Un anno di Amabili Libri!

tumblr_inline_o28f9y3THL1tnp3u5_540

Pensavo: lo faccio o non lo faccio? Ne parlavo qualche giorno fa con Luisa che il blog a breve avrebbe raggiunto un anno di vita. Quando lei mi ha detto che intenzione avevo di scrivere subito le ho detto che non avevo intenzione di scrivere niente, però poi ho pensato se le coppiette hanno il coraggio di festeggiare una cosa assurda come il mesiversario perché io non posso celebrare, seppure con un post, un traguardo come un anno di blog?

Quindi eccoci, oggi di un anno fa un primo post ha dato il via a Gli Amabili Libri. Nel corso dell’anno a tutti quelli che mi hanno contattato e si rivolgevano a me come blogger ho sempre risposto che non sono blogger ma lettrice (anzi, si saranno pure scocciati a sentirmi correggerli), però è vero e in un anno non ho cambiato idea, sono e resterò lettrice.

Non ho intenzione di farvi perdere tempo e quindi non vi dirò dell’intervista al Corriere Del Mezzogiorno nella rubrica Essere Blogger a Napoli (grazie ancora ad Alessandro Chetta), né della tweet intervista con Casa Lettori (grazie a Maria Anna, non solo per questo), non vi dirò delle tante recensioni uscite sul blog di IO Donna del Corriere della Sera, del bellissimo pomeriggio passato nella sede di Einaudi Stile Libero a Roma a chiacchierare  del libro “Cosa pensano le ragazze” con Concita De Gregorio e Michela Murgia, dove ho conosciuto Paolo Repetti (e le stupende blogger Giuditta, Laura, Giovanna) e non vi dirò della bellissima collaborazione che ho iniziato con GoodBook, collaborazione che mi rende orgogliosa e felice. Per finire non vi dirò neanche dei tantissimi scrittori che mi hanno contattato ringraziandomi personalmente per le recensioni che hanno apprezzato (qui l’elenco sarebbe lungo, e alcuni scrittori li porto nel cuore e invece di essere loro a ringraziare me ringrazio sempre io loro). Insomma tutte queste cose non ve le dirò perché come avete capito non sono una persona che si vanta.

Evitando di fare un discorso di ringraziamento stile vincitore di un Oscar che inizia dal ringraziare i genitori e finisce con i cugini di secondo e terzo grado, un grazie doveroso va semplicemente a chi ogni giorno impiega parte del suo tempo a leggere qualche post, commentarlo e condividerlo. La cosa più bella è quando mi dicono di aver preso un libro dopo aver letto una mia recensione in proposito. Certo, non smuovo le masse, ma si inizia con pochi per arrivare chissà dove, un paso a la vez! 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...