Terapia di coppia per amanti

91g3L92RsJL

    • Titolo: Terapia di coppia per amanti
    • Autore: Diego De Silva
    • Editore: Einaudi
    • Data di pubblicazione: 27 Ottobre 2015

La terapia di coppia ha come scopo principale quello di superare le crisi, recuperare un’intesa e vivere la relazione in un modo nuovo e soddisfacente. Una coppia di amanti non vive la propria storia alla luce del sole ma sempre coppia è e quindi se hanno dei problemi la terapia può servire anche a loro, visto che nessuna regola deontologica vieta a due amanti clandestini di andare in analisi.

Viviana e Modesto Fracasso (stiamo parlando di De Silva, l’inventore di Malinconico, un nome normale questo personaggio mica poteva averlo) sono a un punto cruciale della loro storia, almeno secondo lei. Modesto è il classico maschio che vive con leggerezza i suoi rapporti, che non ama le discussioni e che nell’incertezza ci sguazza e ci sta bene. Modesto è il tipo di persona che nelle situazioni ci capita senza neanche sapere come e se non gli sta bene comunque non se ne tira fuori, insomma non agisce anzi subisce e in questo caso subisce l’imposizione della compagna. Viviana è la classica donna che sulle cose ci rimugina più del dovuto e che è disposta a per salvare il salvabile, anche trascinare il suo compagno da un analista che li aiuti a superare questa crisi che ha colpito la loro coppia.

La narrazione è a due voci, quella di Modesto e Viviana, che permette di capire come le situazioni della coppia siano vissute in maniera completamente diversa; Viviana ha un atteggiamento a volte quasi ossessivo e suo malgrado ossessionata da Modesto che sente che non vive la storia sulla sua stessa lunghezza d’onda, Modesto ha una filosofia di vita che potrebbe racchiudersi in oggi ci siamo, domani chissà.

Diego De Silva in questo romanzo sfodera le sue armi migliori: sarcasmo, ironia e tantissime riflessioni (ma proprio tantissime, De Silva, giusto perché ti voglio bene assai molte divagazioni te le perdono). Viviana e Modesto sono due grandi ottimi personaggi che sanno bilanciarsi alla perfezione, non a caso la scelta di una narrazione a due voci che si alterna, così come funziona e piace la figura del terapista che decide di prendere con sé questa coppia di amanti sperando di riuscire anche lui a cucire il rapporto con la sua di amante.

Vi do un consiglio: prendete il libro per quello che è senza starci a pensare troppo. Mi è capitato di parlare con altri lettori di questa lettura e alla fine più che parlare del libro si divaga sul tradimento, sui rapporti matrimoniali e di coppia e su cosa sia giusto e sbagliato. In amore giusto e sbagliato non è poi così semplice da delineare. Tradire non è corretto specie nei confronti della persona che si ha al proprio fianco. Sarebbe sempre più giusto lasciare prima di iniziare un nuovo rapporto ed evitare di trovarsi col piede in due scarpe. L’amore però delle regole e della logica se ne frega spesso e ti ritrovi in situazioni in cui mai e poi mai avresti pensato di finirci. Soprattutto questo libro non vuole fare la morale a nessuno e non vuole giudicare nessuno. Non la vedete come la storia di due amanti, vedetela come la storia di una coppia in crisi. Non giudicate male Viviana che è disposta di più a salvare il suo rapporto clandestino piuttosto che il suo matrimonio. È un libro e come tale va preso.

(Questo post è presente anche su Idea Napoli)

 

2 pensieri su “Terapia di coppia per amanti

  1. Di De Silva ho letto i tre romanzi con Malinconico. Mi è piaciuto il primo, Sono contrario alle emozioni, perché l’ho trovato ironico e divertente e quindi ho continuato con gli altri due. Però lo schema si è ripetuto e mi sono un po’ stancata. Questo non l’ho preso proprio per incertezza. Mi fa piacere leggere le tue osservazioni e mi sembra di poter evitare questa lettura.

    Piace a 1 persona

    1. Francesca Ottobre

      Sono d’accordo con te sul fatto che Malinconico sia il personaggio meglio sviluppato da De Silva di cui ho apprezzato altri libri come “Mancarsi” o “Certi bambini”. A chi mi chiede se leggere questo resto sempre un po vaga, parliamo comunque di un grande autore, che però con questo libro non è stato all’altezza di ciò a cui ci ha abituato.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...