Home » Narrativa » Branchie

Branchie

978880618428MED

    • Titolo: Branchie
    • Autore: Niccolò Ammaniti
    • Editore: Einaudi
    • Data di pubblicazione: 1994
    • Compra il libro su Amazon: Branchie

*Ai miei lettori

Quando, nel 1993, scrissi Branchie ero ancora uno studente di biologia all’università di Roma. Mi mancava poco alla fine, qualche esame (chiaramente i più duri) e l’agognata laurea. Stavo tutto il giorno in facoltà, in un laboratorio di neurobiologia, a fare gli esperimenti che mi sarebbero serviti per una tesi intitolata Rilascio di Acetilcolinesterasi in neuroblastoma (chiaro?). Il tempo passava, i miei compagni si laureavano, si sposavano, trovavano lavoro, morivano e io continuavo a stare là dentro. Alcuni, ormai, mi scambiavano per un bidello. I professori mi domandavano quando, più o meno, avessi intenzione di laurearmi (quanto sono stati pazienti!) e io rispondevo “Tra poco. Tra poco. Ho finito gli esperimenti e sto scrivendo i risultati”. E questo era vero parzialmente. La tesi, dopo una decina di pagine, smetteva bruscamente di parlare di neuroni, sinapsi e neuromediatori e raccontava una storia di pesci e fogne e di malvagi chirurghi estetici. Branchie nasce come un tumore (maligno?) di una tesi in biologia. Non mi sono mai laureato, chiaramente (con costernazione dei miei parenti e infinito sollievo dei miei insegnanti) ma almeno ho pubblicato Branchie. 

Marco Donati, malato terminale di cancro ai polmoni, è proprietario di un negozio di pesci a Roma; riceve un giorno una curiosa offerta lavorativa da parte di una donna inglese che abita in India che prevede la costruzione di un acquario: il più grande di Delhi. Marco non ci pensa molto e decide di partire per l’India, ma quando scoprirà che la donna che gli ha proposto il lavoro non c’è più si troverà senza impiego, soldi o qualcuno che conosce in una città che non è la propria. Da qui in avanti si susseguiranno una serie di vicissitudini che portano Marco a vivere situazioni bizzarre ed improbabili. Il punto di forza di questo romanzo è proprio l’assurdità delle situazioni in cui il protagonista si troverà; probabilmente non il miglior libro che ho letto di Ammaniti ma che non mi dispiace di aver fatto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...