Tutto sarà perfetto

tutto sarà perfetto

  • Titolo: Tutto sarà perfetto
  • Autore: Lorenzo Marone
  • Casa Editrice: Feltrinelli
  • Data di pubblicazione: 30 Maggio 2019

E dire che all’inizio Lorenzo Marone un po’ lo snobbavo. Lo consideravo un autore da storie leggere, troppo leggere, dai buoni sentimenti da cui io me ne tenevo volentieri alla larga. C’è voluto un giro in libreria senza fretta, un titolo che colpì subito la mia attenzione e una trama promettente per far cadere qualsiasi forma di resistenza e decidermi a leggere quel Magari domani resto che mi ha fatto entrare nell’universo maroniano senza più uscirne.

A distanza di un paio di anni Lorenzo Marone è entrato in quella mia personale rosa di autori le cui uscite attendo particolarmente, quelle che sul calendario contrassegno con la voce libri da non lasciarsi scappare. Quelle storie da cui io con snobismo mi tenevo alla larga sono le storie che ogni tanto sento il bisogno di leggere. Esce oggi per Feltrinelli Tutto sarà perfetto dove Lorenzo Marone ci racconta una storia delle sue, quelle fatte di buoni sentimenti e permeate da quella dolce malinconia tipica napoletana e tipica troisiana.

Se dovessi descrivere la famiglia di Andrea direi tutto tranne che perfetta. Libero Scotto, il padre, è un ex comandante di navi che ha passato la vita a dirigere e controllare gli equipaggi e che ha portato quella rigidità tipica di chi ricopre un ruolo di comando all’interno delle mura domestiche. Marina ha ereditato dal padre l’ossessione delle regole e del controllo probabilmente convinta del fatto che ciò che puoi controllare lo puoi anche gestire. Andrea da questa malsana rigidità è riuscito a sfuggire, peccato che si ritrovi appiccicato addosso l’etichetta di irresponsabile. Quarantenne ancora nel pieno del suo fascino, fotografo di moda ed eventi occasionali, single incallito: relazioni serie, poche, fiamme da una notte di passione, tante. I rapporti di Andrea con padre e sorella negli anni si sono ridotti ai minimi termini, fatti di telefonate sporadiche una volta ogni tanto giusto per comunicare che p vivo e che la sua vota procede.

È in una di queste rare telefonate che Marina comunica ad Andrea che dovrà occuparsi del padre nel fine settimana in cui li sarà via con marito e figlie, non prima di aver compilato un decalogo con le regole che il fratello dovrà seguire. Durante il fine settimana Andrea sarà capace di infrangere quasi tutte le regole e in barba alle condizioni precarie di salute di suo padre acconsentirà a realizzare quello che Libero definisce il suo ultimo desiderio: tornare a Procida e dire addio alla sua Delphine.

Se c’è stato un tempo in cui tutto era perfetto quello era quando Andrea era piccolo e viveva con mamma, papà e la sorella sull’isola di Procida. Forse era perfetto quando lo vedeva con gli occhi di un bambino, perché a distanza di anni ricorda solo un padre assente e quando era presente era sfuggente e pronto costantemente a riprenderlo e una madre amorevole e affettuosa che all’improvviso cambiava umore e si isolava anche dai suoi figli. Tornare su quell’isola per Andrea significa fare a botte con i ricordi dolorosi, quelli che ti velano gli occhi, ti fanno venire un groppo in gola e che se vuoi sopravvivere devi tenere a bada.

Riempivo lo spazio con il silenzio, perché ero grande e avevo già capito che la bellezza dura quanto un tramonto, e la mattina dopo ti ritrovi di nuovo con la normalità fuori dalla porta e un ricordo dolce che ti fa apparire quella normalità ancora più difficile da mandare giù.

Lorenzo Marone in questo romanzo ci parla dell’imperfezione dei legami famigliari, della malinconia dei ricordi, dell’esigenza della memoria e dell’importanza delle radici. Ci mostra il dolore e soprattutto quanto questo influenzi il nostro percorso e le nostre scelte nel momento in cui fa capolino nella nostra vita. E a proposito delle scelte, ribadisce la necessità di non perdere tempo con le scelte sbagliate e di non aver paura di rimettere tutto in discussione se quelle che abbiamo fatto non ci soddisfano più, perché la vita ne è una e vale la pena viverla nel migliore dei modi.

Il Maggio dei Libri 2019: J.D. Salinger, l’ossessione della privacy e gli scrittori di oggi!

maggio2019orizz

Il 1 gennaio 1919 a New York nacque Jerome David Salinger, lo scrittore statunitense divenuto celebre in tutto il mondo grazie al romanzo di formazione per eccellenza Il Giovane Holden. Doveroso da parte de Il Maggio dei Libri, l’iniziativa giunta alla nona edizione che celebra durante questo mese il libro e la lettura, dedicare al grande scrittore un filone tematico.

Sono sincera, Il Giovane Holden, è stata una lettura che non mi ha fatto impazzire, anzi, sincerità per sincerità, Holden guadagna i primi posti della mia personale classifica dei personaggi letterari più odiosi di tutti i tempi (si divide il podio con Il piccolo principe di Antoine de SaintExupéry).

Il romanzo uscì nel 1951 e nel 1953 in seguito allo straordinario successo del libro, Salinger iniziò a ritirarsi a vita privata, rifuggendo da qualsiasi interesse da parte della stampa e isolandosi nel suo rifugio di Cornish. Quella di Salinger verso la vita pubblica divenne una vera e propria ossessione. Il suo isolamento verso il mondo esterno fu portato all’eccesso, tanto che le notizie su di lui a un certo punto della sua vita sono cessate del tutto. La sua ultima intervista risale al 1974 al New Yorker (giornale con cui Salinger collaborava e dove nel 1965 apparve il suo ultimo racconto).

JD Salinger Portrait SessionMi piace scrivere per me stesso. Pago per questo genere di atteggiamento, Sono conosciuto come una persona strana e distaccata. Ma tutto quello che sto facendo è provare a proteggere me stesso e il mio lavoro. 

 

 

Questa cosa mi ha fatto pensare molto agli scrittori di oggi e come il rapporto con la stampa e con i lettori sia cambiato. Ci sono scrittori che farebbero carte false pur di avere un trafiletto sul giornale di cronaca locale o un passaggio in una trasmissione di un’emittente regionale e soprattutto ci sono i social network che hanno irrimediabilmente mutato il rapporto scrittore-lettore. Se fino a qualche tempo fa le uniche occasioni per poter scambiare qualche parola con lo scrittore erano le presentazioni letterarie, oggi grazie a un semplice messaggio su Facebook, Twitter o Instagram possiamo far sapere in tempo reale se quel libro ci è piaciuto o meno (e se ci è piaciuto in cosa ci è piaciuto e via discorrendo).

Oggi la barriera scrittore- lettore si è infranta e si è dato il via a questo rapporto virtuale che non ha nulla da invidiare a un rapporto reale. Mi capita di vedere lettori che si vantano di amicizie con scrittori solo perché lo scrittore in questione ha messo qualche like (va bene che dopo la storia di Marco Caltagirone vale tutto, ma andiamoci più piano a sbandierare amicizie inesistenti). Mi è capitato di vedere scrittori “corteggiare” lettori solo per la speranza di vendere qualche copia in più* e nella speranza più concreta che quel lettore lusingato da quelle attenzioni si precipiti in libreria per acquistare la copia del libro.

Avere “amici” scrittori su Facebook o seguirsi a vicenda su Twitter e Instagram è diventata consuetudine e spesso mi chiedo se questo sia sano o no in quello che poi sarà il giudizio finale del libro. Se ho lo scrittore tra gli amici avrò più pudore nel dichiarare il giudizio reale di quella lettura, perché magari ho paura che lo scrittore possa sentirsi offeso dalla mia critica o bocciatura (poi ci sono anche gli scrittori che se dici no alla loro proposta di lettura ti bloccano direttamente e dimostrano di avere un grado di maturità inferiore a un bambino di due anni*).

Quindi quello che mi chiedo e che soprattutto chiedo a voi: cosa ne pensate di questo cambiamento di rotta nel rapporto scrittore/lettore?

*tratto da una storia vera, la mia.

Persone normali

persone normali

  • Titolo: Persone normali
  • Autrice: Sally Rooney
  • Casa editrice: Einaudi
  • Data di pubblicazione: 21 Maggio 2019

Lo scorso anno il mondo letterario ha conosciuto Sally Rooney quando è rimasto impressionato da quel caso editoriale che risponde al nome di Parlarne tra amici. Rapporti amorosi nel nuovo millennio vissuto più on-line che fuori casa, differenze tra classi sociali indifferenti per qualcuno e totalizzanti per altri e uno stile arguto che ha conquistato i lettori certi che di Sally Rooney ne avrebbero sentito parlare per molto tempo ancora.

A distanza di un anno la Rooney torna con un nuovo romanzo, Persone Normali e posso affermare senza alcun timore che se nel precedente libro ci eravamo trovati nel campo dell’ottimo, qui siamo in quello dell’eccellente e sì, scomodo il parolone che molti temono e altri abusano: capolavoro.

A mio modesto giudizio nessuno come Sally Rooney tra i contemporanei ha saputo raccontare gli amori disfunzionali in cui ci ritroviamo nostro malgrado, la dipendenze e l’ossessione che si crea tra due persone incapaci di stare insieme e ulteriormente incapaci di lasciarsi. Sally Rooney ha dato voce agli amori di una generazione, la nostra, la mia e scusate se è poco.

Venendo al libro Persone Normali che esce oggi per la Einaudi, racconta il rapporto di amicizia e amore tra Marianne e Connell e di come si evolve nel corso degli anni, da quando i due frequentavano lo stesso liceo e fino all’università.

Marianne e Connell abitano entrambi a Sligo e frequentano lo stesso liceo e al momento le analogie tra i due terminano qui.

Marianne è di famiglia benestante e ha perso il padre anni prima. La madre non si cura affatto di lei e le poche volte che le rivolge la parola è per ricordarle il fallimento della persona che diventerà; il fratello esercita su di lei una violenza fisica e psicologica per il solo gusto di tormentarla.

Lorreine, la madre di Connell, lavora come domestica nella villa di Marianne, ha avuto Connell a soli sedici anni crescendolo da sola dal momento che il padre si è chiamato fuori da qualsiasi responsabilità. Presente e iperprotettiva con il figlio, Lorreine stravede ed è orgogliosa del ragazzo che sta tirando su e non potrebbe essere altrimenti visto che Connell al liceo è tra i migliori studenti, gioca nella squadra della scuola ed è nel gruppo dei popolari a differenza di Marianne che passa le ore scolastiche in completa solitudine, ignorata da tutti e considerata affetta da qualche disturbo mentale.

Quando tra Connell e Marianne scatta qualcosa (amore? desiderio sessuale?) in un tacito accordo non rivelano nulla. Per quanto attratto da Marianne, Connell è consapevole che se a scuola si sapesse della loro legame, dovrebbe dire addio alla sua popolarità e Marianne che è al corrente delle voci che girano su di lei a scuola decide di sottostare e non dire nulla.

Passano i mesi, accade qualcosa e i due smettono di vedersi salvo poi ritrovarsi entrambi studenti al Trinity College di Dublino in una situazione completamente ribaltata. Marianne è la ragazza che tutti vorrebbero conquistare, l’anima delle feste più cool, l’amica che tutti vorrebbero avere. Connell fatica ad integrarsi in quel mondo in cui non si sente mai all’altezza, preferisce starsene sulle sue interagendo il minimo sindacale per non sembrare asociale,

Quel legame che li aveva uniti al tempo del liceo riemerge e li cattura di nuovo. Adesso non ci sono più i compagni di scuola da cui nascondersi, ma al tempo stesso Connell e Marianne rifuggono da qualsiasi tipo di definizione. Non possono definirsi amici, ma non riescono a definirsi amanti e questa sorta in indefinito li legherà per molto tempo.

A Connell pesa la sua classe di appartenenza. È consapevole che anche se sarà il più intelligente e il più preparato, il gap tra lui e la classe più ricca non si azzererà e quella sua eterna frustrazione la trasmette su Marianne, rendendola a volte colpevole di quella distanza sociale.

Marianne ha passato la vita a non sentirsi amata e rifiutata e nelle relazioni interpreta costantemente il ruolo della sottomessa, perché crede di non poter aspirare ad altro. Se passi la vita a ripeterti che non meriti di essere amata, alla fine finirai per crederci.

La potenza di Sally Rooney sta tutta qui, nel raccontare la paura delle relazioni moderne, l’ansia di chi vive stando in coppia, il non sentirsi mai all’altezza di qualcuno e il sentirsi inadeguati nelle situazioni che viviamo.

Ti amo. Non lo dico per dire, ti amo davvero. A lei tornano a riempirsi gli occhi di lacrime e li chiude. Questo momento le sembrerà di un’intensità insopportabile anche nei ricordi, ma ne è già consapevole fin d’ora, mentre sta accadendo. Non si è mai considerata degna di essere amata da qualcuno. Adesso però ha una nuova vita, di cui questo è il primo istante, e anche dopo tanti anni penserà ancora: Sì, proprio così, quello è stato l’inizio della mia vita.

Benevolenza cosmica

benevolenza cosmica

  • Titolo: Benevolenza cosmica
  • Autore: Fabio Bacà
  • Casa Editrice: Adelphi
  • Data di pubblicazione: 7 Marzo 2019

Di solito a lamentarsi sono quelli perseguitati dalla cattiva sorte. Kurt O’Reilley è terrorizzato perché da qualche mese gli va tutto bene, anche le cose che sulla carta sarebbero dovute fallire. Kurt è un londinese di origini italiane e ha una vita di cui non può lamentarsi. Trentenne, un lavoro che gli piace come dirigente all’ufficio nazionale di statistica, una bella moglie, scrittrici, di cui si dichiara ancora innamorato.

Una persona abituata a lavorare con i numeri, le quantità più fredde al mondo, ha la necessità di basare tutto su calcoli e logica. Il numero non può essere interpretato, si deve prendere per quello che è e questo modo di analizzare le cose Kurt lo ha adottato anche per la sua vita e arriva ben presto alla conclusione che di logico e razionale in quello che gli sta accadendo da mesi, non c’è nulla.

Un evento insolito era quasi sempre più interessante di un evento abituale, e un lavoro che ti permetteva di entrare in contatto ogni giorno con qualcosa di strano non era forse il lavoro ideale?

Un colpo di fortuna può accadere, due colpi anche, tre, quattro, cinque, no: è follia pura.

Nell’ordine Kurt ottiene una promozione lavorativa (con relativo aumento di stipendio), guadagna una notevole somma di denaro da azioni che non gli avrebbero dovuto fruttare nulla. Non riesce a pagare una corsa in taxi perché per una sorta di congiunzione astrale tutti i tassisti londinesi si offrono di regalargliela. Un agente lo colpisce di striscio con un colpo di pistola facendogli ottenere un generoso risarcimento.

Perché le cose gli vanno tutte bene?

Siamo ai limiti del paradosso e della pazzia, direbbe qualcuno, ,a Kurt di questa benevolenza cosmica è seriamente preoccupato, tanto preoccupato che una persona razionale come lui inizia ad affidarsi a cartomanti e a cercare una risposta nel karma. Tutto, ma proprio tutto, per mettersi alle spalle quell’improvvisa buona sorte che gli ha sconvolto la vita e ritornare l’uomo di prima, quello che si lamentava dei problemi più irrilevanti come qualsiasi altra persona.

Odiare qualcuno che non ti odia può essere fonte di scompensi altrettanto gravi dell’amare qualcuno che non ti ama.

Con una storia originale e a tratti esilarante, Benevolenza cosmica è in grado di catturare il lettore sin dalle prime righe. Viviamo le trentasei ore narrate in perfetta sintonia con il protagonista. Inseguiamo i colpi di scena che si susseguono, seguiamo gli incontri surreali di Kurt e ci immergiamo completamente con lui nei suoi ragionamenti; insomma l’empatia con il protagonista è la prima cosa che scatta nella lettura.

Benevolenza cosmica di Fabio Bacà uscito per Adelphi, è tra i migliori esordi letterari che mi siano capitati tra le mani negli ultimi mesi (e senza dubbio una lettura che ha già occupato la mia personale classifica dei migliori libri di questo 2019).

Il (mio) Salone del Libro II

file-15

Ubiquità. Ecco cosa mi sarebbe servito per il Salone del Libro. Il teoria c’erano degli eventi imperdibili a cui avrei voluto assistere, in pratica c’erano file in ogni dove che quasi mi hanno fatto perdere quelli per cui ero andata fino a Torino.

In primis: Maurizio de Giovanni. Chi mi legge lo sa che ormai sono un’appassionata sfegatata dei libri del giallista napoletano (unico giallista che leggo tra l’altro) e che al Salone del Libro ha letto in anteprima assoluta il primo capitolo dell’ultimo Ricciardi che uscirà a fine giugno (il 25 per l’esattezza).

Prima dell’incontro con de Giovanni ho seguito quello con Diego De Silva e Marco Balzano (#TeamBalzano sempre) che hanno dialogato sul libro di recente uscita di Balzano, Le parole sono importanti. Inutile dire che quando metti insieme due scrittori di quel calibro il risultato non può che essere eccezionale. Diego De Silva ho avuto modo di poterlo apprezzare in più di un’occasione, mentre la sorpresa vera e propria è stata Marco Balzano: mi sono completamente innamorata (me lo sentirete dire spesso in questo post, quindi portate pazienza).

Marco Balzano ha una capacità di raccontare unica, magnetica. Darei un rene per poter assistere a una sua lezione.

In contemporanea si svolgeva l’incontro con Alberto Angela (e qui mi censuro direttamente) di cui ho potuto seguire le ultime battute, ma credetemi, quei cinque minuti sono valsi più di tante ore della mia vita.

Maurizio de Giovanni invece ha tenuto in reading de Le parole di Sara, Rizzoli, con due degli attori più bravi del cinema italiano: Fabrizio Bentivoglio e Mariapia Calzone e come già detto sopra ha deliziato i presenti con una sua chicca.

Questa cosa che a fine incontro facessero uscire tutti dalle sale per poi farli rientrare mi ha dato parecchio i nervi. In pratica ero già nella sala oro per l’incontro con de Giovanni e avrei potuto rimanere seduta al mio posticino per assistere all’incontro con Aboubakar Soumahoro e Nadia Terranova e invece no, fuori e altra fila di mezz’ora.

In pratica si rischiava di fare la fila e non potere assistere all’evento come mi è capitato con quello di Antonio Manzini (ps: ho in lettura il suo Ogni riferimento è puramente casuale, leggetelo che ne vale la pena).

Saltato Manzini ho ripiegato su Marco Malvaldi nell’attesa dell’altro evento che più attendevo: Marco Missiroli e Chiara Valerio (e qui avrei potuto aspettare anche tre giorni il fila).

Come introduce i libri Chiara Valerio nessun altro al mondo: FANTASTICA. Su Marco Missiroli non posso che dire che dal vivo è ancora più figo.

Molte cose che mi capitano nella vita hanno a che fare con i libri o sono legate ad essi. Questa ad esempio è l’esperienza più bella che ho vissuto fino ad oggi e credetemi, sto già facendo il conto alla rovescia per il prossimo anno perché una volta provato il Salone non ne puoi più fare a meno.

Il (mio) Salone del libro di Torino I

file-15

Scaramanticamente non ho detto niente fino all’ultimo. Fino alla sera prima di partire ero convinta che sarebbe successo qualcosa che avrebbe mandato tutto per aria, sia perché il mio secondo nome è ansia, sia perché come tutti i sogni che stanno per realizzarsi si fatica a credere che quella sia realtà. Ebbene questo è stato l’anno in cui per la prima volta nella mia vita sono andata al Salone del Libro, la fiera dell’editoria e del libro per eccellenza, dove tutto il gota del mondo culturale si riunisce e dove tutti i lettori sperano di andare.

Cosa è stato per me il Salone del Libro è difficile da spiegare, ancora non realizzo tutte le cose stupende che mi sono successe in quei due folli e bellissimi giorni. Per essere breve il Salone per me è stato chiacchiere, abbracci, vecchie e nuove conoscenze, file, stanchezza e scrittori che spuntavano da ogni dove. È stato girovagare tra gli stand delle case editrici che più amo, fermarmi a parlare dei libri che pubblicano, assistere alle presentazioni di scrittori che mai avrei pensato di vedere e di scrittori a cui ormai sono tanto abitata da considerarli parte della mia famiglia (ragà, ho visto più Maurizio de Giovanni che certi parenti miei).

Il venerdì è stato il giorno degli stand. Ho cercato di visitarne quanti più possibile, ma credetemi: quattro enormi padiglioni avrebbero richiesto almeno un’intera settimana. Il primo stand è stato quello della Einaudi (ovviamente). Potevo mai iniziare da uno stand diverso, io che prima o poi farò un tatuaggio di uno struzzo che certifichi il mio amore per questa casa editrice? Giammai. Che vi devo dire, quando sono entrata lì ero Alice nel paese delle mie meraviglie e le meraviglie erano quei libri che tanto amo, tutti nello stesso posto e tutti a mia disposizione. Smaltita leggermente la Einaudi Fever ho proseguito verso altri stand. NN Editore, dove ho potuto conoscere e chiacchierare con Luca Pantarotto, il fantastico SMM della casa editrice. Fazi Editore con cui da svariati mesi collaboro e che mi dà la possibilità di leggere in anteprima delle chicche del loro catalogo e che finalmente ho potuto ringraziare di persona. Feltrinelli, altra casa editrice che amo molto e che spesso mi coinvolge in iniziative legate ai libri a cui ho sempre piacere di partecipare (e per questo il mio grazie non può che andare a Valeria).

Veniamo a una delle cose, o meglio delle persone, per cui è valsa la pena tutto. Allo stand Adelphi ho potuto conoscere, chiacchierare e soprattutto abbracciare quella persona straordinaria che risponde al nome di Francesca Marson, da tutti conosciuta come nuvole d’inchiostro. Chi dice che on line non si possono conoscere belle persone mente o non ha avuto la mia stessa fortuna, perché io ho conosciuto quelle che tutt’ora sono le mie migliori amiche e mi ha permesso di conoscere anche Francesca. Oltre al nome, abbiamo in comune la passione sfrenata per la cartoleria, Grey’s Anatomy, un paio di scrittori del cuore in comune e beh, ovviamente i libri (cara Nuvole, se mi leggi ricordati la promessa fatta).

In tutto ciò stavo dimenticando che il mio giro tra gli stand ha avuto due compagne d’avventura: Francesca e Marzia. Francesca che ha capito subito che sono un’impedita nell’orientamento e che ci mancasse poco mi tenesse per mano e Marzia, la mia nuova amica milanese, lettrice doc e bravissima blogger (vi lascio qui il suo blog unlibroeunatazzadite.blogspot.com)

La cosa bella del Salone è che tra uno stand e l’altro sbucano scrittori ovunque. Vado per visitare quello de la Marcos y Marcos e spunta Pif accerchiato da giornalisti e lettori. Lascio Pif e incontro Michela Marzano e ci salutiamo tra la folla come due vecchie amiche che non si vedono da tempo. Passo allo stand Edizioni E/O dove stavo chiacchierando con Giulio Passerini dell’ufficio stampa e seduto c’è Goffredo Fofi e dietro di me Massimo Carlotto. Mi sposto per fermarmi allo stand del Corriere della Sera e incrocio Francesco Piccolo e ovviamente non potevo non fermarmi e parlare con lui (Francesco Piccolo è uno dei miei scrittori preferiti in assoluto, come ho fatto a rimanere calma non lo so neanche io). Cammino in direzione dell’OVAL e sbuca Roberto Saviano.

Tornando allo stand Einaudi, che non potevo visitare una volta sola, lì ho avuto il piacere di conoscere finalmente Marco Peano. Scrittore ed editor eccezionale e persona di una carineria unica, così come il mitico bot Einaudi, altra persona a cui non posso che dire grazie (lui sa il perché).

Vi lascio con il mio Salone in pillole (e domani appuntamento a domani per la seconda parte del post).

Donne difficili

donne difficili

  • Titolo- Donne difficili
  • Autrice: Roxane Gay
  • Casa editrice: Einaudi (Stile Libero)
  • Data di pubblicazione: 9 Aprile 2019

Quando ho visto Donne difficili di Roxane Gay ho avuto due reazioni: attrazione e respingimento. Entrambi e contemporaneamente.

Attrazione dovuta al titolo e alla copertina perché sì, è vero che di un libro conta il contenuto, ma anche vero che l’occhio vuole la sua parte e sfido qualsiasi lettore a non essersi fermato di fronte alla bellezza di una copertina e in questo caso parliamo di una copertina stupenda.

Respingimento perché i racconti non sono il mio genere preferito e perdonatemi se questa cosa l’avrete letta decine di volte su questo blog ma è vero, verso i racconti ho una specie di repulsione, non li amo e quindi me ne tengo alla larga. Respingimento perché lo scorso anno ho letto Fame e la lettura mi aveva lasciata perplessa per una serie di motivi. Sapevo che il capitolo Roxane Gay non potevo ritenerlo chiuso perché sapevo che questa autrice aveva ancora qualcosa da dirmi e quindi meritava una seconda possibilità e l’occasione l’ho presa al volo con Donne Difficili uscito qualche settimana fa per Einaudi.

Donne difficili è composto da ventuno racconti. L’ho aperto, sfogliato e appena un titolo attirava la mia curiosità leggevo il racconto. Rompersi del tutto è stato il primo, Prete cattivo il secondo, Requiem per un cuore di vetro il terzo e così via. La cosa strana (strana per me, non strana in sè) è che i racconti mi piacevano e finito uno ne iniziavo subito un altro.

Chi sono le donne difficili di cui parla Roxane Gay in questi racconti? Sono donne vere che potremmo incontrare in qualsiasi angolo del pianeta. Donne che hanno amato, sofferto e lottato. Donne vittime di violenza, donne abusate, donne offese e donne sopravvissute. Donne sposate, donne single, donne che hanno figli o donne che quei figli li hanno persi.

In questo mosaico di donne Roxane Gay non si dimentica di affrontare le tematiche che le stanno più a cuore e che l’hanno fatta conoscere. Spazio quindi a stato sociale, violenza, razza, relazioni tossiche e desiderio di maternità.

Il colore della pelle delle donne in alcuni racconti è centrale come in La negra blanca.

Sua madre è nera e suo padre è bianco ma per anni tutti hanno dato per scontato che lei fosse bianca, visto che ha gli occhi verdi e i capelli lisci e biondi. Non ha vergogna di chi è ma a Baltimora è più facile essere una bianca col culo da nera che una nera apparentemente bianca o una nera di qualsiasi altro tipo, del resto.

Altro tema ricorrente è la maternità, desiderio che diventa irrealizzabile per alcune donne e fonte di sofferenza per altre che madri lo sono state ma non lo sono più e che cercano una seconda possibilità per esserlo.

Invece di dire una parola gentile, invece di non dire nulla quando le raccontai che mio figlio era morto, mia madre aveva detto: come hai potuto permetterlo.

In Strani dèi, il racconto che chiude la raccolta, Gay racconta la storia di una donna violentata da un branco di ragazzini nel bosco tra cui c’era il suo fidanzatino. A questa violenza aveva reagito anni dopo mangiando tutto ciò che trovava, anche se non aveva fame, mangiava così anche le persone che la conoscevano smettevano di riconoscerla ed è impossibile non collegare questo racconto al libro Fame, dove appunto la Gay racconta della sua orribile vicenda.

Disse: – Non devi mai parlare di questa cosa-. Disse:- Possiamo fare finta che non sia mai accaduta-. Facemmo finta ma io no.

Cosa vuol dire essere una donna difficile? Ad essere difficili non sono le donne, ad essere difficile è la società dove queste donne vivono. Ad essere difficile è il mondo che ci circonda, che ci forma e da cui spesso siamo costrette a difenderci. I racconti di Roxane Gay sono come degli shottini di tequila: li consumi in fretta e ne vuoi subito un altro.

Mars Room

mars room

  • Titolo: Mars Room
  • Autrice: Rachel Kushner
  • Casa Editrice: Einaudi
  • Data di pubblicazione: 16 Aprile 2019

Il fatto è che continui a esistere che tu abbia in programma di farlo o meno, finché non smetti di esistere, se allora i tuoi programmi vanno in farsi fottere comunque. Ma non avere programmi non significa non pentirsi di niente.

Ci sono eventi che diventano delle vere e proprie linee di demarcazione e che stabiliscono un prima e un dopo nella vita di chi li vive. Il prima nella vita di Romi è quando faceva la spogliarellista al Mars Room; il dopo è il penitenziario dove Romi sta scontando la sua pena. Nel mezzo un’accusa di omicidio che l’ha costretta ad abbandonare la sua vita fuori e ad accettare, per quanto possibile, il suo destino dietro le sbarre.

Del passato e del presente di Romi sappiamo ben poco. Come già detto nel passato Romi lavorava in un locale dove faceva la lap-dance e dove i clienti la chiamavano Vanessa e oltre a pagare per ammirare il suo corpo ballare, potevano optare per il “pacchetto fidanzata” e questo significava comprarla e fare di lei ciò che volevano. Uno di questi, Kurt Kennedy, aveva optato per quella scelta, peccato che dalla finzione era passato alla realtà riservando a Romi attenzioni morbose e scenate di gelosia non giustificate visto il suo ruolo di finto fidanzato e questo aveva costretto Romi a prendere il suo figlioletto Jackson e scappare a Los Angeles.

Del presente sappiamo che deve scontare due ergastoli e sei anni. Sappiamo che alla vita dentro il carcere ti abitui subito e al tempo stesso non ti abitui mai. Romi sa che deve parlare il meno possibile, perché ogni parola può rappresentare un problema, sa che non deve chiedere alle altre detenute il motivo per cui sono dentro, perché a quella domanda la grande maggioranza di loro dirà che sono innocenti. Romi è consapevole che i rapporti che crea lì dentro sono fittizi e non sinceri, ma necessari per non impazzire, perché se condividi una cella di pochi metri quadrati insieme ad altre donne il minimo è legarci, non mettersele contro. E fa niente se Laura Lipp non la smette di parlare un secondo o Connor si professa un uomo nel corpo di una donna, quelle sono le uniche compagne di sventura e probabilmente le sole che possono capire l’inferno che passa una persona che ha dovuto dire addio alla propria vita fuori.

Da quell’esterno che Romi ha dovuto abbandonare arriva una notizia che la sconvolge: chi si prendeva cura di suo figlio Jackson all’improvviso non può più e Romi si rende conto che sul bambino non ha più alcun diritto genitoriale, neanche quello più elementare che le permette di sapere dove sta e con chi sta.

Rachel Kushner racconta una di quelle realtà che difficilmente trovano spazio e interesse. Spesso  si dimentica che il carcere è un luogo di redenzione e non di punizione e che chi è all’interno non perde tutti i diritti di chi è all’esterno. C’è una pena da scontare come è giusto che sia per chi ha sbagliato, ma questi non smettono di essere persone e come tali devono essere considerate. E invece le carceri diventano luoghi di perdizione non troppo dissimili dallo squallido locale di spogliarello dove Romi lavora e dove il più ricco più comprare ciò che vuole. Un luogo di violenza, brutalità e sopraffazione dove si cerca di sopravvivere.

Mars Room non è un romanzo semplice, perché mentre lo leggi e mentre provi pena per le sorti di alcune detenute, una vocina dentro la testa ti ricorda che quelle donne sono dentro perché hanno commesso dei reati e quelle situazioni potevano essere evitate se solo si fossero fermate un attimo prima di premere il grilletto di una pistola o di conficcare un coltello nel corpo di qualcuno. Al tempo stesso questo significherebbe banalizzare, essere superficiale, mettere nello stesso calderone storie di vita diverse.

Ecco il prestigio di questo libro sta tutto qui: preparatevi ad abbandonare tutte le certezze e lasciatevi trascinare dalla potenza della storia.

Vipera: nascita di una passione

1518689535324.jpg-le_stagioni_del_commissario_ricciardi__la_condanna_del_sangue_cover

E dimmi: lo sai, cos’è l’amore?

Tu che lo vendi a due lire a incontro, cinque minuti per respirarti addosso, nemmeno il tempo di guardarti negli occhi, di mormorare il tuo nome, pensi di sapere che cos’è l’amore? Che ne sai delle lunghe attese, dei silenzi sospesi nell’ansia di una parola, di sorriso?

Le tradizioni. La mia ogni venerdì Santo è quella di condividere nuovamente la recensione di Vipera sia perché è ambientato nei giorni della settimana Santa e sia perché un libro di Maurizio de Giovanni sta bene su tutto, specie quelli con protagonista il bel commissario dagli occhi verdi. Quest’anno poi tutto ciò che è legato a Ricciardi ha un sapore diverso, perché quella che a noi lettori sembrava lontanissima si sta avvicinando sempre di più: la fine del ciclo Ricciardi. Ebbene sì, dopo dodici indagini tra giugno e luglio uscirà l’ultimo libro della serie e noi lettori siamo in quella fase voglio vedere come andrà a finire ma non voglio che finisca mai.

Coincidenza vuole che Vipera sia stato il mio approccio a Ricciardi. Vi svelo come è andata. La lettrice in famiglia sono io, ho occupato ogni spazio di casa libera con i miei libri e tra un po’ mi toccherà cacciare qualche componente per far spazio ai nuovi acquisti. Mio fratello maggiore è un lettore occasionale, di quelli che mi piace leggere, ma ho poco tempo oppure che ci mette tre mesi per terminare un libro che io riesco a finire in un paio di giorni. Un giorno torna a casa con un libro di de Giovanni il cui nome non mi era nuovo e che da snob avevo subito classificato come: giallista? no grazie (non vi arrabbiate, andate avanti che poi la storia finisce bene). Non solo mio fratello lesse quel primo de Giovanni in poco tempo, ma nel giro di qualche settimana portò a casa anche gli altri per leggerli (i miracoli dei libri). Provali, mi disse, sono scritti bene, aggiunse. Io i gialli non li leggo, rispondevo piccata ogni volta che provava a farmeli leggere. Insomma questa cosa si è trascinata per vari mesi fino a quando Maurizio doveva venire a presentare un suo libro al mio paesello e allora mi decisi a leggerlo.

Il libro era Vipera. Iniziai dopo pranzo e finii verso sera. Vipera mi aveva stregato per mille motivi. La scrittura, la Napoli degli anni Trenta, i personaggi, IL personaggio. Ragazzi, io mi ero proprio innamorata di Ricciardi. Per farvela breve nel giro di una settimana e in piena #deGiovannersFever avevo recuperato tutti i Ricciardi precedenti.

Messa in pari con Ricciardi sono passata ai Bastardi e il resto è sotto gli occhi di tutti: ad ogni nuova uscita esulto come quando usciva un nuovo video di Britney Spears, faccio parte di un gruppo affiatatissimo di #deGiovanners (Sofia, Viviana, Antonella, Simonetta, Marina e l’unico uomo Basilio costretto poverino alle nostre chiacchiere) e grazie alla passione comune per i libri di Maurizio ho trovato quelle che oggi sono tra le mie due migliori amiche (Sofia e Viviana).

E ora che sulla saga che ha appassionato migliaia di lettori sta per calare il sipario un misto di malinconia e tristezza si è impossessato di noi che non vorremmo mai dire addio a un personaggio che ci ha fatto compagnia per tutti questi anni, che abbiamo imparato a conoscere, amare e a cui ci siamo affezionati. Cosa mi aspetto dall’ultimo Ricciardi? Banalmente che non sia veramente l’ultimo, magari Maurizio ci ripensa e fra qualche anno lo riporta in vita. Il matrimonio tra Ricciardi ed Enrica è fuori discussione, preferirei veder vincere la Champions League alla Juventus, ma niente fiori d’arancio per favore. Riccià stai a sentire a me, che i miei rapporti d’amore non li so far funzionare ma i consigli quelli riesco a darli bene. Caro Luigi Alfredo lo sai il detto tra i due litiganti il terzo gode? Per anni ti abbiamo visto diviso tra due donne, Enrica e Livia. Per anni anche tu non sapevi se scegliere la prima o la seconda (il finale dell’ultimo libro è come la 8×24 di Grey’s Anatomy: per me non esiste). A un certo punto è arrivata Bianca: bella, colta, di classe e ricca; insomma è la perfetta sintesi delle due precedenti. Ecco, lascia stare le bomboniere e i pranzi della domenica a casa dei genitori d’Enrica che non si possono sopportare e lascia stare Livia che per i gusti nostri è troppo possessiva e goditi la vita con Bianca.

Ironia a parte, si scherza per non piangere perché al solo pensiero che sarà l’ultima volta che saremo così in ansia per un romanzo la lacrimuccia scende. Buona Pasqua deGiovanners, vi do l’ultimo appuntamento a luglio.

È tempo di ricominciare

tempo-di-ricominciare

  • Titolo: È tempo di ricominciare
  • Autrice: Carmen Korn
  • Editore: Fazi editore
  • Data di pubblicazione: 8 Aprile 2019

È tempo di ricominciare e ricominciamo esattamente dal marzo del 1949. La seconda guerra mondiale è finita da qualche anno e le cicatrici del conflitto sono evidenti nelle città ancora distrutte e nella mente delle persone che faticano a dimenticare gli orrori causati dal nazismo. Amburgo è piana e di palazzi distrutti e di sfollati privi di un tetto sulla testa e che a fatica prova a rimettere insieme i pezzi e ripartire.

Dove avevamo lasciato le nostre amiche e dove le rincontriamo?

Henny con alle spalle una vedovanza e un divorzio ha sposato Theo di cui forse è sempre stata innamorata ha ripreso il suo lavoro da ostetrica e vede i suoi due bambini Marike e Klaus crescere e diventare i ragazzi di cui non potrebbe essere più fiera: Marike sposata con il suo inseparabile Ties e Klaus innamorato sempre di più di Alex. Henny è sicura di aver visto la sua amica Käthe la notte di San Silvestro e si tormenta in quanto non comprende perché l’amica non l’abbia fermata.

Käthe era stata arrestata nel 1945 dalla Gestapo insieme a sua madre e ora entrambe risultano disperse così come suo marito Rudy, prigioniero di guerra e detenuto in un campo di concentramento. Suo padre Alessandro Garuti si prodiga alla ricerca di quel figlio mai conosciuto la cui sorte è ancora oscura.

Ida è quella che ha coronato i suoi sogni: sposare l’amore della sua vita Tien e mettere al mondo il figlio tanto desiderato, la piccola Florentine. Tutti e tre vivono da Guste e per quanto Ida abbia lottato con tutte le forze per poter vivere il suo amore alla luce del sole, ben presto si stanca della routine familiare e ripensa più volte con nostalgia ai suoi due amori passati e alla sua posizione aristocratica che tanto le manca.

Lina, la cognata di Henny, dopo anni di lavoro in teatro ha aperto una libreria insieme alla compagna Louise e all’amico Momme chiamandola Landmann in omaggio all’amico Kurt.

È tempo di ricominciare dicevamo e lo devono fare anche loro, superare i dolori, cercare di mettersi alle spalle le mancanze e provare ad andare avanti perché c’è una vita da vivere e una storia da continuare a scrivere. Ci sono rapporti che si modificano, amori che nascono, bambini che crescono, amicizie che si solidificano.

Così come per il precedente Figlie di una nuova era, vediamo sviluppare le vite delle nostre amiche nel corso degli anni e le loro vicende personali si intrecciano con le vicende del periodo storico che stanno vivendo. Lasciati i conflitti mondiali alle spalle stavolta dovranno confrontarsi con i disordini e le manifestazioni che imperano nelle città, una guerra fredda che toccherà nuovamente il loro Paese con la nascita del muro di Berlino o l’eco della guerra in Vietnam.

È impossibile non amare questo libro, non affezionarsi alle storie e ai personaggi. Si soffre con loro, si ama con loro e si spera con loro e l’unica speranza di tutti noi lettori che abbiamo amato alla follia questi due capitoli è che il terzo volume della saga di Carmen Korn arrivi il prima possibile nelle nostre mani.