Books & Bed

hostel_photo_1
Books & Bed di Tokyo 

Dopo il punto vendita a Piazza Vanvitelli a Napoli la Mooks (libreria del circuito Mondadori) ha da poco inaugurato una seconda sede in via Luca Giordano nel palazzo che per anni è stato sede storica della pasticceria Bellavia. Una libreria strutturata in due piani in un quartiere, il Vomero, che se fino a qualche anno fa faceva notizia per la chiusura di librerie da un periodo a questa parte sta conoscendo una vera e propria rinascita culturale. IoCiSto, la prima libreria ad azionariato popolare aperta nel 2014, la sopra citata Mooks inaugurata nel 2015 e per finire la libreria Raffaello che dopo due punti vendita nei quartieri collinari nel 2016 è sbarcata anche Via Kerbaker coniugando libreria e coffee point che danno vita a un vero e proprio caffè culturale. Tre librerie che si dividono iniziative culturali legate ai libri e non in un quartiere «affamato» di cultura

Veniamo però alla novità vera e propria della seconda sede Mooks. Oltre alla libreria vera e propria all’interno del palazzo tra librerie e mensole verrà riservato uno spazio che permetterà alle persone di poter pernottare tra gli amati libri. Per chi dei libri non può farne a meno questo è uno dei sogni che finalmente potranno realizzare. L’esperimento ha un solo precedente estero a Tokyo e molte volte è stato riportato dai siti e quotidiani italiani. Ora anche noi potremmo vivere questa esperienza più unica che rara.

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori Collinari ha così commentato la notizia: mi auguro che la nascita di questa nuova attività  possa rappresentare il primo esempio di un’inversione di tendenza che veda, in occasione della chiusura di pubblici esercizi,  quali bar, ristoranti e affini, l’apertura di luoghi di cultura e di socializzazione, rappresentati segnatamente dalle librerie, con le attività ad esse annesse e connesse, anche innovative, come quella, annunciata per il nuovo bookstore, di un Book & Bed, una novità in Italia ma che in Giappone ha fatto passi da gigante, al punto che oltre due anni fa, nel novembre del 2015, a Tokio ha visto la luce il primo hotel libreria, un albergo, realizzato dagli architetti giapponesi, Makoto Tanijiri e Ai Yoshida, che può ospitare un massimo di trenta persone, interamente dedicato agli amanti della lettura, dove le camere sono realizzate con letti collocati in mezzo a scaffali pieni di libri.

Insomma, poche settimane di pazienza e una volta terminati gli interventi di recupero la zona Books & Bed sarà operativa e appena pronta mi aspetto un bell’invito da parte della Mooks per farmi vivere quest’esperienza unica.

6 pensieri su “Books & Bed

    1. Francesca Ottobre

      La cosa bella sai qual è? È che non si vedono concorrenti tra di loro ma sono animate da spirito di collaborazione. Parlando con uno dei librai della libreria Raffaello mi disse che era contento che nel quartiere c’era tutto questo fermento culturale, che ogni sera c’è una presentazione con uno scrittore e non sai prima dove andare. Facci il pensiero di venire a Napoli, magari in occasione del Salone che stanno organizzando a fine maggio 😊

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...