Home » Letteratura italiana » Il fu Mattia Pascal

Il fu Mattia Pascal

9788806177454_0_0_320_80

    • Titolo: Il fu Mattia Pascal
    • Autore: Luigi Pirandello
    • Editore: Einaudi
    • Data di pubblicazione: 1904 (prima pubblicazione)
    • Acquista il libro su Amazon: Il fu Mattia Pascal 

Mattia Pascal vive a Miragno e non ha problemi economici grazie alla discreta eredità che gli ha lasciato suo padre. Il patrimonio è gestito da Batta Malagna, un disonesto che poco a poco deruba la famiglia Pascal senza che loro se ne rendano conto. Quando Mattia mette incinta la nipote di Malagna è costretto a sposarla e, inoltre, visto che la fortuna ereditata si è assottigliata è costretto a cercar lavoro e trova un impiego come bibliotecario, in un paesino che è quasi del tutto analfabeta e che di certo non legge. La vita matrimoniale di Mattia si trasforma ben presto in un incubo; i figli messi al mondo non sopravvivono e per di più con la coppia vive anche la suocera di Mattia che non perde occasione per esprimere disappunto per il genero verso cui non nutre alcuna simpatia.

Mattia decide di dare una svolta alla sua vita partendo alla volta di Montecarlo per tentare fortuna al gioco. Mattia stenta a crederci quando vince una considerevole somma di denaro con cui potrebbe riscattare la sua vita. Mentre è sul treno del ritorno la notizia di un suicidio avvenuto nella sua Miragno cattura la sua attenzione e quando legge che il cadavere è stato identificato con lui è incredulo. Dopo lo stupore iniziale Mattia decide che quella notizia la userà a suo favore non facendo più ritorno a Miragno. Mattia con la sua vecchia vita non vuole averci più a che fare e decide di seppellire Mattia Pascal e ribattezzarsi come Adriano Meis. Dopo aver girato diverse città decide di stabilirsi stabilmente a Roma prendendo una camera in affitto.

Mattia-Adriano capisce in fretta che una nuova identità non consiste con l’adottare un nuovo nome; anzi in quanto non registrato perché fittizio l’appellativo Adriano Meis non gli garantisce i documenti necessari per poter sposare la figlia del suo affittacamere. Decide di porre fine anche a questa nuova identità e tornare a Miragno per riappropriarsi di Mattia Pascal se non fosse che una volta arrivato si rende conto che le persone sono andate avanti anche senza si lui; sua moglie si è risposata con il suo migliore amico ed hanno avuto una figlia. L’unica cosa che resta a Mattia è il posto da bibliotecario che deciderà di svolgere lontano da tutti.

Ne Il fu Mattia Pascal ci sono i temi che caratterizzano tutta la produzione pirandelliana: il tema della trappola sociale, dell’identità e della maschera. Mattia è stritolato in un matrimonio d’interesse, è vittima di soprusi e disonestà altrui al quale non si ribella se non attraverso la fuga. Scappa dalla sua famiglia, scappa quando gli si presenta l’occasione dopo il viaggio a Montecarlo e scappa dalla sua nuova identità. I temi di identità e maschera tanto cari all’autore qui trovano la loro massima espressione. Identità e maschere che si fondono e che vengono rigettate o uccise a seconda del desiderio dell’interessato.

Insieme a Uno, nessuno e centomila, Il fu Mattia Pascal è il romanzo più rappresentativo di Luigi Pirandello, divenuto negli anni un classico della letteratura letto e studiato nelle scuole con trasposizioni cinematografiche e teatrali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...