#LettoriSiRaccontano: Piera de AlParadisoDeiLibri

 

Leggere-libri-660x350

Per #LettoriSiRaccontano è il turno di Piera. Anche nel suo caso l’incontro, seppur virtuale, è avvenuto in quel fantastico mondo che è Twitter, che sarà pure un social che molti faticano ancora a capire ma che per me è il luogo principale dove trovare altri con la mia stessa passione: i libri. Come me Piera ha iniziato a leggere grazie ai fumetti (mi perdonerà se io ho sempre preferito Paperopoli a Topolinia) e come me questa passione l’ha portata ad aprire un blog, Al Paradiso Dei Libri, per renderci partecipi delle sue letture. Lascio a lei raccontarsi. 

A volte lettori si nasce. Altre volte lo si diventa. Io credo di appartenere alla prima categoria.

Genitori e parenti mi hanno raccontato che, quando ero piccola, sedevo a sfogliare le pagine di Topolino e, non sapendo leggere, inventavo storie e dialoghi traendo spunto dalle immagini. Ma non era sufficiente. Così, un giorno, all’età di quattro anni, mio padre ha deciso di insegnarmi a leggere e scrivere. Ho un vago ricordo, offuscato, della prima parola letta sul giornale dei programmi TV: Mercoledì. Quell’apparentemente insignificante, ma non per me, giorno della settimana ha aperto le porte a nuovi mondi.

Dai fumetti sono passata alle fiabe, che leggevo prima di andare a dormire. E dalle fiabe sono, finalmente, approdata in prima elementare dove la maestra di italiano mi ha fatto scoprire il magico potere dei libri attraverso Marcovaldo di Italo Calvino. Ogni giorno sedeva al centro della classe e, con il suo tono di voce, riusciva a attirare l’attenzione di tutti, narrandoci le disavventure dell’ingenuo e sfortunato manovale.

A nove anni sono entrata nel fantastico mondo di Harry Potter. Inutile dire che non ne sono mai uscita e che attendo ancora la lettera da Hogwarts.

Sotto l’albero di Natale ho iniziato a trovare I ragazzi della via Paal, La freccia nera, Piccole donne. Letture che, inizialmente, non riuscivano a coinvolgermi ma che, col senno di poi, mi hanno insegnato tanto: soprattutto ad amare i classici.

Mi definisco una lettrice “onnivora” e curiosa: spazio dai romanzi ai thriller, dai libri di avventura ai fantasy, dai gialli ai grandi classici intramontabili, a volte anche in francese e inglese. Sarebbe impossibile decretare, fra tutti i libri che ho letto, il mio preferito. La mia lista si estende da Anna Karenina a 1984, da Il buio oltre la siepe a Margherita Dolcevita per arrivare anche a titoli sconosciuti come Le candele brillavano a Bay Street. Ogni libro reca con sé un ricordo.

Oggi studio Lingue e Letterature Moderne e questo ha allargato ancor di più i miei orizzonti fino a scoprire una nuova passione: quella per la letteratura francese, soprattutto contemporanea.

Quest’estate, durante un pomeriggio di noia, ho deciso di intraprendere una nuova avventura. Così, dalla voglia di condividere il mio amore per la lettura, ho dato vita al mio piccolo blog Al Paradiso dei Libri, la mia oasi di pace.

 

Come sempre rinnovo l’invito per tutti quelli che hanno voglia di raccontarmi come è nata la loro passione: Scrivetemi 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...