Home » letteratura internazionale » Uomini senza donne

Uomini senza donne

6140911_415378

    • Titolo: Uomini senza donne
    • Autore: Haruki Murakami
    • Editore: Einaudi
    • Data di pubblicazione: 16 Giugno 2015
    • Compra il libro su Amazon: Uomini senza donne

“Perdere una donna significa perderle tutte”. Gli uomini senza donne che Murakami ci presenta in questi sette racconti, sono uomini che hanno perso le loro donne per vari motivi, tradimento, abbandono, vedovanza o semplice incompatibilità di carattere e sono uomini che si sono resi conto di non riuscire a tenere in piedi una relazione e di non riuscire a creare rapporti stabili e duraturi con quelle donne che per un periodo della loro vita hanno effettivamente amato. Interessante leggere del tema dell’abbandono dal punto di vista maschile, visto che la maggior parte, o quasi la totalità delle volte, viene rappresentato quello femminile, come se la prerogativa della sofferenza in una storia d’amore fosse riservato solo alle donne.

Nei sette racconti qui proposti, alcuni dei quali già apparsi sul New Yorker e dove l’ultimo dà il titolo alla raccolta, gli uomini raccontano la loro storia e quindi spazio all’attore che confida alla propria autista l’esser diventato amico dell’amante della moglie dopo che lei è venuta a mancare in “Drive my car” o “Organo indipendente”, il racconto a mio parere più straziante tra quelli proposti, dove un chirurgo plastico, incallito scapolo quando finalmente trova l’amore della sua vita e non riesce a vivere il rapporto con la sua donna preferisce lasciarsi morire o infine “Sherazade” dove la donna che va a trovare il proprio amante recluso in casa, incontro dopo incontro gli racconta frammenti di storie lasciando poi lui ogni volta in attesa del suo ritorno. Sono dunque uomini solitari, tormentati che sprigionano compassione e dimostrano le loro fragilità. Non stupisce che molti abbiano definito questa raccolta come una di quelle destinate a restare nel tempo, Murakami con questo libro ha decisamente dimostrato di essere unico nel suo genere.

Leggi la recensione pubblicata sul blog Io Leggo-Io Donna del Corriere della Sera del 14 Agosto 2015

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...