L’audace colpo dei quattro di Rete Maria che sfuggirono alle miserabili monache

cover (1)

    • Titolo: L’audace colpo dei quattro di Rete Maria che sfuggirono alle miserabili monache
    • Autore: Marco Marsullo
    • Editore: Einaudi (Stile Libero)
    • Data di pubblicazione: 12 Giugno 2014

Dimenticate i vecchietti stazionati su poltrone che guardano la televisione h24 e magari le sbraitano pure contro. Dimenticate i vecchietti che passano le loro giornate tra piazzetta, tavolini al bar a giocare a carte e a fissare l’ultimo cantiere che hanno inaugurato. Questi vecchietti hanno altri piani e vi faranno capire che l’età è solo un numero ed è veramente l’ultima cosa che conta.

Dino Agile è un mix di cinismo e odio verso tutti. Si può dire che odia la maggior parte delle cose che ci sono sulla terra e farebbe un elenco delle cose che odia se non fosse che odia fare pure gli elenchi. Dal suo odio costante si salvano solo tre cose, anzi tre persone: i suoi tre migliori amici Rubirosa, Guttalax e Brio.

Rubirosa, un metro e novanta di statura e capelli tinti di nero petrolio da cui sfugge un solo ciuffo bianco indomabile. Il soprannome lo deve alla somiglianza con un playboy degli anni Cinquanta e come lui ama far conquiste catturando le sue prende (tutte rigorosamente over 60) con un perfetto spagnolo. Guttalax il più dolce e ingenuo del quartetto e infine Brio che gira sempre armato di fionda per colpire qualsiasi cosa gli capiti a tiro.

I quattro alloggiano tutti a Villa delle Betulle, una casa di riposo gestita dalle miserabili monache che quando organizzano una gita a Roma per la beatificazione di Giovanni Paolo II offrono al gruppo l’occasione della vita: scappare. Solo questo direte voi? No, troppo ovvio. Il piano è più elaborato e contorto e oltre alla fuga prevede nell’ordine l’occupazione di uno studio televisivo, il rapimento e il sequestro di una persona (in questo caso Padre Anselmo) e la recita del rosario come Dio comanda in diretta nazionale.

Per Dino Agile questo piano rappresenta l’opportunità da non lasciarsi sfuggire, un’opportunità che si chiama Flaminia Bocchi, la ragazza di cui era pazzamente innamorato e che gli aveva regalato l’anno più bello della sua vita fino al giorno in cui lei si era resa conto che la differenza sociale tra i due era un problema e che quella relazione non aveva futuro. Quindi sì, va bene assecondiamo Brio, scappiamo da quelle miserabili suore, sequestriamo il prete ma prima di tutto c’è pensiamo a Flaminia visto che io non ho mai smesso di pensare a lei.

Tra situazioni esilaranti, stravaganti e paradossali, i fantastici quattro proveranno a mettere in atto il loro assurdo piano.

L’audace colpo dei quattro di rete Maria che sfuggirono alle miserabili monache è una commedia allo stato puro, di quelle che ti fanno ridere fino alle lacrime (consiglio, non leggetelo in luoghi pubblici se non volete dare spettacolo) e che senza neanche te ne accorgi ti fa scendere la lacrimuccia di commozione (non vi dico perché, quando lo leggerete capirete a cosa mi riferisco). Che Marco Marsullo fosse bravo lo avevo intuito con il suo formidabile libro d’esordio, che fosse così bravo l’ho capito con questo suo secondo che conferma il suo innegabile talento. Non mi ero mai divertita così tanto durante la lettura di un libro, il suo stile fatto di ironia, leggerezza e umorismo lo rendono unico. L’asticella delle mie aspettative nei suoi confronti è salita ancora di più, vediamo cosa succederà nel prossimo.

Leggi la recensione pubblicata sul blog Io Leggo di Io Donna- Corriere della Sera del 6 agosto 2015!

Un pensiero su “L’audace colpo dei quattro di Rete Maria che sfuggirono alle miserabili monache

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...