Home » attualità » Ferite a morte

Ferite a morte

Ferite-a-morte

    • Titolo: Ferite a morte
    • Autore: Serena Dandini
    • Editore: Rizzoli
    • Data di pubblicazione: 27 Febbraio 2013
    • Compra il libro su Amazon: Ferite a morte

Mi sono chiesta: «E se le vittime potessero parlare?» Volevo che fossero libere, almeno da morte, di raccontare la loro versione, nel tentativo di ridare luce e colore ai loro opachi fantasmi. Desideravo farle rinascere con la libertà della scrittura e trasformarle da corpi da vivisezionare in donne vere, con sentimenti e risentimenti, ma anche, se è possibile, con l’ironia, l’ingenuità e la forza sbiadite nei necrologi ufficiali. Donne ancora piene di vita, insomma. Ferite a morte vuole dare voce a chi da viva ha parlato poco o è stata poco ascoltata, con la speranza di infondere coraggio a chi può ancora fare in tempo a salvarsi. (Serena Dandini)

Sembra un controsenso il fatto di essermi ritrovata a leggere questo libro l’otto marzo, giorno della festa della donna. Cambia la donna, l’età o il paese in cui si trova, ma tutte queste donne hanno in comune il fatto di essere state uccise dal proprio compagno o ex. Sono storie in cui amore e morte viaggiano su due binari che, purtroppo, sono costretti ad incontrarsi. E’ contraddittorio il fatto che sia proprio l’amore, o meglio la fine di esso a spingere un uomo ad uccidere una donna; il “se non sei mia non sarai di nessun altro” sembra quasi il motto di questi “uomini” (difficili definirli tale). Iniziato in mattinata e finito dopo pranzo, queste storie ti catturano una dopo l’altra e per quanto le abbia lette in fretta non credo che le dimenticherò facilmente e velocemente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...