodo Kominsky dopo una prima puntata che non mi aveva esaltato. Infine, mi sul fronte rewatch c’è l’idea di dedicarmi alle prime cinque stagioni delle Gilmore Girls (la sesta e parte della settima sono degli scempi che per me non esistono) e alle serie completa di Desperate Housewives, visto che in questo periodo desperate lo siamo un po’ tutti.

Un abbraccio lettori (virtuale ché solo quelli possiamo dare).

(Photo Credits Google Images)

Napoli Città Libro 2019| Bilanci?

56905196_895499580841792_760385178830193171_n

Si è appena conclusa la seconda edizione di Napoli Città Libro, il salone del libro dell’editoria andato in scena dal 4 al 7 aprile a Castel Sant’Elmo. Dopo una prima fortunata edizione c’è stato un vero e proprio cambio di marcia per quello che ha tutta l’intenzione di diventare un appuntamento culturale fisso come le fiere e i Saloni più grandi in giro per l’Italia (vedi il Salone del Libro di Torino, LibriCome, PordenoneLegge, ecc).

Che le cose fossero diverse lo avevamo intuito già dalla conferenza stampa: numero delle case editrici partecipanti in netto rialzo (160 sigle editoriali e 115 espositori), presenza di case editrici dal richiamo nazionale (Mondadori, Neri Pozza, Edizioni E/O, NN Editore), partnership con il Polo Museale della Campania che ha messo a disposizione la location di Castel Sant’Elmo, la collaborazione del Centro per il libro e la lettura che ha sostenuto il programma sponsorizzando alcuni degli eventi più attesi.

Ieri leggevo che il Salone ha registrato ben 8 mila presenze in più dello scorso anno e quindi dovremmo brindare al successo perché si sa che alla fine sono i numeri quelli che contano e i biglietti staccati all’ingresso che hanno certificato le presenze.

54248194_2215335575211909_5900846348206011017_n

Cosa è stato il Salone del libro di Napoli per me?

Premessa: sono anni che ripeto che Napoli ha il diritto a un suo salone del libro. Una città come Napoli, dinamica, viva, culturalmente attiva e che sforna scrittori da ogni dove non può essere tagliata fuori. Sono stata alla prima edizione che si è tenuta lo scorso anno nel Complesso di San Domenico Maggiore che ho più considerato la data zero che la prima edizione e quindi tutti gli errori che avevo notato (e che con il tatto che mi contraddistingue avevo fatto notare) e che lo scorso anno ho tollerato, quest’anno non li volevo vedere neanche per scherzo… e invece no. Le cose che non hanno funzionato superano di gran lunga le cose che sono andate bene e questo lo dico con il dispiacere nel cuore perché questa edizione che prometteva bene e che doveva registrare un miglioramento rispetto alla precedente ha fatto acqua da molte parti e fa notare l’approssimazione con cui molte volte si fanno le cose.

LOCATION: Sono innamorata di Napoli. Amo Napoli in ogni suo angolo, quindi se pure mi avessero detto che la seconda edizione si sarebbe svolta in un vicolo dei Quartieri Spagnoli avrei detto: che bello, non vedo l’ora. Quando ho letto di Castel Sant’Elmo ho pensato: ma serio? Castel Sant’Elmo è un posto bellissimo, il punto più alto della città da cui si può ammirare una delle vedute più belle di Napoli quindi da questo punto di vista non si può dire nulla. Si può pero dire che non è adatto ad ospitare un evento del genere per vari motivi. È fuori mano mentre lo scorso anno eravamo in una zona più centrale. È troppo grande e questo ha significato essere troppo dispersivo (poi vi racconto quante volte mi sono persa io tra gli stand, è un numero a doppia cifra: accetto scommesse). È un posto molto freddo e ragazzi davvero io mi sono gelata. Se vi dico che le persone agli stand stavano tutti con le caramelle per la gola mi credete? Non è una battuta. Figuratevi che quella poverina di Ester Viola tanto delle mani gelate che a momenti non riusciva a farmi la dedica sul libro.

WI-FI: Lo scorso anno a San Domenico Maggiore eravamo senza connessione e senza linea telefonica. Cosa che aveva pesato tantissimo. Chi non abbiamo ritrovato quest’anno? Bravi, avete indovinato: connessione internet e linea telefonica. Quel santo uomo che cura i social network del salone avrà fatto dentro e fuori il castello non so quante volte. Io appena vedevo qualche tacchetta sul cellulare mi immobilizzavo e cercavo di caricare le stories Instagram. Solo una volta fuori ho visto i tanti messaggi di persone che mi avevano scritto sperando di poterci salutare e questa cosa mi è dispiaciuta tanto. Sono una blogger e il cento per cento della mia comunicazione avviene sui social. Il non poter comunicare in tempo reale mi ha pesato tantissimo, aspettare di ritornare a casa per caricare il materiale racconto a un certo punto mi è sembrato anche inutile perché il momento era passato. E non lo dico perché non so stare due ore senza cellulare ma perché parte del mio lavoro avviene sui social. Questa cosa dell’assenza di connessione ha pesato tantissimo anche per chi era lì con gli stand perché nessuno poteva comunicare con il proprio pubblico ed invogliarli a recarsi alla fiera e soprattutto raccontare come la fiera la stavano vivendo.

PROGRAMMA: Il programma è stato un po’ deludente. La necessità di far venire a presentare il libro a Pippo Baudo piuttosto che uno scrittore di richiamo la sto ancora capendo. Quello che mi è parso strano è stata l’assenza di alcuni scrittori napoletani importanti. Penso a Maurizio de Giovanni (che lo scorso anno era tra i promotori della manifestazione), penso a Lorenzo Marone (sì Lorenzo c’era ma era a presentare il libro di Ianniello quando avrebbe meritato un momento tutto suo). Penso a Valeria Parrella che ha pubblicato il suo libro a ridosso della manifestazione, penso ad Alessio Forgione e Alessio Arena (due giovanissimi scrittori napoletani che hanno da poco pubblicato dei libri e che a Napoli Città Libro li avrebbero potuti presentare).

MOMENTO POLEMICA: Arriviamo alla cosa che mi ha fatto più girare le scatole (e dico così perché nonostante tutto io sono una signora). Care grandi case editrici mi spiegate il senso di partecipare al Salone mandando solo i vostri libri e nessuno che vi rappresenti? Perché se mi fermo allo stand NN Editore e il tizio che hanno messo a controllare i libri NN non sa manco cosa sia io mi incazzo. NN Editore una delle case editrici che più amo e io già mi immaginavo a parlare per ore dei loro libri. Arrivo e niente, il ragazzo che era lì non conosceva un titolo. Alla fine è stato lui a dirmi: ma tu di questi quale mi consiglieresti? (e anche in questo caso non è una battuta). Allora, facciamo che il prossimo anno se partecipate, venite come si deve, altrimenti statevenn a cas’.

CONCLUSIONI. C’è tanto da lavorare, c’è tanto da migliorare. Napoli ha bisogno di un salone ma ha anche bisogno di cose fatte come si deve perché se questo Salone è nato per competere con Torino e Roma, ve lo dico: qui non competiamo manco con la fiera di quartiere.

PS: NCL è stato anche: incontrare e abbracciare finalmente la mia Ester Viola, ridere con le lacrime alla presentazione del libro di Casa Surace, emozionarsi all’incontro tra Raffaele La Capria e Silvio Perrella, ridere ancora all’incontro con Vincenzo Salemme. È stato abbracciare la mia amica Azzurra con la promessa di rivederci a Torino e passare la domenica con la mia amica e blogger del mio cuore Giuditta Casale.

PPS: se dopo questo post non mi danno il DASPO ci vediamo l’anno prossimo.

Comunicazione di servizio: su instagram.com/francescanevis trovate le stories in evidenza di Napoli Città Libro.

 

 

 

 

 

 

Io Khaled vendo uomini e sono innocente| Francesca Mannocchi

io khaled vendo uomini e sono innocente

Francesca Mannocchi è una reporter che da anni collabora con varie testate televisive e giornali italiani ed internazionali occupandosi principalmente di conflitti e migrazione. Mi sono imbattuta più di una volta in uno dei suoi splendidi reportage sulle pagine de L’Espresso e da poche settimane è uscito per Einaudi Io Khaled vendo uomini e sono innocente, libro da leggere per capire certe dinamiche e comprendere meglio una delle questioni principali e più complesse degli ultimi anni: la migrazione.

Quando Gheddafi era ancora in vita e governava la Libia uno dei suoi obiettivi era quello di rendere nera l’Europa, favorendo in questo modo gli sbarchi perché il modo di rendere nero il vecchio continente era quello di popolarlo a dismisura di neri. Caduto Gheddafi quella premessa di cambiamento auspicata dai ribelli non si è mai realizzata e la situazione è rimasta la stessa o è addirittura peggiorata. La povertà continua a crescere, le banche sono senza soldi, di lavoro non c’è neanche l’ombra e quella cosa chiamata libertà resta un miraggio o come direbbe il nonno di Khaled una cosa da grandi. Ora Khaled è cresciuto, ma la libertà ancora non ha capito cosa sia, ha però capito come sfruttare al meglio la situazione, per arricchirsi, mantenere sé stesso e la sua famiglia, arrivando a un punto della sua vita in cui potrà smettere, ritirarsi e godersi i frutti del suo sporco lavoro.

Khaled si occupa della sicurezza nelle società petrolifere occidentali in Libia, ma ciò che lo rende ricco non è il nero petrolio, ma un altro nero, quello della pelle di coloro che vogliono partire, scappare dall’Africa per giungere nei Paesi europei con la speranza di cambiare vita. Il lavoro di Khaled è quello di mettere sui barconi quanti più neri possibile, poi una volta che il barcone è partito il suo compito si conclude perché ciò che succede in mare non è sua pertinenza, se muoiono non è affar suo. Certo, ci sono quelli che si lamentano perché andiamo, i cadaveri di quei neri che giacciono in mare o sulle spiagge fanno schifo ed impressione, anche lui i neri non li sopporta più di tanto se non fosse per il fatto che rappresentino la sua principale fonte di ricchezza.

«Io sono la sola cosa legale di questo Paese. Prendo ciò che è mio, pago a tutti la loro parte. E anche il mare, anche il mare si tiene una parte della mia mercanzia. Mi chiamo Khaled, il mio nome significa immortale».

Del ragazzino che voleva fare l’ingegnere e che ha lottato contro Gheddafi nella rivoluzione e che in quella rivoluzione ha perso il suo amato fratello e che da piccolo si divertiva a chiamare il colonnello, Santana, nome in codice che usava con sua sorella perché in Libia anche i muri hanno le orecchie, non è rimasto più niente. Oggi c’è solo un trentenne senza scrupoli che guadagna sulla pelle degli altri e che nessun passato ricco di dolore può giustificare le sue azioni odierne.

Sono del parere che per capire bisogna conoscere e per conoscere bisogna andare oltre ed approfondire e trarre poi le conclusioni. Francesca Mannocchi in questo libro opera in questo modo. Ci racconta la storia di un uomo in modo neutro senza propendere da nessuna parte, il giudizio lo lascia nelle mani del lettore.

  • Titolo: Io Khaled vendo uomini e sono innocente
  • Autrice: Francesca Mannocchi
  • Editore: Einaudi (Stile Libero)
  • Data di pubblicazione: 29 Gennaio 2019

Tidying Up with Marie Kondo

dv1oiqswsai2-ib

Se c’è una cosa che i social sanno fare bene è quello di creare polemiche. Non passa giorno in cui non ci arrabbiamo per qualcosa o per quello che ha detto qualcuno. La nostra missione quotidiana è scovare polemiche, farle nostre, batterci nel campo di battaglia del web ed uscirne vincenti (e ricominciare il giorno dopo).

Una polemica nei giorni scorsi ha scosso noi lettori. Marie Kondo vi dice niente? È l’autrice de Il magico potere del riordino. Da questo best seller mondiale è stata tratta una serie TV in onda su Netflix: Facciamo ordine con Marie Kondo. In ogni puntata Kondo spiega come riordinare secondo metodo le case in base alla tecnica del decluttering. Siccome vivere in mezzo al caos non aiuta, Kondo basandosi su questo principio insegna a riordinare, eliminando il superfluo (ed evitando di farvi finire nei programmi dedicati agli accumulatori seriali). Fin qui, nessun problema: la penso come Marie. Un oggetto che non uso più e che considero inutile mi è d’intralcio ed occupa spazio inutile e anche a me non piace circondarmi di tanta roba (eccetto i vestiti e i libri, sia chiaro). Certo, prima di buttare qualcosa non chiedo gentilmente “does this spark joy?”, ma si sa che quella insensibile sono io.

Nel momento in cui si è aperto il capitolo libri non si è capito più niente: la polemica è stata servita e noi lettori ci siamo scatenati. Procediamo con ordine. Marie ha detto che non bisogna accumulare libri. Hai sentito Ughè?, del tuo “chi accumula libri, accumula desideri” la Kondo non sa che farsene. Bisogna avere un numero massimo di libri in casa e degli altri bisogna disfarsene. Lei ad esempio ha scelto di non superare trenta libri. Di alcuni libri poi ha suggerito di tenere solo le parti che più ci sono piaciute, strappando le parti che non ci sono piaciute. Sì, Marie Kondo ha detto di strappare i libri.

27459266_1577826625666647_5208822504956335341_n

Marie bella, Marie cara, io ai libri non faccio neanche le orecchiette per tenere il segno e tu dal Giappone mi vieni a dire di strappare le pagine? Brandelli di pagine, in memoria dei tomi che ci hanno occupato casa per un po’. Partiamo dal fatto che io sono disposta a rinunciare a qualche componente della mia famiglia e a nessuno dei miei libri, perché quando guardo le mie librerie stracolme sono orgogliosa come se avessi vinto un Oscar e non sono disposta a rinunciare neanche a quelli brutti. Li tengo nascosti, perché cari lettori, una reputazione da difendere la tengo pure io, ma devono essere in casa, devo sapere che ci sono, devo vergognarmene segretamente ma devono stare lì.

Si apre allora il quesito da un milione di euro: perché non riusciamo a buttare i libri? Che patologia strana si è impossessata di noi lettori? Perché abbiamo reso Bibbia qualsiasi tipo di libri che abbiamo in casa? Ci ragionavo su con qualche altro lettore in rete e nessuno mi ha saputo dare una risposta esaustiva. Guardo le mie librerie, sono piene, al momento ho giusto due mensole quasi libere e questo significa che tra ben poco ho finito lo spazio. Volevo prendere alcuni libri e venderli (quelli che non mi sono piaciuti e un paio che mi sono stati regalati e che guarda caso non rispettano i miei gusti). Ho stilato la lista: la prima versione contava diciotto libri. L’ho riletta e redatta: scesi a dodici. L’ho riletta per l’ultima volta: tre libri. Non ne valeva più la pena. In biblioteca avrà portato qualche libro nel corso degli anni e una volta fuori solo l’idea di fare una brutta figura mi ha trattenuto dal rientrare e salvare i miei libri da quel destino di finire tra le mani di chicchessia. Insomma, se neanche le Cinquanta sfumature di grigio riesco a buttare, il fatto è veramente serio.

tenor

Sono una drogata di libri. Sono un’accumulatrice seriale di libri. Sono talmente fuori di testa che quando leggo un libro in formato digitale e mi è piaciuto, poi compro anche la copia cartacea. Il primo passo per risolvere un problema è ammettere la sua esistenza, ho un problema con i libri, ma non me ne priverei mai, quindi mi tengo il problema e i libri.

 

Questo è il mio sangue| Elise Thiébaut

9788806236090_0_0_0_75

Qualche settimana fa leggevo una notizia su Il Post che titolava “In Nepal si muore di mestruazioni”. Riportava la storia di una studentessa di 22 anni, Gauri Kumari Budha, morta nella sua capanna soffocata dal fumo del fuoco che aveva acceso per scaldarsi. La ragazza non è morta a causa del ciclo, ma a causa del ciclo era stata allontanata dalla propria casa e costretta ad essere isolata perché tradizione vuole che il sangue sia impuro e quindi in quei giorni lì (uso l’espressione tipica che indica i giorni in cui noi donne abbiamo il ciclo) le donne vengono allontanate dai villaggi e isolate.

Le mestruazioni sono un tabù? In molte rideranno e si scandalizzeranno nel sentir definire le mestruazioni un tabù. Dopo tutte le battaglie fatte consideriamo ancora il ciclo un argomento off limits? No, andiamo, non siamo più nel medioevo. Vi do una notizia però. Se in Nepal le donne vengono allontanate e isolate perché impure, se in tantissimi paesi africani le donne in quei giorni non possono andare a scuola perché non sono dotate di assorbenti e devono utilizzare fogliame e carta e altri materiali non idonei ed igienici e se in Bolivia vietano alle donne di farsi persino la doccia (in quei giorni dove l’igiene dovrebbe moltiplicarsi) allora vuol dire che le mestruazioni sono un problema e anche un tabù perché non vale occuparsi solo della propria parte di cielo, troppo facile ed anche irresponsabile.

Di mestruazioni non se ne parla apertamente e dirlo non cancella i diritti che le donne hanno conquistato con le loro battaglie e non ci fa retrocedere negli anni preistorici e medievali. È una cosa naturale, normale ma anche intima e fonte di pudore. C’è chi ne parla apertamente, chi utilizza espressioni per indicarle, chi ci gira intorno e chi preferisce non parlarne. C’è chi non è in grado neanche di dire la parola assorbenti (io per anni a mia madre dicevo mancano i cosi), chi li nasconde in borsetta e quando li caccia riesce in trucchi che farebbero impallidire prestigiatori con anni di carriera alle spalle e chi li nomina, li mostra e chissenefrega ho il ciclo gli assorbenti mi servono e li uso senza problemi.

La scrittrice Elise Thiébaut in questo saggio affronta lo spinoso tema delle mestruazioni facendo anche un interessantissimo excursus storico, religioso, mitologico e sociale e analizzando molteplici questioni che da queste derivano.

Dall’arricchimento delle aziende che si occupano della protezione periodica delle donne, e parliamo di trenta miliardi di dollari l’anno, ai rischi che tali protezioni possono provocare alle donne e di cui nessuno parla. I famosi assorbenti e tampax che a sentire la pubblicità ti alleggeriscono la favolosa esperienza mensile non vengono sottoposti agli stessi controlli di qualsiasi prodotto cosmetico e la loro stessa composizione non viene mostrata nei dettagli sulle confezioni. Ebbene i rischi che il loro utilizzo comporta ci sono, ma tutti preferiscono far finta di nulla, così come dovremmo far finta di nulla sulla questione Iva che ci tocca pagare su questo prodotto che per noi donne è un genere di prima necessità ma che non viene reputato come tale. Il paragone che farà arrabbiare in molti è che la Coca-Cola ha un’aliquota del 5,5% e gli assorbenti del 20%.

Perché abbiamo tanta paura di un processo naturale che ci permette di dare la vita? Perché ci affrettiamo a nascondere nella borsa i tamponi interni quando ci capita di tirarli fuori per sbaglio? Perché bisbigliamo mestruazioni quando siamo pronti a gridare troia, zoccola e puttana?

La risposta lo ammetto mi sfugge. Bisognerebbe scindere tra vergogna e pudore e provare a ragionarci. Non ho vergogna sia chiaro, anche perché vergognarmi di qualcosa che mi mette k.o. fisicamente e mentalmente per quattro/cinque giorni al mese per una media di trenta/quaranta anni mi sfinirebbe. Pudore sì, perché la reputo una questione personale ed intima che non nascondo ma ometto. Nella mia famiglia quando a una di noi ragazze arrivavano le mestruazioni per la prima volta partivano le telefonate dei parenti che ti facevano gli auguri (quando vennero a me intimai a mia madre che se l’avesse detto ad anima viva povera a lei e le congratulazioni me le sono scampate). Che sia arrivato il momento di una rivoluzione mestruale? Che sia arrivato il momento di parlarne liberamente senza curarsi troppo degli altri? Per il momento è arrivato questo libro. Leggete Questo è il mio sangue e poi ne parliamo.

  • Titolo: Questo è il mio sangue
  • Autrice: Elise Thiébaut
  • Editore: Einaudi
  • Data di pubblicazione: 23 Gennaio 2018

L’assedio. Troppi nemici per Giovanni Falcone| Giovanni Bianconi

7617200_2382044

  • Titolo: L’assedio. Troppi nemici per Giovanni Falcone
  • Autore: Giovanni Bianconi
  • Editore: Einaudi. (Stile libero)
  • Data di pubblicazione: 24 Maggio 2017

Il 23 maggio del 1992 sull’autostrada A29 nei pressi di Capaci un attentato ad opera di Cosa Nostra uccide Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta del magistrato siciliano. Giovanni Falcone, e con lui Paolo Borsellino, è stato l’esempio più forte della lotta alla mafia che il nostro Paese ha conosciuto. Un uomo, un magistrato ucciso in un vile attentato, una personalità conosciuta per il suo lavoro anche a livello internazionale a cui lo Stato rende ogni anno omaggio perché è doveroso ricordare che la lotta alle mafie non è purtroppo ancora conclusa e si continua a combattere giorno dopo giorno.

Giovanni Bianconi ci riporta indietro nel tempo facendo partire al narrazione il 30 gennaio 1992, una data non casuale, ma la data in cui la Cassazione confermò le condanne del Maxiprocesso di Palermo. Il pool di magistrati formato da Borsellino, Caponnetto, Di Lello e Falcone aveva chiesto condanne per oltre quattrocento imputati difesi da circa duecento avvocati. Il processo considerato il più grande mai celebrato che portò alla realizzazione di una struttura ad hoc che potesse contenere tutti passata alla storia come aula bunker si concluse con diciannove ergastoli per 2665 anni di reclusione.

Con un salto nel passato l’autore si concentra sugli ultimi due anni di vita del giudice. Giovanni Bianconi ha l’intento di mostrarci come i nemici di Falcone non fossero solo i mafiosi che combatteva con ostinazione se non ossessione, ma anche i colleghi che incontrava nei corridoi delle procure pronti a sorriderti davanti e criticarti aspramente dietro, i politici e l’opinione pubblica che non vedeva di buon occhio il protagonismo di questo magistrato.

Il protagonismo di Falcone, troppo presente nelle trasmissioni televisive e sui giornali in cui si parlava esclusivamente di lui gli costò la carica come capo dell’Ufficio Istruzione. Non importava che Falcone fosse riconosciuto dai più come il più qualificato per ricoprire quella carica, ormai tutto ciò che Falcone faceva era tassato come protagonismo, mettersi in mostra ed egocentrismo.

Sembra impossibile una cosa del genere specie per chi come me in quegli anni neanche c’era e ha conosciuto Falcone grazie alle commemorazioni che ogni anni gli vengono tributate. L’idea che mi sono sempre fatta è quella di un uomo amato da tutti e soprattutto supportato da tutti. Invece era un uomo che oltre alle difficoltà lavorative ha dovuto affrontare anche quelle personali come l’essere stato lasciato solo, isolato, allontanato, calunniato ed invidiato. Un uomo che dopo il fallito attentato dell’Addura di dovette scusare per essere ancora in vita perché si sa per essere credibili in questo Paese bisogna essere ammazzati. 

Giovanni Bianconi ricostruisce con assoluta precisione probabilmente il periodo più duro per il giudice, costantemente nell’occhio del ciclone, sempre più criticato e osteggiato. Un uomo costretto a trasferirsi a Roma per poter continuare il suo lavoro visto che Palermo non glielo permetteva più. Un uomo che in vita ha subito così tante sconfitte e che probabilmente è stato da alcuni preso sul serio solo dopo la sua morte. L’assedio rende omaggio a una delle figure a cui il nostro Paese dovrebbe essere più grato e con dovizia ricostruisce uno dei periodi più contorti e bui della nostra storia recente.