Home » letteratura internazionale » Bartleby lo scrivano

Bartleby lo scrivano

9788807820052_quarta

    • Titolo: Bartleby lo scrivano
    • Autore: Herman Melville
    • Editore: Feltrinelli
    • Data di pubblicazione: 1853 prima edizione originale
    • Compra il libro sul sito di Amazon: Bartleby lo scrivano

In uno studio legale di Wall Street l’impiegato Bartleby svolge con diligenza il suo lavoro da copista, peccato che si rifiuti di svolgere qualsiasi altro compito richiesto dando al proprio principale sempre la medesima risposta: avrei preferenza di no. Questo strano comportamento non passa inosservato e per quanto il principale cerchi di capire il perché del rifiuto di Bartleby si vede costretto a licenziarlo. La sorpresa sta nel vedere che Bartleby nonostante il licenziamento si presenza con costanza al suo posto di lavoro come se nulla fosse successo. Il titolare dello studio, che è anche il narratore del racconto, esasperato da questa situazione a cui non riesce a venire a capo, scopre inoltre che Bartleby non ha casa e amici propri e vive nello studio legale. La situazione diventa sempre più assurda e inspiegabile con un datore di lavoro che non riesce a licenziare e sfrattare un proprio impiegato e che è quindi costretto a trasferire altrove la propria attività. Quando infine Bartleby viene arrestato per vagabondaggio, il titolare va a trovarlo in prigione e nota che lo spirito di Bartleby è sempre lo stesso, se non peggiorato: Bartleby si rifiuta persino di mangiare e ciò ovviamente lo porterà a morire.

Il senso che più prevale in questo libro è la curiosità. Curiosità verso il comportamento di Bartleby, il suo distacco da ogni cosa, che tu speri possa essere spiegato almeno alla fine del libro, cosa che non avviene. Il narratore prova a dare una spiegazione personale, attraverso alcune sue ricerche viene a sapere che il lavoro precedente di Bartleby era all’ufficio delle lettere smarrite, e ipotizza che lo stare a contatto con delle lettere morte lo abbia portato alla depressione. Bartleby rifiuta costantemente tutto ciò che gli viene chiesto, ma non con arroganza o prepotenza, anzi, con leggerezza ed educazione.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...